Contenuto sponsorizzato

A Paganella è Open Day, gli impianti sono gratis per i pedoni

Tante possibilità per adulti e bambini tra ciaspolate nella natura, rifugi in quota, parco giochi e gommoni. L'appuntamento per i 'pedoni' è per domenica 25 marzo

Pubblicato il - 23 marzo 2018 - 22:56

ANDALO. Domenica 25 marzo ritorna Paganella Open Day, un evento speciale per scoprire il comprensorio e i suoi rifugi. Gli impianti saranno, infatti, gratuiti per tutti i pedoni (Qui info). 

 

E dopo una giornata sulle piste oppure una ciaspolata in mezzo alla natura? "Ci si può rilassare - spiega Luca D'Angelo, direttore dell'Azienda per il turismo Dolomiti Paganella - nell’atmosfera calda e accogliente di un rifugio di montagna".

  

Vista mozzafiato sulle Dolomiti del Brenta tanta scelta dal Meriz al Dosson, dal Forst Gaggia a La Roda, senza dimenticare Dosso Larici, Malga di Zambana, Malga Terlago, Baita Lovara, Albi de Mez, Bait del Germano e Paganella Due.  

 

Al Meriz, situato a 1.447 metri, si arriva con la seggiovia quadriposto Santel\Meriz. Ricavato da un antico maso e realizzato con materiali locali, dal sasso al legno, dispone di un modernissimo impianto di riscaldamento geotermico e dispone di ben 200 posti a sedere. Apprezzato anche il servizio di bistrò esterno, con tanto di area giochi dedicata ai bambini sempre sorvegliata. 

 

Il Dosson a 1.480 metri è di fronte alla celebre pista Olimpionica 2, vicino allo Snow Park e al Paganella Kinder Club e con i suoi 250 posti permette di mangiare all’interno e all’esterno nella sua bellissima terrazza. La Roda, il più alto (2125 metri) è celebre per gli animati aperitivi all’aperto e il panorama più bello della Paganella, con la vista che spazia sul lago di Garda. 

 

Lo Chalet Forst Gaggia è una tipica e suggestiva baita di montagna situata nel cuore della Paganella, all’arrivo della telecabina 'Laghet-Pra di Gaggia, caratterizzata da un’ampia terrazza esterna ideale per gli amanti della tintarella. Proprio di fronte al rifugio c’è il Biblioigloo, la biblioteca a forma di igloo con area dedicata ai bambini, e il parco giochi Gaggia con gonfiabili e gommoni. 

 

Il Dosso Larici a 1.838 metri si trova in una posizione strategica sia per la stagione invernale che per quella estiva. Le piste da sci infatti passano proprio al suo fianco, come anche i sentieri escursionisti ci per chi ama le ciaspole.

 

La Malga Zambana, a metri 1.792, ha un ampio terrazzo che rimane soleggiato fino al tramonto con uno splendido panorama sulle Dolomiti di Brenta. Il rifugio è molto apprezzato per i numerosi eventi che vengono organizzati.

 

Lo Chalet Malga Terlago è situato a 1.827 metri, sulle piste da sci, grazie alla vicinanza con la Telecabina Doss Pelà. Apprezzato come apres-ski grazie all’esposizione della terrazza solarium e l’eccezionale vista panoramica sulle Dolomiti di Brenta. La Baita Lovara situata all’arrivo della seggiovia Campo Scuola Teresat in località Gaggia è l’ideale per rifocillarsi dopo una bella sciata e degustare delle ottime pizze. 

 

L’Albi de Mez, situato proprio all’arrivo della telecabina Andalo-Doss Pelà è l’ideale per gustare i piatti della tradizione trentina in quota anche per chi non scia. Ottimo per una pausa tra una discesa e l’altra è invece il rifugio Paganella 2, situato proprio a fianco della pista Salare.

Il rifugio Bait del Germano a circa 1.900 metri non si trova direttamente sulle piste da sci ma è raggiungibile con le ciaspole o con gli sci d’alpinismo con una comoda escursione di circa un'ora dall’arrivo della telecabina Andalo Doss- Pelà. Uno scenario davvero incantevole dove lo sguardo va dal lago di garda alle Dolomiti di Brenta.

 

La Montanara a 1.580 metri è conosciuta per l’enorme terrazza naturale con tanto di parco giochi in quota e, a fare da sfondo, una accanto all’altra, le spettacolari cime del Brenta. Il rifugio è raggiungibile da Andalo o da Molveno, dopo una bella escursione sulla neve di un paio d’ore (adatta anche ai bambini). Oppure – da Molveno – con la telecabina 'La Panoramica'.

 

Il rifugio del Brenta Pradel a 1.350 metri o re un meraviglioso panorama sul lago di Molveno e è servita comodamente da Molveno con la nuova telecabina 8 posti. Tra gli imperdibili la pizza, oltre ai piatti tipici trentini. A pochi passi dall’Albergo partono numerosi sentieri escursionistici per ciaspolatori e scialpinisti.

 

Casina Bruniol a 1.200 metri è una baita alpina sapientemente ristrutturata, nel cuore dei boschi che separano Molveno da Andalo. Un luogo facilmente raggiungibile da chi pratica scialpinismo o escursionisti con le ciaspole che amano camminare nel silenzio della natura. 

 

La Baita Pineta è un’altra accogliente struttura circondata dai boschi e raggiungibile con una bella passeggiata da Andalo o Molveno oppure con trasporto dei gatti delle nevi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:10

A lanciarlo il segretario del Partito Autonomista: "Assieme possiamo fare anche massa critica per portare avanti un certo tipo di istanze".  L'appello è rivolto alle forze di centro e autonomiste. Il segretario: "Assistiamo ad un crescendo di malessere tra i moderati nei confronti dei partiti nazionali''

23 settembre - 19:09

Il 19 settembre 2019 il Parlamento approva una mozione che mette sullo stesso piano in nome della memoria condivisa il nazionalsocialismo e il comunismo. Ma la misura, volta a compiacere i governi dell'Est Europa, non comprende la complessità della Storia

23 settembre - 16:12

L’esplosione si è verificata questa mattina in un supermercato a St.Jodok, sul versante austriaco del Brennero. Secondo la prima ricostruzione la causa dell’incidente sarebbe da ricondurre a degli operai che hanno inavvertitamente bucato un tubo del gas provocando la deflagrazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato