Contenuto sponsorizzato

I bimbi diventano pompieri per un giorno, ritorna Pompierland

Sabato 8 settembre dalle 13 bambine e bambini dai 3 ai 14 anni potranno scoprire divertendosi il mondo dei Vigili del fuoco durante l'evento Pompierland. Giuliani: "Momento aggregativo per le famiglie e festa del volontariato"

Di Luca Andreazza - 07 settembre 2018 - 16:02

RAVINA. Il sogno di ogni bimbo diventa realtà per un giorno. L'appuntamento, da cerchiare in rosso nel calendario per bambine e bambini dai 3 ai 14 anni, si tiene sabato 8 settembre al parco Itea di Ravina dalle 13.30 alle 19, momento dell'arrivo e premiazione dell'ultimo iscritto, quindi spazio a musica e cucina della Rosticceria Country Chef.

 

Trucca bimbi e zucchero filato, waterball e giochi, musica e cucina, questi gli ingredienti della quinta edizione di Pompierland, evento organizzato dai vigili del fuoco volontari di Ravina.

 

Un'iniziativa che testa le abilità dei giovanissimi tra la possibilità di attraversare ponti, spegnere incendi, scalare pareti rocciose e volare in elicottero. La novità di quest'anno è la fuga dal labirinto.

 

 

"L'obiettivo di Pompierland è quello di divertire e coinvolgere le famiglie di Ravina, cercando di creare inoltre una maggiore consapevolezza rispetto al ruolo del volontariato - dice il comandante Andrea Giuliani - il nostro corpo mette infatti a disposizione della comunità il proprio tempo, la propria professionalità e tanti servizi. Abbiamo voluto infine dedicare questo appuntamento al nostro ex capo squadra Adelmo, scomparso l'anno scorso - continua il vice comandante dei Vigili del fuoco volontari di Ravina - i bambini e la squadra giovanile erano infatti il suo fiore all'occhiello e questa è senza dubbio la giornata ideale per ricordarlo". 
 

Il corpo dei vigili del fuoco volontari di Ravina è composto da 20 unità tra i 18 e 60 anni, oltre a un decina di ragazzi della squadra allievi, cioè 13-17 anni, sempre operativi tra il controllo di estintori e idranti, ma anche tanti altri aspetti fondamentali che possono salvare le vite, attività di routine spesso non considerate, ma importantissime.

 

L'attività "promozionale" dei vigili del fuoco di Ravina non si ferma a Pompierland, anzi sono tante le importanti iniziative organizzate nel corso dell'anno, come i momenti formativi nelle scuole: "Cerchiamo costantemente di coinvolgere bambini, ragazzi e famiglie per garantire un ricambio generazionale e poter contare su pompieri di domani affiatati e preparati - conclude Giuliani -. Sono tanti i ragazzi che entrano nella nostra squadra giovanile grazie a questi incontri e appuntamenti come Pompierland". 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 12:50

Tra le zone principali dello spaccio piazza Dante e piazza della Portela, l'operazione dei Carabinieri all'alba con le unità cinofile e gli elicotteri. Coinvolti tunisini, italiani e marocchini uniti da un modello organizzativo costituito da un vincolo gerarchico. Lo spaccio anche a Rovereto, Pergine, Riva del Garda e Arco 

01 dicembre - 12:01

La notizia de il Dolomiti è stata ripresa dal giornalista Berizzi, che vive sotto scorta dopo le inchieste sull'estrema destra italiana, nella sua rubrica dal titolo ''Ruoli''. E proprio sul ''ruolo'' di Andrea Asson si discuterà in consiglio provinciale quando Bisesti dovrà rispondere all'interrogazione di Zeni: può uno che commenta la scelta del sindaco di Trento di rinunciare ai Mercatini scrivendo ''portae inferi non praevalebunt'' e che spiega di essere a Roma in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Wuhan, essere il braccio destro del numero uno alla cultura e all'istruzione?

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato