Contenuto sponsorizzato

Il questionario dell'Università di Varese conferma: ''La funivia Trento-Bondone va fatta'', Maestranzi: ''E' ora, nel programma del centrodestra in Provincia''

Sono arrivati i risultati dell'indagine dell'Università Carlo Cattaneo. Sono quasi mille le persone che hanno risposto al questionario, il 90% dice "Sì" alla funivia. Maestranzi: "I cittadini chiedono a gran voce il collegamento Trento-Bondone"

Di Luca Andreazza - 25 novembre 2018 - 03:14

TRENTO. Quasi mille risposte, 971 per la precisione, al questionario di domande sviluppate da un gruppo di studenti della Liuc-Università Carlo Cattaneo in provincia di Varese (Qui articolo). E tra le indicazioni principali quelle che il grande impianto Trento-Vason s'ha da fare, almeno per il 90,2%.

 

"In generale - commenta Dario Maestranzi, consigliere comunale in quota Patt e delegato al Bondone - ci conforta il risultato di gradimento sulla funivia. Questo rafforza la convinzione che questa opera potrebbe valorizzare la città e la sua montagna: un'infrastruttura che avvicina Trento al resto d'Europa e non solo al suo patrimonio naturale".

 

Non è l'unica indicazione da questo questionario. Il 77,9% delle risposte proviene da residenti a Trento e questo spiega anche il dato per il quale il 99,1% conosce già il Bondone. Alto in questo senso il 66,6% che sceglie questa montagna per le vacanze (rientrano anche le escursioni), mentre il 23,7% per salute e il 9,7% per lavoro. Un altro dato è quello della raggiungibilità, il 92,5% dichiara di arrivare sull'Alpe di Trento in auto: marginali gli altri mezzi come il bus. 

 

Una funivia che deve essere finanziata per il 67,8% dalla partnership tra pubblico e privato, mentre il 22,3% ritiene che il progetto deve essere totalmente in capo alla pubblica amministrazione e il 9,9% a carico esclusivamente dei privati. E il grande impianto dovrebbe prevedere corse più frequenti durante il giorno, ma in diminuzione di sera e notte (71,7%). Il 77,4% afferma che se la funivia fosse in funzione la utilizzerebbe.

 

Se si analizza la domanda "Quanto sarebbe disposto a pagare un biglietto per la tratta Trento-Vason?", il più generoso si spinge verso i 30 euro, mentre la maggior parte si attesta intorno ai 10 euro, una media di 5 euro a tratta. "I dati sono interessanti e in linea con il ragionamento dell'amministrazione. Il costo del biglietto anche presenta spunti utili - aggiunge Maestranzi - senza dimenticare abbonamenti, pacchetti famiglia, combinazioni con skipass e Muse. Il prezzo del ticket non deve rappresentare un lato debole, non deve disincentivare l'utilizzo della funivia, che nel questionario verrebbe utilizzata tutto l'anno e tutto il giorno".

"Si deve chiarire un elemento fondamentale - prosegue il consigliere comunale - il Bondone ha un valore inespresso, un luogo di qualità ambientale e bellezza paesaggistica. Spesso ci dimentichiamo di questa realtà, che tutti gli studi o le indagini invece ci ricordano: le persone che visitano la montagna di Trento ritornano a casa con la certezza di un luogo bellissimo".

 

L'obiettivo futuro è quello di mettere in collegamento Trento e il Bondone: "Se uniamo queste bellezze - evidenzia il delegato - l'effetto è quello di esaltare i punti di forza di entrambe le componenti. Questo questionario deve essere preso nella giusta considerazione, ma rappresenta fedelmente i nostri riscontri: i cittadini di Trento ci chiedono a gran voce di valorizzare la montagna e il punto di partenza è la funivia".

 

Un discorso ormai che si avvicina al secolo di storia. "I tempi sono maturi. Se copiamo i modelli finanziari e gestionali usati ovunque - conclude Maestranzi - siamo convinti che sarebbe un'opera che migliorerebbe la qualità della vita dei cittadini e che produrrebbe ricadute economiche e occupazionali molto importanti. Il Comune di Trento deve inserirla nel Prg e la Provincia deve far pervenire una proposta tecnico-finanziaria partendo dal lavoro già fatto di Trentino Sviluppo: la coalizione di Fugatti ha dato notevole visibilità in questa opera nel suo programma. Ci sono tutti gli elementi per andare fino in fondo: intenzioni politiche e gradimento popolare".

 

"Questo questionario - commenta Sofia Ansaldi, tra gli autori del lavoro insieme a Rossana Santonicola, Sofia Brunella e Riccardo Moroni - è stato predisposto per il superamento di un esame di Metodi quantitativi per economia, finanza e management: l'intento è quello di capire l'opinione dei cittadini in merito alla funivia, ma anche le conseguenze in termini di indotto turistico e impatto ambientale". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 agosto - 06:01

Sono 15.614,29 gli ettari di superficie complessiva notificata bio e in conversione nel 2018 per 1.309 operatori, quasi un raddoppio in termini di ettari rispetto ai dati del 2017. Numeri che si trovano nella risposta dell'assessora Giulia Zanotelli all'interrogazione di Lucia Coppola (Futura). L'ex assessore: "Stanziati solo 5 milioni contro i 21 della volta precedente. Bocciato un emendamento del Patt che chiedeva più soldi per il comparto"

24 agosto - 11:39

L'inizio del concerto è previsto alle 14. Pur essendo stati previsti dei servizi di trasporto speciali, ci sono già code e rallentamenti in A22 all'uscita di Bressanone

24 agosto - 09:59

I tecnici sono al lavoro per scoprire le cause che hanno portato alla diminuzione dell’afflusso d’acqua: alla base potrebbe infatti esserci una perdita nell’acquedotto, oppure l’eccessivo consumo dovuto alle numerose presenze, ma anche le piogge scarse che potrebbero aver intaccato le riserve della sorgente

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato