Contenuto sponsorizzato

Sempre più vecchi con sempre meno figli. Gli ottantenni superano i neonati ma il Trentino Alto Adige resta al top per le nascite

Tra i dati sempre più drammatici del Paese, Bolzano e Trento restano i luoghi dove le donne hanno più figli (rispettivamente 1,74 e 1,49). I maschi trentini sono quelli del nord che hanno figli più tardi (35,8 anni). I nomi più diffusi in Italia tra i neonati sono Francesco e Sofia, in Trentino e Alto Adige cambiano

Di Luca Pianesi - 09 dicembre 2018 - 16:56

TRENTO. Sempre più vecchi, sempre con meno bambini in uno Stato che è l'unico in Europa ad avere più ottantenni che nuovi nati. Pochi giorni fa sono stati pubblicati i nuovi dati Istat sulla natalità e il quadro che emerge per l'Italia è davvero allarmante. Tra il 2016 e il 2017 i bambini sono diminuiti di oltre 15 mila unità mentre sono quasi 120 mila in meno i nuovi nati rispetto al 2008. ''La fase di calo della natalità innescata dalla crisi avviatasi nel 2008 - spiega senza mezzi termini l'Istat - sembra quindi aver assunto caratteristiche strutturali''.

 

Il primato dei livelli più elevati di fecondità spetta al Nord (1,37 nel Nord-ovest e 1,38 nel Nordest), e a trainare sono soprattutto le Province di Bolzano e Trento (rispettivamente 1,74 e 1,49) e in Lombardia (1,39). ''Al Centro e nel Mezzogiorno - scrive l'Istat - i livelli di fecondità sono molto vicini (1,27 e 1,29) ma, rispetto all’anno precedente, il Mezzogiorno è rimasto pressoché stabile mentre al Centro il numero medio di figli per donna è sceso da 1,31 e 1,27. A livello regionale, la Sardegna presenta il più basso livello di fecondità (1,06), ancora in diminuzione rispetto al 2016 (1,07)''. La media nazionale è di 1,32

 

Uno dei veri e grandi temi che la politica dovrebbe affrontare con sempre maggiore insistenza, ogni giorno, con sempre nuove proposte e attenzione, quindi, sarebbe proprio quello della natalità. Il Paese invece applaude a ulteriori sforamenti del debito per riuscire ad abbassare le età delle pensioni e l'unica ipotetica soluzione (che a questo punto non si sa più se è stata una boutade o una proposta seria) lanciata negli ultimi mesi sarebbe stata quella di regalare della terra a chi fa il terzo figlio. Terzo figlio che è sempre più raro in un nucleo familiare e ormai anche gli stranieri, che negli ultimi anni hanno tenuto in piedi il ricambio generazionale, sono a loro volta in calo (anche se resterebbero comunque soprattutto loro a poter fruire della proposta lanciata dal governo M5S-Lega). Le donne italiane, infatti, ormai hanno in media 1,24 figli, le straniere che vivono in Italia 1,98

 

In generale, comunque, ''le donne residenti in Italia - scrive l'Istat - hanno accentuato il rinvio dell’esperienza riproduttiva verso età sempre più avanzate; rispetto al 1995, l’età media al parto aumenta di oltre due anni, arrivando a 31,9 anni; in misura ancora più marcata cresce anche l’età media alla nascita del primo figlio che si attesta a 31,1 anni nel 2017 (tre anni in più rispetto al 1995). Le regioni del Centro sono quelle che presentano il calendario più posticipato (32,3 anni) insieme a Basilicata e Sardegna (rispettivamente 32,7 e 32,5 anni). In Trentino le donne partoriscono in media intorno ai 32 anni (nel 1995 era intorno ai 30,4 anni), a Bolzano ai 31,7 (nel '95 era 30).

 

I maschi trentini, invece, sono tra i più ''tardi'' nel fare figli. Se la media nazionale è di 35,4 anni, i trentini in media lo hanno a 35,8 anni, il dato più alto nel Nord Italia (pareggiano, invece, con marchigiani e laziali e fanno meglio solo dei lucani, dei molisani e dei sardi, tutti sopra i 36 anni).

 

A livello italiano i nomi preferiti per i nuovi nati, anche nel 2017, si confermano Francesco e Sofia. In Trentino vince Leonardo per i maschi e Sofia per le femmine, mentre in Alto Adige (caso unico in Italia) Samuel e Emma.

 

Interessante, infine, un confronto elaborato con i dati Eurostat (Fonte neodemos) che permette di paragonare i Paesi europei mettendo in relazione quanti sono gli ultraottantenni con coloro che non hanno ancora compiuto il primo anno di età. L'Italia, in questo senso è il Paese europeo con il dato più basso (e quello qui sotto è riferito all'1.1.2017, quindi non con i dati aggiornati di questi giorni che sono ancora in calo). In Irlanda, per esempio, si hanno 3 nati per ogni ultraottantenne, in Svezia e Regno Unito 2 nati per ogni ultraottantenne, in Italia il rapporto era di 1 a 1, ma con l'ulteriore calo di nuovi nati è entrato in un cono d'ombra negativo.

 

 

Ma le nuove generazioni, si sa, non votano. E se l'Italia si ritrova con una popolazione con un'età media di 45,2 anni è presto detto perché la politica pensa più a come fare ad anticipare l'età delle pensioni invece che a come creare crescita per puntare sui suoi rari giovani.   

 

 

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 05:01

Andrea Mazzarese, segretario regionale Sinappe, lancia l'allarme: "Gli agenti di polizia penitenziaria costretti a lavorare con l'illuminazione di un faretto che ci è stato lasciato provvisoriamente dai vigili del fuoco e in cinque sezioni manca anche la videosorveglianza"

21 gennaio - 12:57

Katia Rossato negli scorsi giorni ha fatto un post contro il Comune che ha detto no all'introduzione della pistola elettrica a Trento. Il Taser però diventa Teaser (una pubblicità, un trailer) per la consigliera che non legge e il marito (l'attivista Demattè) compie lo stesso errore mentre ieri attaccava il Dolomiti per una presunta fake news collezionando l'ennesima figuraccia

21 gennaio - 10:37

Il 43enne perito elettrotecnico, si occupava della gestione di centrali e di una diga. Appassionato di sport, suonava il trombone. Il ricordo dei compagni: ''Sconvolti, rimarrai nella nostra musica''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato