Contenuto sponsorizzato

Trento si veste di nuove illuminazioni per Natale. In arrivo anche un albero con 150 mila luci

Quest'anno oltre 200 attività commerciali, aziende e bar della città hanno unito le forze per creare un progetto davvero unico. "Un nuovo modello che potrà essere utilizzato anche in futuro per dare nuovo slancio promozionale a Trento"

Pubblicato il - 07 novembre 2018 - 13:08

TRENTO. Trento si prepara al Natale con un albero che avrà oltre 150 mila luci ed uno stratosferico progetto di illuminazione artistica che riguarderà diverse vie del centro cittadino. Un'organizzazione degna delle più grandi città messa in campo da Comune di Trento e dall'Azienda di promozione turistica Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi.

 

Sembra un'epoca completamente nuova per il modo con il quale si è riusciti a preparare uno degli eventi più importanti dell'anno. Non solo perché la gestione del Mercatino di Natale sarà per la prima volta in capo all'Apt che ha già dimostrato con gli eventi fieristici di quest'anno di saper gestire alla perfezione la macchina organizzativa, ma anche perché la città di Trento, per la prima volta, in ambito promozionale ha unito davvero le proprie forze mettendo assieme ristoranti, hotel, bar, esercizi commerciali e aziende.

 

Oltre 200 soggetti che hanno deciso di accettare la sfida lanciata dall'assessore Roberto Stanchina e dalla direttrice dell'Apt Elda Verones, per creare qualcosa di nuovo per Natale ma, allo stesso, anche prendendo parte ad un coinvolgimento che potrà essere viatico per i futuri eventi organizzati in città.

 

Un'unione che per questo Natale ha fatto accendere le luci su Trento grazie al progetto #Iolluminotrento di illuminazione artistica. La città sarà illuminata con un vero e proprio spettacolo di luci per creare un'atmosfera emozionante ed unica capace di rimanere nel cuore dei visitatori ma anche dei residenti.


L'unione fa la forza” ha affermato l'assessore Roberto Stanchina. “Ci sono state tantissime attività che hanno deciso di partecipare a questo progetto. Avevamo una sfida, quella di raccogliere 100 mila euro e siamo riusciti a vincerla grazie a tutte le attività economiche che ci hanno creduto dimostrando come sempre di voler bene a Trento”.

 

A vincere il bando promosso dal Comune è stata l'azienda Blachere Italia, appartenente al gruppo Blachere Illumination leader mondiale del settore e che ha già anche illuminato la Torre Eiffel. Accanto ai 100 mila euro raccolti tra le varie attività economiche della città e i partner che vanno da Dolomiti Energia, Itas Assicurazioni, Altemasi, fino ad arrivare alla Cassa rurale di Trento e tanti altri, il Comune di Trento si è impegnato con 20 mila euro e altrettanti sono arrivati dall'Apt.

 

Per la prima volta, quest'anno la macchina organizzativa è stata portata avanti, come già detto, dall'Apt. Un impegno non indifferente ma che l'azienda turistica e ha già dato prova di riuscire a gestirla in maniera affidabilità negli eventi già proposti nel corso del 2018. “Siamo riusciti ad ottenere questo risultato – ha spiegato la direttrice Elda Verones – grazie all'impegno di tutti e la collaborazione fra diverse realtà. Riuscire in un mese a raccogliere così tanto entusiasmo è stato importante”.


Le luci si accenderanno il 24 novembre seguiranno tutto il contorno delle mura storiche in piazza Fiera, creando una grande corona d'Avvento che accende piazza Battisti. In piazza Duomo la Torre Civica sarà illuminata e l'intera piazza sarà impreziosita dalla neve che magicamente scende e da un albero di natale che avrà 150 mila luci a basso consumo.

 

Per le vie cittadine ci saranno addobbi colorati e simboli natalizi ma anche pacchi regalo, stelle per creare uno sfavillio che darà la sensazione di camminare sotto un cielo magico.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 marzo - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato