Contenuto sponsorizzato

Da Primiero a Malè, Itas incontra i primi corpi dei vigili del fuoco per la consegna degli assegni a sostegno della loro attività

I gruppi di Cavalese, Malè, Pergine e Primiero sono stati tra i primi vigili del fuoco volontari a ricevere l’assegno di Itas come ringraziamento per l'enorme impegno e lavoro svolto dopo gli eventi calamitosi di fine ottobre

Di L.A. - 19 febbraio 2019 - 21:09

TRENTO. I gruppi di Cavalese, Malè, Pergine e Primiero sono stati tra i primi vigili del fuoco volontari a ricevere l’assegno di Itas come ringraziamento per l'enorme impegno e lavoro svolto dopo gli eventi calamitosi di fine ottobre. 

 

"Siamo molto orgogliosi – afferma Raffaele Agrusti, amministratore delegato e direttore generale della Mutua – di quanto fatto con i vigili del fuoco.  Operiamo su un terreno comune e condividiamo quei valori di solidarietà e reciprocità che sono la base del nostro agire mutualistico da quasi 200 anni. Ci è sembrato doveroso dare un segno concreto e aiutare chi si è speso per tutelare la sicurezza e il benessere delle nostre comunità".

 

Nell’incontro di Cavalese erano presenti anche i delegati dei soci assicurati, mentre a Malè ha presenziato Alessandro Molinari, vicedirettore generale Itas, che ha incontrato insieme agli agenti e al personale dell’agenzia di Malè, 11 comandanti dei gruppi locali e Andrea Lazzaroni, sindaco di Dimaro Folgarida, territorio è stato pesantemente colpito dai danni.

Alla sede dei vigili del fuoco di Primiero invece è stato lo storico fondatore dell'agenzia Itas in località, Gianfranco Gadenz, a riconoscere concretamente, insieme a Yuri Gadenz, un contributo ai pompieri per quanto fatto e l’ispettore distrettuale Alberto Tisot ha ringraziato a nome di tutti i corpi e ha aggiunto che la vera forza dell’istituzione dei volontari è nei vigili che dedicano gratuitamente il loro tempo al servizio di chi ha bisogno, interpretando al meglio i principi di solidarietà e sussidiarietà. I mezzi, le dotazioni individuali e le caserme sono solo il necessario completamento. 

 

Nelle prossime settimane, gli agenti Itas proseguiranno nella consegna ufficiale dei contributi ai restanti gruppi che operano nelle principali aree in cui la compagnia si è esposta per coprire i danni dovuti alle calamità meteorologiche, subite dai soci assicurati.

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 marzo - 13:21

Dopo i manifesti per i ''100 anni di Giovinezza'' apparsi ieri oggi è stato attaccato questo striscione sul Lung'Adige. Rigurgiti di fascismo in un clima sempre più avvelenato con anche i trentini (un tempo coesi e forti della propria autonomia) ormai divisi tra un ''noi'' e un ''loro'' sempre più distanti

23 marzo - 17:10

Il motore di ricerca Lyst ha stilato una classifica delle firme più cercate tra i vari siti di alta moda e quelli di e-commerce. Alla fine gli uomini spendono in media più delle donne ma entrambi cercano prima di tutto le sneaker

23 marzo - 13:44

 Dopo la marcia del 15 marzo ieri moltissimi giovani hanno deciso i ripulire le sponde dell'Adige. Sofia Giunta: "Abbiamo lavorato sodo due ore, vogliamo proseguire un percorso concreto, vogliamo sensibilizzare i nostri coetanei e tutta la cittadinanza"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato