Contenuto sponsorizzato

Incendio di Maso Toffa, Itas anticipa di 150.000 euro per la ricostruzione dell'edificio

Itas si è attivata in pochi giorni con i suoi periti per la valutazione dei danni e una prima ricostruzione della vicenda e oggi, dopo solo tre settimane, ha consegnato il primo acconto di 150.000 euro per il risarcimento dei danni subiti. Il presidente della Mutua, Fabrizio Lorenz: "Siamo impegnati da sempre per tutelare le comunità e le realtà del territorio nel quale operiamo"

Pubblicato il - 27 maggio 2020 - 20:59

TRENTO. Dopo il grave incendio che nella notte del 4 maggio ha distrutto buona parte di Maso Toffa in val di Fiemme (Qui articolo), Itas si è attivata in pochi giorni con i suoi periti per la valutazione dei danni e una prima ricostruzione della vicenda e oggi, dopo solo tre settimane, ha consegnato il primo acconto di 150.000 euro per il risarcimento dei danni subiti.

 

"Siamo impegnati da sempre per tutelare le comunità e le realtà del territorio nel quale operiamo. Proprio in occasioni come queste - afferma Fabrizio Lorenz, presidente Itas - che la presenza puntuale della Compagnia concretizza davvero il suo essere Mutua. Un impegno del quale andiamo particolarmente orgogliosi e nei confronti del quale i nostri soci assicurati possono sempre riporre la loro fiducia".

 

Con il lavoro di Giuseppe Larentis e Alan Barbolini agenti Itas di Cavalese, e dei periti che si sono resi da subito disponibili, l’intervento della Compagnia è risultato estremamente tempestivo, dando così la possibilità a Claudio De Marchi, presidente della cooperativa sociale Oltre, di guardare con più speranza al futuro della cooperativa.

 

"Itas conosce molto bene le devastanti conseguenze degli incendi sul nostro territorio – dice Giuseppe Larentis, agente Itas di Cavalese – ricordo infatti che la Compagnia è nata nel 1821 proprio per fronteggiare questa terribile piaga. Essere una Mutua significa rimanere a fianco ai propri soci assicurati anche in momenti drammatici come questi, lavorando in modo puntuale e veloce per garantire nel più breve tempo possibile un adeguato risarcimento. È proprio grazie a questa tempestività che i nostri soci assicurati possono rimettersi in piedi in breve tempo e ripartire con la propria attività".

 

Maso Toffa accoglieva infatti in regime residenziale e semiresidenziale persone adulte con disagio psichico, aiutandole ogni giorno nel reinserimento sociale e lavorativo. "Per una cooperativa sociale come la nostra è di grande importanza poter avere al nostro fianco delle realtà come Itas con le quali condividere i nostri progetti e le profonde motivazioni sociali che li guidano”, conclude Claudio De Marchi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 luglio - 06:01

Dei Comuni con oltre 10mila abitanti solo Riva del Garda e Arco rientrano nella graduatoria di Failoni (ma con coefficienti molto bassi). Fra i territori “ad elevata intensità turistica” anche cinque Comuni con meno di 300 residenti. Pattini: “Tione con una manciata di camere d’albergo è diventata città turistica mentre Trento con oltre 1,2 milioni di presenze no, questi sono i miracoli di Fugatti”

03 luglio - 18:34

Nuova ordinanza del presidente del Trentino che allenta ulteriormente le restrizioni anche per lo sport e l'accesso al cibo in mense e strutture turistiche. Ecco quali sono le regole da rispettare

03 luglio - 18:51

Oltre ai 5 nuovi positivi che fanno parte degli 8 legati alla festa della comunità kosovara del 21 giugno c'è un altro positivo nell'aggiornamento quotidiano dei dati dell'Apss

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato