Contenuto sponsorizzato

E' ufficiale, Napoli e Val di Sole avanti per altri tre anni. De Laurentiis: ''Fatto degli sforzi per venirci incontro''

Il conto totale dell'operazione si aggirerebbe intorno a 700 mila euro all'anno per poco più di 2 milioni di euro nel periodo 2019/2021 contro i circa 600 mila euro messi sul piatto dall'amministrazione Rossi nel 2018 per un accordo annuale e i 400 mila all'anno nel triennio 2015/2017

Foto di Ciro Sarpa
Di Luca Andreazza - 04 febbraio 2019 - 18:16

NAPOLI. E' ufficiale, il matrimonio tra la Val di Sole e il Napoli prosegue per  un ulteriore triennio per arrivare in doppia cifra ritiri consecutivi a Dimaro. Come anticipato nella scorsa settimana da Il Dolomiti, l'accordo ormai era ai dettagli e lunedì 4 febbraio si è tenuto il vernissage nel capoluogo campano per brindare all'intesa (Qui articolo).

 

"Siamo felici per questo nuovo accordo che ci porta in Val di Sole per i prossimi tre anni", queste le prime parole di Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, che aggiunge: "Da entrambe le parti abbiamo fatto degli sforzi per venirci incontro, proprio perché era nostra ferma intenzione di proseguire questo connubio. In Trentino mi sento in un ambiente piacevole, con una cultura dell'ospitalità e del lavoro simile alla mia visione della vita".

 

Il conto totale dell'operazione si aggirerebbe intorno a 700 mila euro all'anno per poco più di 2 milioni di euro nel periodo 2019/2021 contro i circa 600 mila euro messi sul piatto dall'amministrazione Rossi nel 2018 per un accordo annuale e i 400 mila all'anno nel triennio 2015/2017 (cioè un milione e 200 mila euro). Euro più, euro meno. Escluso servizi e ospitalità a carico di Apt e amministrazione comunale.

 

Confermate, come nelle precedenti edizioni, le tre settimane di permanenza del club azzurro, le date sul calendario da cerchiare in rosso sono quelle che vanno da sabato 6 a venerdì 26 luglio. "Siamo stati benissimo in Trentino - evidenzia il tecnico Carlo Ancelotti - abbiamo trovato strutture ottime e sono molto contento di tornare a Dimaro Folgarida per preparare bene il campionato".

 

Un modo per rilanciare e confermare certezze in quel di Dimaro dopo la terribile ondata di maltempo e la tragedia che si è abbattuta sulla comunità. "In pochissimo tempo abbiamo trovato l'accordo. Un'operazione turistica e sportiva - commenta l'assessore Roberto Failoni - sul piano internazionale. Questo appuntamento è segno anche di grande attenzione verso un territorio colpito da una pesante calamità naturale. Abbiamo avuto un inverno duro per varie vicissitudini, ma ci siamo risollevati e adesso tutta la nostra attenzione è puntata sul prossimo ritiro del Napoli, anche come occasioni di sviluppare rapporti di lavoro e fonte di reddito per le valli".

 

Un'operazione chiusa dal braccio armato dell'amministrazione provinciale, Trentino marketing. "Aver annunciato le date in grande anticipo - dice Maurizio Rossini, numero uno della società per il turismo - è un grandissimo risultato e nessun club di primo piano a livello mondiale svolge un ritiro così lungo nella stessa località. Questi 21 giorni sono un'occasione formidabile di visibilità".

 

Tra le novità del prossimo ritiro l’attenzione a bambini e famiglie, ma i dettagli non sono ancora noti . "Il matrimonio - conclude Luciano Rizzi, presidente dell'Apt Val di Sole - va avanti: mi sono battuto affinché si riproponesse questo connubio e sono felice che sia andato in porto per i prossimi tre anni. Siamo certi che sarà una collaborazione molto positiva e fruttuosa"

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 dicembre - 11:18

Calano i ricoveri nei normali reparti dell'ospedale e in terapia intensiva. Il rapporto contagi/tamponi si attesta intorno al 10%. Sono stati trovati 90 positivi con il test antigenico

04 dicembre - 11:39

L’autista del camion-cisterna è stato denunciato per contrabbando a bordo aveva un carico da 26mila tonnellate di olio lubrificante che stava per entrare in Italia illegalmente, per un’evasione imposta specifica di 20mila euro

04 dicembre - 08:50

In questi mesi di emergenza sono già state diverse le situazioni che presentano similitudini nel modo di agire della Giunta provinciale. Si guarda il momento senza un'idea di pianificazione futura di quanto fare oggi per ripartire di slancio domani

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato