Contenuto sponsorizzato

I nuovi arredi del parco Mandela realizzati con un workshop tra architetti, designers e carpentieri di tutto il mondo

In località Braile ad Arco è arrivata la squadra di ‘Camposaz’: architetti, designers e carpentieri da tutto il mondo per progettare e costruire i nuovi arredi del parco. Negli stessi giorni il comune è stato premiato da Emas per la sua innovativa Dichiarazioni ambientale

Di Tiziano Grottolo - 01 giugno 2019 - 13:22

ARCO. Non si tratta, come hanno scritto alunni utenti sui social, di una nuova area camping all’interno del parco ‘Nelson Mandela’ bensì della base operativa allestita dalla squadra di architetti, designers e carpentieri messa insieme dall’associazione ‘Camposaz’. Per la valorizzazione del parco situato in località Braile infatti, l’amministrazione comunale arcense si è avvalsa della collaborazione dell’associazione culturale ‘Camposaz’ con l’obbiettivo di realizzare degli arredi urbani che rispecchino la filosofia del parco.

 

Da qui l’idea del workshop organizzato dall’associazione che all’attivo ha già diversi progetti simili realizzati in Italia e nel resto del l’Europa: Belgio, Olanda, Romania solo per citarne alcuni. Per questo workshop sono stati selezionati, tramite un bando internazionale, dodici giovani con un’età che non supera i 35 anni. La composizione della squadra è davvero molto variegata con progettisti che provengono un po’ da tutta Italia ma anche da Olanda, Germania, Brasile e Giordania.

Per nove giorni i partecipanti al progetto lavoreranno all’ideazione e alla costruzione di installazioni, rigorosamente in legno e vivranno all'interno del parco, dove hanno già allestito un campo di lavoro e le tende per la notte: “Con le nostre installazioni – ha spiegato Paula, una delle progettiste – vogliamo invitare la gente ad entrare all’interno del parco”.

 


 

Tutti i manufatti in legno realizzati mantengono quello che è il vero marchio di fabbrica di ‘Camposaz’. “Abbiamo utilizzato un approccio progettuale e realizzativo attento all’ambiente, pratico e in stretto rapporto con il contesto ospitante”,  ha spiegato Valeria Zamboni, una delle referenti dell’associazione. La conclusione del progetto è prevista per il 2 giugno, per quella data a partire dalle 10.30 i cittadini di Arco potranno vedere il frutto di questo lavoro, inoltre fino alle 12.30 saranno proposti laboratori per i bambini, mentre tutti potranno portare il proprio cestino pic-nic e approfittare dei nuovi arredi.

 

È ormai dal 2011 che l’amministrazione comunale porta avanti questo progetto di ‘urbanistica partecipata’ negli spazi del parco ‘Nelson Mandela’, restituendo alla città un grande polmone verde a ridosso del centro storico. “Il parco è come un mosaico – ha specificato Silvia Girelli, assessora all’ambiente e alle politiche sociali – una tesserina dopo l’altra si aggiungono componenti e se ne sistemano altre, questi interventi finiranno più o meno con l’autunno 2019 e prevedono, da un lato arredi e attrezzature, dall’altro la risistemazione del verde, con le nuove piantumazioni”.

 


 

Negli ultimi anni anche grazie alla collaborazione con l’associazione ‘Andromeda’ effettivamente sono stati innumerevoli i tasselli inseriti all’interno del parco, come gli orti comunitari e un spazio didattico accessibile a persone con disabilità. “Andromeda ha recentemente coinvolto le famiglie per piantare una siepe labirinto, così da creare un legame con la natura fin da piccoli, infine il chiosco appena realizzato entrerà presto nel pieno delle sue attività”, ha concluso Girelli.

 

Sempre in questi giorni il comune di Arco ha ricevuto un riconoscimento a ‘Emas Italia 2019’, dall’ente che rilascia l’omonima certificazione ambientale: “Per aver reso fruibile e accattivante i documenti di adesione a Emas e le misure di sostenibilità adottate”. L’innovativa Dichiarazioni ambientale prodotta dal comune è stata realizzata da ‘Info Essence’ ed è incentrata su una cartina della città disegnata dal noto fumettista arcense Marco Tabilio. La Dichiarazione ambientale, valida per il triennio, 2018-2020, prevede l’impegno da parte del comune nella realizzazione di nove obiettivi per un costo totale di circa 8 milioni di euro, al centro il benessere presente e futuro dei cittadini.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
06 maggio - 11:40
De Preto (Arcigay), Caproni (Agedo) e Lo Presti (Famiglia Arcobaleno) sono intervenuti sulla discussione relativa al disegno di legge contro [...]
Società
06 maggio - 11:41
"Gli italiani e il Covid-19. Impatto socio-sanitario, comportamenti e atteggiamenti della popolazione italiana". Questo il titolo della ricerca di [...]
Cronaca
06 maggio - 12:01
E' successo a Sovramonte nel bellunese, una donna di 98 anni e la sua badante di 54 anni sono state portate in condizioni molto gravi in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato