Contenuto sponsorizzato

La Provincia vuole eliminare il ticket sulle ricette dal 2020. Segnana: ''Tuteliamo il diritto alla salute dei cittadini meno abbienti e garantiamo equità''

Questa la novità che propone la giunta provinciale nella manovra economico-finanziaria del 2020. Messi a bilancio 5,8 milioni di euro. La nuova misura entrerà in vigore dal 1 gennaio 2020: verranno eliminate la quota fissa di 3 euro sulle ricette per le prestazioni di assistenza specialistica, ma anche quella da 1 euro sulle ricette per l'assistenza farmaceutica

Pubblicato il - 05 novembre 2019 - 16:05

TRENTO. La Provincia intende eliminare il ticket sulle ricette. Questa la novità che propone la giunta provinciale nella manovra economico-finanziaria del 2020. Messi a bilancio 5,8 milioni di euro. "Un segnale forte - commenta l'assessora Stefania Segnana - che vogliamo dare ai trentini per ridurre la spesa sanitaria".

 

La nuova misura entrerà in vigore dal 1 gennaio 2020: verranno eliminate la quota fissa di 3 euro sulle ricette per le prestazioni di assistenza specialistica, ma anche quella da 1 euro sulle ricette per l'assistenza farmaceutica.

 

"Il ticket era applicato indistintamente su tutte le ricette specialistiche e farmaceutiche - aggiunge l'assessora - la sua abolizione è una misura importante perché ci consente di tutelare il diritto alla salute in particolare dei cittadini meno abbienti e quindi in definitiva di garantire equità, ma anche di salvaguardare la dignità e i bisogni di salute delle persone".

 

Queste due misure di compartecipazione erano state introdotte il 1 giugno 2015 con le deliberazioni della Giunta provinciale numero 769 e numero 770 del 12 maggio 2015.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 05:01

La vicenda legata alla chiusura del quotidiano di via Sanseverino resta molto complicata: i giornalisti non sono in cassa integrazione perché non funziona come nel 1800 che il padrone chiude e buona notte. Gli abbonamenti sono stati convertiti con quelli del giornale fino a ieri concorrente senza possibilità di rimborso e non si capisce chi sia il direttore del sito (che Ebner e la proprietà altoatesina hanno detto di voler rilanciare) visto che intanto vi lavorano persone dell'Adige, dell'Alto Adige e un fortunato ex del Trentino

19 gennaio - 19:52
Sono 317 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 5 decessi, mentre sono 22 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività
19 gennaio - 22:21

I senatori di Italia Viva, come annunciato nel corso del pomeriggio, si sono astenuti dal voto. Alla fine il Governo è riuscito ad incassare la fiducia anche al Senato ma non c'è la maggioranza assoluta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato