Contenuto sponsorizzato

Mese Montagna scatta con i racconti d’alta quota di Tamara Lunger tra Lhotse e K2, Siberia e la spedizione con Simone Moro sul Manaslu

La 33enne è nel pieno della propria “carriera” alpinistica, ma prima di gettarsi anima e corpo in questo tipo di avventura ha praticato diversi sport, quali lancio del disco, skyrunning e scialpinismo, disciplina che le ha pure regalato il titolo italiano nel 2006 e nel 2008, il successo nella prestigiosa "Pierra Menta" nel 2007 e nel 2008, ma anche il titolo di campione del mondo sulla lunga distanza sempre nel 2008

Pubblicato il - 07 novembre 2019 - 12:30

VEZZANO. La bolzanina Tamara Lunger e l’ambiente himalayano saranno i protagonisti della quattordicesima edizione di "Mese Montagna", il festival che dal 2005 dà spazio alle grandi narrazioni e ai grandi personaggi legate all’alta quota.

 

E' stato denominato “Scendere per risalire” il racconto in agenda per venerdì 8 novembre al Teatro Valle dei Laghi a Vezzano dalle 20.45: chi frequenta quegli ambienti ostili sa bene che in ogni attimo trascorso lì bisogna saper dosare l’audacia e la prudenza, la spinta emotiva e il calcolo razionale, perché solo evitando le situazioni peggiori ci si può regalare la possibilità di affrontare una nuova sfida.

 

La 33enne è nel pieno della propria “carriera” alpinistica, ma prima di gettarsi anima e corpo in questo tipo di avventura ha praticato diversi sport, quali lancio del disco, skyrunning e scialpinismo, disciplina che le ha pure regalato il titolo italiano nel 2006 e nel 2008, il successo nella prestigiosa "Pierra Menta" nel 2007 e nel 2008, ma anche il titolo di campione del mondo sulla lunga distanza sempre nel 2008.

 

Nel 2009 ha affrontato la prima esperienza alpinistica in Nepal e da allora si è dedicata a tempo pieno alle spedizioni in alta quota: Island Peak (6.189 metri) nel 2009, Lhotse (8.516 metri) con l'ossigeno e Cho Oyu (8.210 metri) del 2010, Khan Tengri (7.010 metri) nel 2011, Muztgah Ata (7.546 metri) e Broad Peak (8.047 metri) senza vetta nel 2012, Pik Lenin (7.134 metri) nel 2013, K2 (8.611 metri) senza ossigeno nel 2014. Con Simone Moro nel 2015 ha provato, senza successo, a conquistare il Manaslu (8.163 metri), nel 2016 è arrivata a pochi metri dalla vetta del Nanga Parbat (8.126), nel 2018 si è dedicata ad una spedizione in Siberia.

 

I biglietti per prendere parte alla serata sono acquistabili sul sito Primi alla prima (Qui info) e sul circuito delle Casse Rurali Trentine. La loro vendita sarà anche attiva a partire dalle 18.30 fino ad esaurimento posti nelle giornata di venerdì al teatro, il costo è di 7 euro. È disponibile anche l'abbonamento alle sette serate al prezzo di 35 euro.

 

Anche quest'anno la manifestazione raccoglierà fondi per l’Associazione no profit Oskar for Langtang”, contribuendo così alla ricostruzione di strutture mediche, logistiche e di ricovero per gli abitanti di quella zona martoriata dal terremoto del 2015.

 

La kermesse "Mese Montagna" è organizzata dall'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi con il Comune di Vallelaghi in collaborazione con la Comunità della Valle dei Laghi, il Bim Sarca Mincio Garda, la Sat della Valle dei Laghi e il Gs Fraveggio, e con il supporto della Cassa Rurale Alto Garda, delle Casse Rurali Trentine e de La Sportiva.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 11:43

I risultati saranno validati dalla commissione elettorale il 30 novembre e gli eletti rimarranno in carica per due anni. In leggero calo Udu ma si registra una importante affluenza con quasi il 40% degli studenti che hanno votato grazie al sistema dei seggi elettronici. E sulla destra l'Unione degli Universitari spiega: "Hanno tentato di nascondere candidati affiliati a partiti che attaccano i diritti degli studenti''

27 novembre - 12:04

Questo pomeriggio sono attesi gli annunci del presidente della Provincia che, dopo lo screening di massa, voleva dare un segnale alla popolazione tornando ad aprire alcune attività. Ma il quadro del contagio resta nero 

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato