Contenuto sponsorizzato

Quali sono le marche di moda più amate nelle diverse regioni? In Trentino Alto Adige spopolano Moncler e Fendi

Il motore di ricerca Lyst ha stilato una classifica delle firme più cercate tra i vari siti di alta moda e quelli di e-commerce. Alla fine gli uomini spendono in media più delle donne ma entrambi cercano prima di tutto le sneaker

Pubblicato il - 23 marzo 2019 - 17:10

TRENTO. Le donne preferiscono Moncler, gli uomini Fendi. In Trentino Alto Adige sono queste le due marche più acquistate tramite il motore di ricerca leader nel mondo della moda, Lyst. Il sito, infatti, ha prodotto un'analisi dei marchi e dei prodotti più amati nel Bel Paese creando Fashion Geography uno studio che ha mappato (nel 2018) da nord a sud, passando per il centro e le isole, le ricerche di capi di abbigliamento e accessori effettuate online in Italia. Lo studio (che ha seguito le abitudini di e-commerce di oltre 2 milioni di italiani) ha analizzato i portali dei marchi di lusso (come Prada, Gucci, Armani) e i negozi virtuali come Yoox, Net-a-Porter, Farfetch e Amazon.

 

A quel punto è stata stilata una mappa con le marche più cercate per regione: in valore assoluto a vincere è stata Gucci, la preferita in quattro realtà tra le donne (Lombardia 32%, Lazio 21%, Puglia 19%, Calabria 15%) e anche tra gli uomini (Lazio 22%, Lombardia 17%, Veneto 26% e Abruzzo 20%). Secondo il sito di ricerca donne e uomini vanno d'accordo anche nella categoria merceologica che viene più cercata: si tratta infatti delle sneaker, le scarpe sportive, che scalzano le borse dalla vetta della classifica per le donne.

 

 

''Le borse - si legge su Fashion Geography - di contro, occupano ben due posizioni nella top 5 dei prodotti più desiderati da lei: medaglia d’argento, infatti, ai modelli a tracolla, di bronzo a quelli a spalla. Grande l’interesse sia da parte di uomini che di donne anche per le giacche, al secondo posto della top 5 maschile e al quarto di quella femminile, che si chiude con gli abiti. La classifica dei prodotti più desiderati dall’uomo, invece, prosegue con t-shirt e felpe – che, rispettivamente al terzo e quarto posto, ribadiscono la preferenza di lui per l’abbigliamento comodo e sportivo – e con le cinture, accessori funzionali e indispensabili per dare una marcia in più anche agli outfit più semplici''.

 

 

 

Interessante notare che a spendere di più, alla fine, sono gli uomini che, per un ordine su Lyst.it, investono in media circa 267 euro, a fronte dei 249 euro spesi in media dalle donne. Per quanto riguarda le marche tra le donne ''in Trentino Alto Adige un terzo (33%) delle ricerche riguarda Moncler - spiega lo studio -: complici del successo del brand famoso per i suoi piumini di qualità eccezionale non possono essere solo la lunga stagione invernale e le celebri montagne della regione, se si considera che anche in Molise (29%) guadagna un’importante fetta di utenza''.

 

Per quanto riguarda gli uomini, invece, nella nostra regione una ricerca su due è indirizzata a Fendi (51%) mentre Dolce e Gabbana sono leader in Sicilia e in Sardegna. Va forte anche Balenciaga, ''grazie alle sue ugly sneaker, regine dei social in tutto il mondo, conquista un’importante fetta di utenti in Puglia (23%) e in Friuli Venezia Giulia (14%), in Piemonte è l’intramontabile eleganza di Burberry a spopolare (28% delle ricerche totali)''. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 luglio - 12:58

Dopo la discussione social e la capogruppo della Lega accusata di diffondere notizie incomplete e di risposte con affermazioni molto pesanti, il movimento femminile del Patt prende posizione. La Lega ribatte e il Pd solidarizza con le stelle alpine: "Basta con questo linguaggio offensivo e becero del carroccio. Non attaccano sul contesto, ma in base a quello che fa più presa sull'elettorato"

20 luglio - 06:01

La Pat in numerose occasioni ha ripetuto che l'orso è stato protagonista dell'80% delle predazioni totali da parte degli orsi e del 50% dei danni. Dati corretti ma che oggi (che siamo entrati in possesso dei Rapporti specifici che riguardano il plantigrado) possiamo tradurre in numeri: nel 2018, per esempio, ha ucciso 11 dei 13 bovini predati in totale da tutti i plantigradi a fronte di oltre 46.000 capi in provincia. Curiosità: il 26 settembre è stato investito da un furgone ma ha riportato pochissimi danni

20 luglio - 09:12

E' successo a porto San Nicolò. L'automobilista invece di entrare in un parcheggio ha sbagliato strada e si è trovato in ciclabile. Accortosi dell'errore ha fatto retromarcia 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato