Contenuto sponsorizzato

Trentino Alto-Adige, regina assoluta delle vacanze invernali: 11 località nella top40 delle mete preferite dagli italiani

E' stata stilata da HomeToGo, motore di ricerca di case e appartamenti di vacanza, la classifica delle 40 destinazioni sciistiche italiane e non più gettonate dai nostri connazionali per la stagione invernale 2019/2020. Ecco le località trentine e altoatesine al top

(c)GettyImages/HomeToGo
Pubblicato il - 30 November 2019 - 10:33

TRENTO. La nostra regione si conferma regina assoluta delle vacanze invernali. A dirlo è una classifica elaborata da HomeToGo, il più grande meta-motore di ricerca al mondo di case e appartamenti vacanza.

 

HomeToGo ha analizzato decine e decine di destinazioni sciistiche italiane e non stilando, poi, la classifica delle 40 più gettonate per la stagione invernale 2019/2020. Nella speciale graduatoria è stato indicato anche il prezzo medio degli alloggi nel periodo che va da dicembre a febbraio, il prezzo di uno skipass e una stima del budget giornaliero a persona per ogni destinazione (QUI CLASSIFICA COMPLETA). 

 

Il Trentino Alto-Adige spicca per numero di presenze in classifica. Ben 11 le località sciistiche della nostra regione che compaiono della graduatoria di HomeToGo. 

 

Solo Livigno riesce a soffiare il primo posto a Madonna di Campiglio che si ferma al secondo posto assoluto, prima tra le trentine. Skipass a 56 euro e spesa media giornaliera di 127  euro a persona. Al sesto posto, Canazei-Belvedere (Val di Fassa) con skipass a 54 euro e spesa media giornaliera di 116 euro. Segue, in quattordicesima posizione, Folgaria (44 euro lo skipass e 86 euro al giorno a persona). Di poco distanti Corvara (Alta Badia), al sedicesimo posto, che precede direttamente Ortisei-Selva-Santa Cristina (Val Gardena), al diciassettesimo. I prezzi sono più o meno simili: 58 euro lo skipass a Corvara, 57 a Ortisei e una spesa giornaliera media a persona di 138 euro a Corvara, 132 a Ortisei.

 

Al ventesimo posto San Candido, subito seguito da Ponte di Legno-Tonale (21°) e Brunico (22°). Solo St. Moritz separa quest'ultima località sciistica da San Vigilio di Marebbe-Kronplatz che troviamo in ventiquattresima posizione. 

 

Chiudono l'elenco delle località trentine e altoatesine Folgarida-Marileva (33°) e Val di Fiemme-Obereggen (36°).

 

Tanta Italia e tanto Trentino Alto-Adige, soprattutto. In otto casi, però, gli italiani preferiscono sciare all'estero. Kitzbuehl, in Austria, all'ottavo posto nella classifica generale, è la preferita tra le straniere. Segue, immediatamente dopo, Chamonix-Mont-Blanc (Francia), al nono posto, e, al decimo, Zermatt (Svizzera). Al tredicesimo posto troviamo la Slovenia con Vogel-Parco Nazionale del Tricorno. Al 23° posto St. Moritz (Svizzera). Trentesima posizione per Innsbruck (Austria), seguito da Val Thorens (Francia). Chiude la classifica delle straniere Kranjska Gora (Slovenia). 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

21 January - 15:19

La Valsugana è rimasta paralizzata per diverse ore a causa di un maxi-incidente che ha coinvolto 11 veicoli. Nella zona industriale di Lavis un conducente ha perso il controllo di un autocarro per finire fuori strada. In azione la macchina dei soccorsi

21 January - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato