Contenuto sponsorizzato

Sanità, Antonio Ferro è stato nominato nuovo direttore del Dipartimento Prevenzione dell'Apss

Nominato da Bordon vanta un’esperienza trentennale nella sanità pubblica. Il professionista è stato inoltre ideatore e responsabile del programma nazionale web “VaccinarSi” ed è attualmente vice presidente della Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica 

Pubblicato il - 08 marzo 2019 - 15:16

TRENTO. Antonio Ferro è il nuovo direttore del Dipartimento di prevenzione. L'incarico è stato conferito dal direttore generale dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari Paolo Bordon.

 

Nato a Bassano del Grappa il 22 maggio 1962, Ferro si è laureato in medicina e chirurgia all’Università di Padova e specializzato in allergologia e immunologia clinica e in malattie infettive.

 

Ha lavorato per quasi sette anni nel settore igiene pubblica dell’Azienda Ulss 22 Este-Montagnana e per più di otto anni all’Azienda Ulss 17 Este-Monselice dapprima come coordinatore del servizio immigrati, poi come responsabile degli screening oncologici e, successivamente, come direttore dell’Unità operativa complessa igiene e sanità pubblica.

 

Da marzo 2004 a febbraio 2008 è stato dirigente del Servizio sanità pubblica e screening della Direzione per la prevenzione della Regione Veneto. Successivamente, per più di sette anni ha guidato il Dipartimento di prevenzione dell’Ulss 17 Este-Monselice.

 

Da aprile 2015 a dicembre 2016 è stato direttore sanitario dapprima dell’Ulss 20 di Verona e successivamente dell’Ulss 22 di Bussolengo. Infine, da gennaio 2017, lavora all’Ulss 6 Euganea inizialmente come direttore dell’Unità operativa complessa igiene e sanità pubblica e attualmente come direttore dell’unità operativa dipartimentale, Servizio di epidemiologia.

 

Il professionista è stato inoltre ideatore e responsabile del programma nazionale web “VaccinarSi” ed è attualmente vice presidente della Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica per la quale è stato designato presidente per il biennio 2020-2022.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 20:38

Sono 460 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 297 positivi a fronte dell'analisi di 4.323 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

26 novembre - 19:51

Mentre i contagiati comunicati da Fugatti e Segnana sono in costante calo, superati quasi ogni giorno dai guariti, il dato completo che comprende anche gli antigenici è meno rassicurante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato