Contenuto sponsorizzato

Un pallone, due porte, le divise della Sampdoria e sulla terra rossa di Arua lo spettacolo si chiama Fair Play

Assieme all'associazione trentina Acav anche Roberto Morosini e Marco Branco, allenatori dei camp della Sampdoria, stanno seguendo la sessione di allenamento in Uganda per oltre cento ragazzi provenienti dai quattro campi rifugiati di Bidi Bidi, Lobule, Imvepi e Rhino camp (GUARDA I VIDEO E LE FOTO)

Pubblicato il - 20 maggio 2019 - 11:30

TRENTO. “In tutto il mondo la passione è la stessa. Quando ci si mette in un campo, anche polveroso come questo, con un pallone, tutte le differenze scompaiono”. Roberto Morosini e Marco Branco, allenatori dei camp della Sampdoria, hanno appena concluso la sessione di allenamento per oltre cento ragazzi provenienti dai quattro campi rifugiati di Bidi Bidi, Lobule, Imvepi e Rhino camp, oltre ai giovani ugandesi dei distretti di Arua, Koboko e Yumbe. “Il calcio è un mezzo ormai consolidato e il più facile per far confluire insieme diverse culture, diverse persone, diversi ragazzi”, affermano sicuri gli allenatori.

 

 

Divisi solo dal colore blu o bianco della maglietta sampdoriana, i ragazzi si preparano a due giornate di attività finalizzate all’aggregazione e alla creazione di un momento di normalità in un territorio come quello del West Nile, che negli anni ha accolto quasi un milione di rifugiati dal Sud Sudan e dalla Repubblica Democratica del Congo. L’iniziativa è stata organizzata dall’Ambasciata d’Italia in Uganda e dall’Ufficio del Primo Ministro in collaborazione con ACAV Associazione Centro Aiuti Volontari, la Sampdoria, la Federazione delle associazioni calcistiche dell’Uganda, il Comitato olimpico internazionale e quello ugandese e l’Alto Commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite.

 

 

A seguito di una cerimonia formale di apertura delle attività con discorsi di benvenuto da parte dei vari organizzatori, le quattro squadre miste di profughi e membri della comunità ospitante si sono scontrate sul campo nella prima partita di un torneo che si è poi concluso sabato. A prescindere dal risultato del campo – che ha visto uscire vincitrice le squadre in rappresentanza di Bidi Bidi e Imvepi, i veri trionfatori sulla terra rossa di Arua sono stati i valori olimpici di fair play, partecipazione, amicizia, rispetto e solidarietà.

 

 

La promozione della coesione sociale tra rifugiati e comunità ospitanti attraverso lo sport non si fermerà a questi tre giorni di attività. Allenamenti e partite fanno infatti parte di un ben più ampio progetto di tre anni atto a educare i giovani ai principi dell’eccellenza tecnica e manageriale nello sport, favorirne l’integrazione attraverso lo sport e realizzare infrastrutture e corsi di formazione sportiva.

 

 

ACAV si è mobilizzata da subito per supportare l’organizzazione delle attività e garantirne il miglior svolgimento possibile potendo contare sulla sua profonda conoscenza del territorio e delle sue dinamiche. ACAV è infatti presente nel West Nile ugandese da una trentina d’anni e da altrettanti porta avanti progetti agricoli, educativi ed idrici per migliorare le condizioni di vita delle comunità rifugiate e ospitanti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 13:10

Dopo quanto accaduto a Ischgl tra febbraio e marzo il cancelliere austriaco ha annunciato una serie di misure che si applicheranno questa stagione sulle piste. Mascherine in funivia, distanza di un metro gruppi di massimo 10 persone per le scuole di sci

24 settembre - 10:46

Era stato ricoverato al Negrar. Sono sopraggiunte delle complicanze a seguito della caduta e così è deceduto. Nell'incidente si era ferita anche la figlia di 40 anni

24 settembre - 11:50

Al ballottaggio ci sono l'ex sindaco e l'imprenditore Zanin. Decisivo diventa quel 13% che è stato preso dal candidato dell'Svp che, per ovvi motivi, non può imparentarsi con ultra nazionalisti e figure vicine all'ultra destra. Intanto i nostalgici di Casapound salutano il consiglio: '' Siamo i fantasmi di una guerra che non abbiamo fatto, ma siamo i guerrieri di una pace durata troppo a lungo. Ancora qui ci ritroverete tra mille anni e mille anni ancora''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato