Contenuto sponsorizzato

Il successo di ascolti di The New Pope, la prima puntata è da record

The New Pope, la nuova serie Tv appena partita su Sky, ad opera di Paolo Sorrentino è già un record di ascolti alla sola prima puntata

Pubblicato il - 20 febbraio 2020 - 23:22

TRENTO. The New Pope, la nuova serie Tv appena partita su Sky, ad opera di Paolo Sorrentino è già un record di ascolti alla sola prima puntata. Per certi versi c’era proprio da aspettarselo visto che già la precedente serie The Young Pope aveva già riscosso un enorme successo non solo negli Usa, ma anche in Europa.

 

The New Pope, che ha debuttato su Sky Atlantic il 10 gennaio, ha raggiunto un livello di ascolti altissimo che preannunciano un seguito non da meno nelle prossime puntate (che andranno in onda ogni venerdì) per la soddisfazione del regista italiano.

 

Si parla mediamente di mezzo milione di spettatori incollati allo schermo a seguire le vicende in Vaticano: un numero non ancora a livello della serie di Gomorra che ha ancora il record assoluto, ma comunque molto elevato. Il pubblico delle due serie è comunque altamente probabile che sia di fascia differente essendo la tematica così diversa.

 

La critica è favorevole. La serie The New Pope di Sorrentino ha avuto anche un parere positivo anche dalla critica, sia nazionale che internazionale. Una dura prova, quindi, superata a pieni voti che si affianca all’alto numero di ascolti per una soddisfazione ancora maggiore. Negli States c’è chi l’ha definito “scandaloso, audace e visivamente lussurioso” spingendo probabilmente anche chi non aveva visto la prima puntata a seguire le successive.

 

Sulla regia di Paolo Sorrentino è stato detto che continuare con il progetto di The Young Pope è stato di certo ambizioso, ma una cosa sicuramente riuscita al di sopra di qualunque aspettativa. La regia è risultata, secondo la critica, pulita e coinvolgente trascinando davvero il telespettatore all’interno del mondo del Vaticano visto solitamente così lontano. In questo senso la critica ha parlato anche di serie Tv “provocatoria”.

 

I pareri sul cast. Ottimi pareri sono stati spesi anche per i due attori protagonisti cioè Jude Law (il giovane papa) e John Malkovich (il nuovo papa) che sono stati definiti assolutamente geniali nell’interpretazione. Qualcuno ha parlato addirittura di una sorta di sfida alla miglior recitazione fra i due, tanto si è dimostrato elevato il livello. Per quanto riguarda la critica nazionale anche in questo caso i pareri sono stati molto, molto positivi non solo sulla regia di Sorrentino, ma anche sull’attore Silvio Orlando che interpreta il Cardinal Voiello. L’interprete di origini napoletane è stato etichettato come il vero tessitore della trama della serie Tv, nonché uno dei personaggi più amati di tutta l’intera produzione.

 

Qualcuno non ha dimenticato di spendere anche qualche parola per la presenza nella serie della figura femminile di Cècile De France e Ludivine Sagnier presenti in The New Pope per ricordare in modo provocatorio l’impossibilità di una vita totalmente senza la dimensione carnale, gettando queste due interpreti in un luogo dove non ci sono altro che uomini. Straordinaria e stupefacente la presenza in qualche episodio di personaggi famosi a colloquio con il papa come Marylin Manson e Sharon Stone, occasione per riflessioni attuali e inaspettate che rendono la serie ancora più pungente e sorprendente.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 aprile - 11:52

Il caso è successo nelle Giudicarie Esteriori. A segnalare la presenza del Taxi alle forze dell'ordine dei residenti e la polizia locale ha intercettato il mezzo

03 aprile - 06:51

Sono anche tanti i professionisti ormai in pensione che hanno deciso di tornare tra le corsie d'ospedale per far fronte all'emergenza. Tra questi c'è Marina Cologna, in pensione da due anni ma che lunedì tornerà al Santa Chaira ed era nella commissione di laurea dei nuovi infermieri: "Trovo sia il minimo quello di mettermi a disposizione per alleggerire il carico ai colleghi che lavorano 13 ore al giorno. Mi impegnerò per dare tutto il mio contributo come faranno i neolaureati e come fanno gli infermieri che ogni giorno sono in trincea"

02 aprile - 18:01

L'arcivescovo Lauro tornerà in cattedrale per guidare, alle 15, la meditazione sulla Passione, come accaduto dall’inizio dell’emergenza Coronavirus. Domani sera i giovani collegati via web guideranno la via Crucis cittadina

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato