Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, l'agenda della città di Trento già piena di eventi per l'estate. Bozzarelli: "I protagonisti saranno bambini e commercianti"

Dalla tarda primavera, il ricco palinsesto di eventi in programma per “Trento aperta 2021” prenderà corpo in tutto il territorio comunale: il servizio Cultura, turismo e politiche giovanili è impegnato nella costruzione di un piano di rilancio culturale che vedrà dialogare piazze, scuole, botteghe e quartieri

Di Francesca Faccini - 15 March 2021 - 18:49

TRENTO. Per far rivivere una città è necessario partire dagli eventi. Queste le parole del Comune che vuole investire parte dei 28 milioni di euro disponibili da fine maggio (qui articolo) per la ripresa locale delle attività che torneranno ad animare Trento.

 

Dalla tarda primavera, il ricco palinsesto di eventi in programma per “Trento aperta 2021” prenderà corpo in tutto il territorio comunale: il servizio Cultura, turismo e politiche giovanili è impegnato nella costruzione di un piano di rilancio culturale che vedrà dialogare piazze, scuole, botteghe e quartieri.

 

La prossima estate trentina vuole dunque essere la stagione dell’incontro intergenerazionale e interculturale coinvolgendo tanto i luoghi del centro città quanto gli spazi della periferia. Piazza Battisti tornerà a ospitare il Teatro Capovolto insieme a un mercato urbano che punta a essere terra di convivialità, narrazione, ascolto; piazza Venezia diventerà la piazza dei bambini e delle famiglie con percorsi didattici-educativi; piazza Dante si trasformerà in un salotto dove parlare del sommo poeta; il Doss Trento vedrà sentieri, cantieri aperti, festival.

 

Accanto alle iniziative che coinvolgono spazi specifici, gli altri protagonisti saranno gli spettacoli in movimento come “cinemoving”, il cinema che viaggia su un camioncino attraversando le varie circoscrizioni di Trento.

La sfida di riaprire la città rispettando il punto di equilibrio tra priorità e vincoli di carattere sanitario- economico-sociale risponde all’esigenza di tornare a respirare un’atmosfera di normalità, di uscire dalle proprie case per relazionarsi con le persone, di fare nuovamente delle strade della città luoghi di scambio e di incontri.

 

Coinvolgendo le varie forze cittadine – i residenti, le università, i giovani, i commercianti, le addette alla cultura –, si cerca di far fronte al blocco forzato che ha visto le attività culturali fortemente penalizzate.

 

La sfida che con la tarda primavera/inizio estate Trento possa ricominciare ad accogliere eventi è accompagnata dalla speranza che la città torni anche a essere una meta turistica.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 novembre - 13:35
Con una mail indirizzata “a tutto il personale provinciale (compresi direttori e dirigenti)” la Provincia cerca 120 volontari per seguire le [...]
Cronaca
29 novembre - 13:03
Non è ancora stata precisata la causa del decesso, se sia collegato a un incidente oppure a un malore. I soccorsi sull'Etna sono stati ostacoli e [...]
Cronaca
29 novembre - 13:56
Si moltiplicano le segnalazioni e dopo il caso in Val di Non e quello a Bolzano oggi sono arrivate le denunce per altri due studi, uno in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato