Contenuto sponsorizzato

La “famiglia” Ziliani sfonda a Musicultura: “Il palco è la nostra casa, vogliamo tornare al lavoro in sicurezza”. L’esibizione dedicata ai lavoratori dello spettacolo

I musicisti trentini si sono esibiti sul palco del Musicultura festival di Macerata dopo aver superato una selezione con oltre 1.000 artisti provenienti da tutta Italia. Ziliani: “Dedico questi due giorni ai miei ‘regaz’ e ai tecnici, perché i loro sorrisi, nel fare il loro lavoro, mi hanno dato la spinta per ripartire dopo aver passato un periodo davvero davvero strano”

Foto Massimo Zanconi
Di Tiziano Grottolo - 31 marzo 2021 - 19:37

MACERATA. Sapevo che sarebbe stata un’emozione ma non immaginavo che sarebbe stato così bello tornare su un palco”, a parlare è Marco Ziliani musicista arcense che si è recentemente esibito sul palco del Musicultura festival di Macerata, l’evento musicale che dagli anni ‘90 seleziona, premia e valorizza quelli che saranno i nuovi protagonisti della canzone italiana.

 

“Quando abbiamo iniziato è stato come entrare in un limbo, ho sganciato il cervello e lasciato andare il cuore, per fortuna al mio fianco c’erano i membri di quella che è diventata una famiglia speciale”. I membri di questa “famiglia speciale” altri non sono che i componenti del gruppo che accompagnano Ziliani durante le esibizioni: Michele Marocchi (tastiere chitarra), Filippo Tonelli (percussioni), Mathias Drescig (produzione canzoni chitarra e tastiere), Patrizio Mimiola (drum) e Lorenzo Remondini (basso).

 

I musicisti trentini sono arrivati fino a Macerata dopo aver superato una selezione con oltre 1.000 artisti provenienti da tutta Italia, guadagnandosi la possibilità di esibirsi dal vivo assieme a una sessantina di colleghi. In attesa di sapere se potranno accedere alle fasi finali, il gruppo si è guadagnato il premio della  serata.

Fra i brani eseguiti c’è stata anche la canzone “Bar Franca” dedicata all’omonimo locale di Bolognano, la frazione di Arco dove vive Ziliani. Il testo aveva già riscosso un grande successo nel febbraio 2019 quando l’artista trentino lo aveva eseguito di fronte a circa 7.000 spettatori, dopo che Edoardo D’Erme, in arte Calcutta, aveva ceduto il palco al suo backliner. Ziliani infatti, non è solo un musicista ma fa parte di quei lavoratori che operano dietro le quinte del mondo dello spettacolo e di fatto contribuiscono a rendere unico e speciale ogni concerto.

 

Non è un caso che Ziliani abbia voluto dedicare la canzone ai colleghi, fermi da oltre un anno a causa dell’emergenza sanitaria. “Ci tenevo davvero tanto a dedicare questi due giorni a Macerata ai miei ‘regaz’ e ai tecnici, perché i loro sorrisi, nel fare il loro lavoro, mi hanno dato la spinta per ripartire dopo aver passato un periodo davvero davvero strano”.

 

Nel settore c’è tanta voglia di tornare a lavorare su un vero palco, possibilmente con il pubblico. “Certo c’è voglia, ma non capiamo perché non si possa elaborare anche per noi dei protocolli chiari ed efficaci. Qui a Macerata sono state prese delle misure anti-Covid maniacali, tamponi distanziamento, nulla è stato lasciato al caso”. La richiesta di Ziliani, coincide ovviamente con quella di backliner e musicisti: poter tornare al lavoro in sicurezza. “Per molti – conclude l’artista trentino – il palco è una casa e gli serve per vivere. Anche per me lo è, il palco è veramente casa mia e la mia voglia di tornarci è tanta”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 settembre - 13:16
Lo striscione intimidatorio è stato rivendicato dal Veneto Fronte Veneto Fronte Skinheads. La replica della Cgil: “Difendiamo la salute e il [...]
Cronaca
25 settembre - 12:59
L'incidente è avvenuto all'altezza della stazione di Marter (Roncegno Terme). Il corpo dell'animale preso in custodia dal corpo forestale. Notte [...]
Politica
25 settembre - 12:27
I cinque consiglieri del gruppo Verde regionale (fra cui Coppola e Zanella) hanno fatto sapere che restituiranno l’intera somma legata al [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato