Contenuto sponsorizzato

Nel parco di Gocciadoro arrivano 2 mila nuove piante. "Per contrastare l'impoverimento boschivo e la diffusione delle specie infestanti"

Voler ridurre l'impoverimento boschivo, questo l’obiettivo principale che si è prefissato il Comune di Trento diventando partner di Alptrees e aderendo al programma Mosaico Verde. Inoltre, attraverso il progetto “Didattica all’Aperto”, l’istituto comprensivo Trento 3 pianterà nel parco 12 alberi di frutta antica per recuperare le antiche tradizioni locali e informare sull’importanza della biodiversità

Di Francesca Faccini - 07 giugno 2021 - 17:52

TRENTO. La natura come patrimonio prezioso da tutelare anche alla luce dell’attuale cambiamento climatico è il punto di partenza di Alptrees, il progetto spazio alpino, avviato nel 2019 che si concluderà a metà 2022, che vede la collaborazione del Comune di Trento. Curato dal servizio Gestione strade e parchi e con il coinvolgimento della fondazione Mach e Dicam dell’Università di Trento, il progetto pilota s’impegna in una serie di azioni integrate di rimboscamento e valorizzazione e in un programma di nuova piantumazione, permettendo anche al Comune di completare il censimento e la catalogazione delle specie arboree urbane comunali. Le tre aree verdi dove attivare azioni concrete sono il parco di Gocciadoro, una zona incolta a Canova di Gardolo e le alberature stradali.

 

Con l’intento di gestire le specie arboree non native negli ecosistemi alpini – azione fondamentale di tutela qualora le piante non native rappresentassero una minaccia alla conservazione degli habitat naturali –, Alptrees ha individuato nel parco di Gocciadoro un luogo di grande importanza non solo perché è il parco perirurbano di maggiore estensione (20 ettari), ma anche perché la sua straordinaria ricchezza arborea lo ha portato a essere parzialmente tutelato come Zona speciale di conservazione “Natura 2000”.

 

Grazie al progetto Alptrees, in particolare al  “Programma di Gestione del Parco” ancora in fase di elaborazione, si potranno stabilire le modalità manutentive ottimali sempre sulla base della mappatura dello stato degli habitat e dei rivelamenti aggiornati delle specie presenti.

 

Si prevedono pertanto interventi di contrasto delle piante infestanti arboreo-arbustive e la delimitazione di aree dove lasciare crescere i prati e l’evoluzione del bosco. Un lavoro tecnico-specialistico, quest’ultimo, che si avvarrà di alcune collaborazioni come quella con il Vivaio provinciale o quella con i cittadini stessi. Per quanto riguarda la biodiversità, il Comune di Trento chiede, infatti, il contributo della popolazione che attraverso la app “I Naturalist” potrà rilevare la presenza di piante arboree infestanti nell’area del parco e nell’intera città, aiutando così nella racconta dati europea.

 

Gocciadoro è anche il protagonista del programma di riforestazione urbana che vede la piantumazione di 2.000 nuove piante all’interno del parco con una prima tranche di 1000 piante messe a dimora il prossimo autunno. Tale riforestazione fa parte del protocollo Mosaico Verde, un programma di rimboschimento ideato da AzzeroCO2 e Legambiente che vede coinvolti enti pubblici e aziende nel tentativo di contribuire alla riduzione di emissioni climalteranti in atmosfera. Sempre il parco di Gocciadoro, polmone verde di Trento, diventerà l’aula all’aperto delle scuole elementari Nicolodi.

 

Attraverso il progetto “Didattica all’Aperto”, l’istituto comprensivo Trento 3 mira all’integrazione della didattica tradizionale con la didattica laboratoriale. In quest’ottica di unione tra conoscenza ed esperienza, la scuola intende piantare nel parco 12 alberi di frutta antica al fine di recuperare le antiche tradizioni locali e informare sull’importanza della biodiversità.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 6 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
07 dicembre - 11:54
Incontro via remoto tra i tre governatori dell'Euregio. Dalla disamina di Fugatti è emerso che la maratona vaccinale sta andando abbastanza bene [...]
Cronaca
07 dicembre - 11:53
Difficile la situazione negli ospedali del territorio con 99 i ricoveri in area medica, poi 18 quelli [...]
Politica
07 dicembre - 09:43
Fra le nuove restrizioni che potrebbero essere introdotte c’è anche quella di escludere i tamponi fra le soluzioni per ottenere un Green pass. [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato