Contenuto sponsorizzato

Prestitimag.it rinnova i suoi contenuti con nuove guide e aggiornamenti a tema prestiti e investimenti

Richiedere dei prestiti personali è importante per poter racimolare un po’ di soldi in più da poter investire o semplicemente da accantonare come liquidità aggiuntiva. Senza però conoscere i requisiti diventa complesso far sì che una banca possa accettare la domanda di finanziamento

Pubblicato il - 26 novembre 2021 - 10:54

TRENTO. Richiedere dei prestiti personali è importante per poter racimolare un po’ di soldi in più da poter investire o semplicemente da accantonare come liquidità aggiuntiva. Senza però conoscere i requisiti diventa complesso far sì che una banca possa accettare la domanda di finanziamento.

Per il 2022, che è ormai alle porte, Prestitimag.it ha deciso di aggiornare le sue guide più famose e creare nuovi articoli che spiegano al meglio come investire e quali sono i migliori metodi di investimento per il futuro.

 

Cosa sono i prestiti personali: facciamo chiarezza. I finanziamenti personali rientrano nella categoria dei prestiti che vengono richiesti al fine di soddisfare le proprie esigenze, senza dover motivare l’utilizzo dei soldi di cui si entrerà in possesso. Così come per ogni richiesta di liquidità, occorrono delle garanzie solide, come ad esempio la presentazione di una busta paga.

 

Una società finanziaria o banca che sia, necessita di conoscere le garanzie che il debitore può presentare al fine di dimostrare di poter estinguere un debito. In assenza di poter dimostrare un’entrata economica, ciò che si può fare è presentare le cosiddette garanzie alternative.

Tali garanzie possono essere reali oppure personali. Nel primo caso, si tratta di una soluzione un po’ più rischiosa, in quanto l’opzione è quella del pegno di un proprio bene mobile o immobile, oppure sottoscrivere un prestito tramite cambiali.

 

I costi da sostenere in questo caso, diventerebbero più esosi (oltre il rischio di perdere la proprietà del proprio bene). Nel caso delle garanzie personali invece, grazie all’opzione del garante, è possibile coinvolgere un terzo soggetto di fiducia (amico o parente), che possa assumersi la responsabilità in caso di una insolvenza.

 

Il finanziamento personale più richiesto e sicuro per banche e società finanziarie (oltre che per il debitore), è la cessione del quinto dello stipendio o della pensione. Contrariamente ai prestiti finalizzati per casa e auto o qualsiasi esigenza essa sia, quelli personali possono essere utilizzati per qualunque finalità.

Con la cessione del quinto il debitore dovrà limitarsi a richiedere una somma in prestito che non superi il 20% della sua pensione o stipendio netto. Il debito sarà estinto tramite la detrazione della busta paga, dunque l’usufruitore del finanziamento non dovrà avere alcun pensiero di restituire il denaro entro la scadenza, poiché avviene tutto autonomamente.

 

Prestiti di poche centinaia di euro: conviene farne richiesta? I prestiti di poche centinaia di euro sono quelli che vengono ottenuti con più semplicità. Questo perché a patto che il soggetto non sia iscritto al Crif come cattivo pagatore, con una busta paga o una prova di un reddito costante, la finanziaria o banca accetterà il prestito in un tempo molto breve.

 

Seppur si possa ottenere una discreta somma di denaro, quest’ultima potrà essere utilizzata come investimento piuttosto che investire i propri risparmi ed eliminare liquidità che probabilmente potrebbe servire nei casi più disparati.

 

Un altro vantaggio di ottenere e richiedere dei piccoli prestiti, sta nei bassi tassi di interesse. Non dovendo esborsare ingenti cifre di denaro, le banche applicheranno dei tassi molto più inferiori rispetto a quelli che applicherebbero se dovessero prestare dai 5.000 euro a salire.

 

Chi non volesse ricorrere alle banche o società finanziarie, può prendere in considerazione i finanziamenti tra privati. Che sia un accordo privato tra amici e parenti o tramite una piattaforma di intermediazione (social lending), poco importa, in quanto la convenienza sui tassi di interesse non avrebbe eguali.

I siti di social lending si basano sui “contratti intelligenti”, che regolamentano i prestiti e l’accordo che si creerebbe tra gli investitori e il futuro debitore. Il rischio per l’investitore è sempre dietro l’angolo, ma grazie a dei contratti a norma di legge le possibilità di perdere il capitale si riducono quasi a zero.

Quanto a chi usufruirà del finanziamento, ciò a cui dovrà prestare attenzione è il piano di ammortamento e i tassi di interesse applicati. In compenso, rispetto alle banche non dovrebbe supporsi il rischio del tasso usurario (così come è accaduto a molte aziende in trentino).

 

Metodi di investimento: quanto bisogna investire? Nel 2021 esistono diversi metodi di investimento, tutti differenzianti per settore e capitale a disposizione. Una volta ottenuto il denaro in prestito, è bene comprendere quale strategia adottare per ridurre al massimo i rischi di perdita.

 

Nel mondo della capitalizzazione, ci sono due tipologie di investimento: quella a breve termine e quella a lungo termine. Ognuna prevede dei vantaggi e svantaggi, che suggeriamo di valutare minuziosamente con l’aiuto di un consulente finanziario.

 

Va detto che “investire”, significa a prescindere mettere in considerazione di poter perdere denaro. Dunque bisognerà adottare un mindset imprenditoriale, acquisendo la consapevolezza di capitalizzare i soldi che in teoria si è disposti a perdere.

 

Il consiglio che possiamo dare è quello di applicare e studiare un piano di investimento basato sull’effettiva conoscenza degli argomenti. Approfondendo ad esempio, il crowdfunding immobiliare, investimenti in cryptomonete, su e-commerce e via dicendo.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 18 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 gennaio - 18:45
Sergio Tell è stato investito mentre stava attraversando la strada a Gardolo, il 60enne di Romeno è morto sul colpo
Cronaca
19 gennaio - 17:33
Sono stati analizzati 13.601 tamponi tra molecolari e antigenici. Registrati 2.660 positivi e 2 decessi. Ci sono 169 persone in ospedale di [...]
Cronaca
19 gennaio - 16:51
La questione lupo ciclicamente riemerge nel dibattito pubblico all'indomani di predazioni (praticamente sempre evitabili). Questa volta ha perso la [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato