Contenuto sponsorizzato

"Storie di resistenza", la mostra che (ri)porta il 25 aprile in piazza. Arci: "Importante rinnovare impegno verso democrazia e libertà"

La mostra racconterà quindici storie di uomini e di donne "resistenti": illustrazioni di Roby il Pettirosso, QR code per ascoltare stralci di diario e visite guidate (nel rispetto delle norme di sicurezza). Ma non solo, il programma messo in piedi da Arci insieme ad altre associazioni del territorio prevede anche un incontro di approfondimento e il tradizionale concerto del 25

Di Arianna Viesi - 20 aprile 2021 - 15:54

TRENTO. Per il secondo anno consecutivo il 25 aprile dovrà, necessariamente, adattarsi alle circostanze ma, forse anche per questo, avrà ancora più forza e valore. "Non sarà un 25 aprile normale, come quello di due anni fa - spiega Andrea La Malfa, presidente di Arci Trentino -  ma, quest'anno, i festeggiamenti e gli eventi organizzati per questa ricorrenza faranno un passo avanti rispetto allo scorso anno quando tutto si è svolto online".

 

"Per noi è una data molto importante - continua - e quest'anno abbiamo deciso di provare ad uscire dalla dimensione online, rispettando ovviamente le norme vigenti per garantire lo svolgimento della giornata in sicurezza".

 

Quest'anno, infatti, per il 25 aprile, Arci del Trentino, insieme a tante altre associazioni del territorio, ha pensato a tre momenti: due di questi si svolgeranno online, il terzo invece in presenza.

 

> 22 APRILE, h. 20.30 - LA NOSTRA RESISTENZA (online)

 

Il primo incontro si svolgerà online, sulla pagina Facebook di Arci del Trentino. La giornalista Laura Gnocchi, che insieme a Gad Lerner ha curato il sito di ANPI Noi, partigiani. Memoriale della resistenza italiana, e Renato Ballardini discuteranno di libertà e resistenza, accompagnando il pubblico verso il 25 aprile.

 

 

> 25 APRILE 2021, h. 14.00 - MOSTRA "STORIE DELLA RESISTENZA" (Piazza C. Battisti)

 

Verrà inaugurata domenica 25 aprile, alle 14.00, la mostra Storie della resistenza che rimarrà in piazza Battisti fino al 2 maggio. La mostra racconterà, attraverso dei pannelli esplicativi, quindici storie di resistenza: storie di partigiani e partigiane trentini/e ma non solo, storie di uomini e di donne, storie di resistenza armata e storie di resistenza politica e civile. "Sono storie diverse - racconta La Malfa - che raccontano la Storia; storie che ci interrogano anche sul coraggio e sulle scelte individuali". Su ogni pannello le storie dei "resistenti" saranno accompagnate dalle illustrazioni di Roby il pettirosso, disegnatore e artista. 

 

"Per il 25 aprile - spiega il presidente di Arci - sono state organizzate delle visite guidate che, per ragioni di sicurezza, potranno accogliere solo piccoli gruppi. Dalle 14.00, ogni 45 minuti, partirà un gruppo: l'ultimo partirà alle 17.45. Ogni storia verrà raccontata da un ragazzo o da una ragazza e, per ogni gruppo, ci sarà anche un ospite speciale: Mario Cossalli, ad esempio, presidente dell'Anpi o Andrea Segnana, amico di Vittorio Gozzer. Sarà un modo per far conoscere la mostra, che sarà poi visitabile nei giorni successivi, grazie al QR code, in forma individuale". Tramite un QR code presente sui pannelli sarà infatti possibile ascoltare le storie e le interviste dei protagonisti anche nei giorni successivi. 

 

Le storie che verranno raccontate sono quelle dei partigiani e delle partigiani Ada Gobetti, Giorgio e Giovanni Amendola, Ancilla Marighetto e Clorinda Menguzzato, Ferdinando Tonon, Germano Nicolini, Gianantonio Manci, Gina Galeotti Bianchi, i fratelli Cervi, i fratelli Gozzer, Maria Assunta Lorenzoni, Mario Pasi, Renato Ballardini, Rita Rosani, Sandro Pertini, Tina Anselmi.

 

Per partecipare alle visite guidate è necessario prenotarsi online (QUI MODULO). 

 

 

> 25 APRILE 2021, h. 19.00 - CONCERTO (online)

 

I festeggiamenti del 25 aprile non finiscono qui. Alle 19.00 inizierà infatti il classico concerto che verrà trasmesso da SanbaRadio e sulla pagina Facebook di Arci. Sul palco virtuale si alterneranno Cartapesta, Caterina Cropelli e Luciano Forlese. "La musica verrà accompagnata da alcuni interventi. Speriamo di tornare, l'anno prossimo, al tradizionale concerto. Il 25 aprile è sempre stata una festa: non volevamo rinunciare alla musica. E' importante, sempre, ragionare sulla resistenza e sul regalo che i partigiani ci hanno fatto: la libertà. Ogni volta che accendiamo la tv e pensiamo a quello che sta succedendo in tanti Paesi nel mondo, capiamo quanto sia necessario rinnovare il nostro impegno verso il tema della democrazia e della libertà".

 

 

"Ci teniamo a ringraziare - conclude Andrea La Malfa - gli oltre trenta volontari che saranno coinvolti in queste giornate; per la maggior parte giovani che hanno partecipato, in questi anni, alle esperienze di cittadinanza attiva promosse da Arci quali i campi della legalità, Ultima fermata Srebrenica, Promemoria Auschwitz: progetti promossi con l’Ufficio politiche giovanili della PAT e realizzati in collaborazione con diverse associazioni, tra cui Arciragazzi Bolzano e Deina Trentino. Un doveroso ringraziamento va anche al Comune di Trento e alla Provincia Autonoma di Trento, ad Anpi del trentino, CGIL del trentino, SanbaRaradio, Deina Trentino, Cafè de la paix, Aps Pequod Arsenale. Arcigay del trentino, Udu Trento, Rete degli studenti medi, Presidio Universitario Libera".

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ambiente
16 maggio - 12:08
I sub del Wwf hanno recuperato una rete abbandonata nel lago di Garda: all’interno, spiegano, una massa di nylon aggrovigliato contenente circa [...]
Cronaca
16 maggio - 11:16
Il sindaco di Tenno interviene su Facebook per chiedere ai cittadini di non abbassare la guardia: "Non vorrei che facessimo un passo avanti [...]
Cronaca
16 maggio - 12:49
Nel drammatico incidente ha perso la vita un uomo classe 1984, troppo gravi le ferite riportate. Le altre due persone che si trovavano a bordo sono [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato