Contenuto sponsorizzato

"Risorse private in aumento e l'obiettivo è diventare una destinazione da visitare tutto l'anno", il bilancio della val di Non: "Dialogo costante per rilanciare il territorio"

Approvato il bilancio, in crescita, dell'Azienda per il turismo val di Non. Il presidente Paoli: “I ricavi di natura privata nel 2023 hanno raggiunto il 60% delle entrate: un successo figlio di scelte strategiche e progetti in sinergia con gli enti del territorio"

Pubblicato il - 22 maggio 2024 - 11:14

CLES. Il bilancio 2023 dell'Azienda per il turismo supera i 2 milioni di euro, con sempre maggiori risorse derivanti da esperienze e prodotti, ma soprattutto con una serie di progettualità che mirano allo sviluppo turistico del territorio coinvolgendo gli attori economici, sociali, e istituzionali.

 

“Come Consiglio di amministrazione - le parole di Lorenzo Paoli, presidente dell'Azienda per il turismo val di Non - stiamo mantenendo i rapporti con l'Assessorato al turismo della Provincia di Trento al fine di ottenere per l'Apt Val di Non la validazione dei requisiti strutturali e organizzativi che sono stati pienamente raggiunti con il presente bilancio 2023, così come indicati nella legge provinciale, al fine di continuare ad operare nell'ambito territoriale della Val di Non con i finanziamenti previsti. L'obiettivo auspicato corrisponde al riconoscimento a operare come ambito territoriale autonomo pienamente integrato nel sistema di promozione territoriale e di marketing turistico del Trentino".

 

La prima parte dell’assemblea è stata dedicata alla presentazione e approvazione del progetto di Bilancio d’esercizio chiuso al 31.12.2023 che chiude a 2.283.746 euro (in crescita rispetto a 2.034.251 euro nel 2022) ma, soprattutto, evidenzia ancora maggiori entrate di “natura privata”. Ulteriormente in crescita rispetto agli anni precedenti, le risorse di natura privata oggi raggiungono la soglia del 60% delle entrate del bilancio (nel 2022 erano il 55%).

 

L’entrata in vigore della legge provinciale numero 8 del 12 agosto 2020 ha riformato il sistema della promozione turistica territoriale del Trentino. La Legge impone alle Azienda per il turismo di avere almeno il 51% delle entrate rappresentate da “risorse private” e non “pubbliche”. Obiettivo ampiamente conseguito dall’Apt Val di Non che ha raggiunto ricavi privati in misura pari appunto al 60% del totale complessivo dei ricavi delle vendite e prestazioni.

 

Una raccolta di finanziamento privato derivante da accordi di promozione con consolidati stakeholders, il progetto Castelli, il progetto Lago, la vendita di spazi pubblicitari e radio e prestazioni di servizi web, sponsorizzazioni e co-marketing su eventi, ritiri e progetti territoriali, attività di animazione, vendita gadget e contributi statutari dei soci a copertura dei costi di funzionamento dell’Azienda.

 

"Grazie all’esperienza ed alle capacità sviluppate, lo staff (composto dal team dei responsabili di area e dai relativi collaboratori) lavora con attenta responsabilità e in modo autonomo per le rispettive competenze - prosegue Paoli - ma anche in modo traversale e proficuo sui vari progetti, in stretta sinergia con gli amministratori. Grazie a questa impegnata collaborazione e con il sostegno da parte dei soci e delle diverse realtà territoriali/stakeholder, si è raggiunto nuovamente un bilancio in buona salute e sempre maggiormente sostenuto da risorse private".

 

Buone notizie, quindi, che, secondo il presidente Paoli, “sono frutto di tanto impegno e lavoro da parte dell’Azienda ma che ci responsabilizzano ancora di più e ci stimolano a fare sempre meglio”. ​Quindi uno sguardo al presente: “La primavera ci sta dando tante soddisfazioni grazie a grandi eventi come Fiorinda, la 4 Ville in Fiore, il Primo Maggio a Cles, il ritorno del festival Cerevisia appena concluso con numeri record, ma anche tutta una serie di esperienze e progetti legati alla fioritura”.

 

Paoli guarda avanti e fissa già i prossimi obbiettivi: “Sul tavolo abbiamo la collaborazione con Apt Val di Sole, con la quale abbiamo deciso di condividere visioni strategiche.  Inoltre abbiamo l’estate alle porte e il nostro staff sta lavorando assiduamente su più fronti, con uno sguardo già al prossimo autunno. La nostra volontà infatti è quella di confermarsi come un territorio aperto 365 giorni all’anno, grazie ad un paesaggio straordinario che muta con il passare delle stagioni, attraendo sempre nuovi visitatori, alla sinergia con il settore agricolo e a tutta una serie di eventi ed esperienze che permetto di destagionalizzare l’offerta”.

 

Nella seconda parte dell’Assemblea si è voluto dare voce a diversi enti con cui Apt ha collaborato e collabora fattivamente in diversi progetti: ispirati da alcune immagini, si sono avvicendati sul palco alcuni rappresentanti dei Comuni, della Comunità di Valle, del Castello del Buonconsiglio, della Cassa Rurale Val di Non - Rotaliana e Giovo e della Banca per il Trentino - Alto Adige, dell’Apt Val di Sole e ovviamente degli operatori: in dialogo con il presidente Paoli hanno testimoniato che l’Azienda per il turismo non è solo i suoi organi dirigenti o il suo staff, ma l’intero territorio.

 

“Questo obbiettivo raggiunto è un ulteriore segnale che Apt Val di Non cammina con le proprie gambe e lo fa attirando risorse dal territorio, con un bilancio solido figlio di progetti validi e di qualità. Dal progetto Castelli alla gestione e coordinamento delle attività sul lago di S. Giustina, come le escursioni in kayak, ma anche importanti progetti di co-marketing come quello strutturato con Melinda e le consolidate collaborazioni con le Casse Rurali, nonché il progetto di gestione di Radio Anaunia Val di Non che sta dando ottimi risultati”, conclude Paoli.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 giugno - 06:01
Nei primi mesi del 2024 il livello di precipitazioni registrato in Trentino è stato da record in molte aree e per il Gruppo Dolomiti [...]
Cronaca
15 giugno - 08:28
Per cause in fase di accertamento, rami e sterpaglie hanno preso fuoco nel biotopo Prader Sand
Politica
15 giugno - 08:42
L’analisi a freddo della consigliera di parità Flavia Monego, pochi giorni dopo l’esito dell’ultima tornata elettorale nel bellunese: “Non [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato