Contenuto sponsorizzato

Ricavi superiori alle attese e circa 1,3 milioni di presenze, il turismo del capoluogo a gonfie vele: "Centrale lo sviluppo coordinato della destinazione"

L’Azienda per il turismo di Trento ha presentato i risultati conseguiti nel 2023. Presenze in aumento e ricavi superiori alle attese accompagnano il rafforzamento delle iniziative di governance e progettazione del prodotto. Cultura, enogastronomia e attività outdoor arricchiscono l’offerta

Pubblicato il - 20 maggio 2024 - 12:46

TRENTO. E' un quadro positivo quello che emerge dal bilancio 2023 dell'Azienda per il turismo di Trento, le presenze tra il capoluogo, il Monte Bondone e l'Altopiano di Pinè sfiorano la soglia di 1,3 milioni.

 

Nel capoluogo sono, in particolare, sono aumentate del 12,9%. Nel documento, approvato dall’Assemblea dei soci, emergono anche ricavi decisamente superiori alle attese: quasi 4,1 milioni di euro rispetto ai 3,2 ipotizzati nel budget di previsione.

 

Numeri incoraggianti, che certificano l’efficacia delle strategie implementate. Segnato dall’ingresso dell’Altopiano di Piné nell’ambito territoriale, il 2023, infatti, ha rappresentato il primo capitolo di un Piano Strategico pluriennale destinato a proseguire fino al 2025 e caratterizzato da alcuni elementi chiave a partire dal rafforzamento dell’identità della destinazione.

 

In questo quadro, in particolare, l’Azienda per il turismo si è impegnata a sperimentare un’evoluzione del proprio ruolo concentrandosi su operazioni cruciali come la messa in rete delle risorse e delle opportunità, il coordinamento della governance turistica e lo sviluppo del prodotto.

 

“L’attività della nostra Azienda si sta evolvendo nella direzione di un ampliamento e della razionalizzazione dei compiti”, spiega Matteo Agnolin, direttore dell'Apt di Trento. "Accanto all’impegno per la comunicazione e la promozione si collocano oggi sempre di più le iniziative di sviluppo coordinato della destinazione attraverso il coinvolgimento di numerosi stakeholders del territorio come gli operatori del settore, le istituzioni, gli ospiti e la comunità locale. In questo modo è stato possibile avviare nuovi progetti che proseguono ancora".

 

Particolarmente ampio l’elenco delle attività realizzate che hanno interessato, in particolare, ambiti come la cultura, l’outdoor e l’enogastronomia. Tra le azioni di sviluppo del prodotto si segnala l’istituzione di un tavolo di lavoro con le principali realtà museali del territorio che si è posto obiettivi importanti tra cui l’allineamento strategico degli attori coinvolti, lo sviluppo di eventi e progetti condivisi e il rafforzamento dell’identità di prodotto.

 

Nel 2023 Apt ha deciso inoltre di intraprendere un ambizioso progetto di sviluppo strutturato della rete e della proposta culturale cittadina attraverso un piano di azioni concrete, tra le quali uno studio delle buyer personas nell’ambito museale, preludio a un’attività di analisi dei dati finalizzata alla pianificazione dei progetti. L’iniziativa punta ora a proseguire questo percorso con l’obiettivo di sviluppare insieme strumenti innovativi, progetti di sistema studiati a seconda delle esigenze degli ospiti e dei residenti e un marketing sempre più coordinato ed efficace.  

 

Sempre nel 2023 l’Azienda per il turismo ha intrapreso un importante percorso per ottenere la certificazione di sostenibilità per tutta la destinazione secondo gli standard internazionali Gstc (Global sustainable tourism council). Un percorso complesso e ambizioso che ha visto l’Apt impegnata nello sviluppo di progetti in tutte le sfere della sostenibilità, da quella ambientale, a quella economica, sociale e gestionale e nella raccolta e elaborazione di dati a supporto del lavoro e della cura della destinazione in tal senso. Tale certificazione rappresenta dunque un traguardo importante per il territorio (riconosciuto a livello internazionale e di grande prestigio) a testimonianza dell’impegno verso uno sviluppo turistico responsabile basato sul coinvolgimento continuo e costante di tutti gli attori coinvolti, dagli stakeholders, agli ospiti fino alla comunità locale. 

 

“Il turismo rappresenta una grande opportunità di crescita per il nostro sistema economico che può essere colta solo attraverso azioni strategiche progettate con cura”, aggiunge Franco Aldo Bertagnolli, presidente dell'Azienda per il turismo di Trento. “Le iniziative fin qui intraprese, così come quelle che seguiranno in futuro, ci consentono di rispondere efficacemente alle sfide del presente incrementando le entrate private, realizzando prodotti sempre più vicini alle richieste degli utenti e adattandoci al meglio a un mercato in continua evoluzione”.

 

Importante, inoltre, l’impegno per la promozione e la progettazione del prodotto outdoor, che include attività come lo sviluppo della segnaletica, la valorizzazione, la tematizzazione, la creazione e la manutenzione di itinerari per escursionismo e bike nonché delle piste ciclabili e del sistema di servizi bike sharing. Si tratta di attività e progetti che hanno trovato ulteriore spinta con la già citata inclusione dell’Altopiano di Pinè che ha portato a un conseguente allargamento dell’offerta, in particolare con l’importante progetto Hike&Bike Piné” che, con il supporto dei comuni dell’Altopiano, mira a valorizzare l’estesa rete di vie sterrate e sentieri per oltre 200 chilometri di itinerari tra boschi e luoghi naturali suggestivi. 

 

"Accogliamo con soddisfazione i risultati del bilancio approvato dall’Azienda per il turismo. Sono la conferma della qualità del lavoro svolto. Il percorso avviato negli ultimi anni si caratterizza per alcune iniziative di primaria importanza, a cominciare dal lancio del city brand, che evidenziano l’irrinunciabile ruolo del capoluogo come polo di attrazione. La strategia dell'Apt si integra efficacemente con la politica turistica sviluppata dal Comune, caratterizzata dai medesimi temi e obiettivi, e punta a favorire la crescita dell’offerta a beneficio dei visitatori, della comunità e del territorio stesso", le parole del sindaco Franco Ianeselli, mentre l'assessore Roberto Failoni conclude: "L’Azienda per il Turismo ha svolto un eccellente lavoro che contribuisce a rafforzare i risultati fin qui raggiunti dal sistema trentino. La crescita del settore ha tratto indubbiamente beneficio anche dai grandi eventi organizzati nel capoluogo, dalla sua montagna e dalla pluralità di iniziative culturali ed enogastronomiche che si traducono in un ulteriore valore aggiunto per la città in termini di arricchimento culturale e incremento dei flussi nei diversi mesi dell’anno. Un aspetto, quest’ultimo, che si inquadra perfettamente in quella strategia di destagionalizzazione del turismo sulla quale puntiamo da tempo".

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 giugno - 06:01
Nei primi mesi del 2024 il livello di precipitazioni registrato in Trentino è stato da record in molte aree e per il Gruppo Dolomiti [...]
Montagna
15 giugno - 10:04
L'escursionista, rimasta gravemente ferita, è stata trasportata in elicottero all'ospedale di Coira. La polizia cantonale dei Grigioni ha aperto [...]
Cronaca
15 giugno - 08:28
Per cause in fase di accertamento, rami e sterpaglie hanno preso fuoco nel biotopo Prader Sand
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato