Contenuto sponsorizzato

Un nuovo parco giochi inclusivo che si ispira a "Peter Pan-l'isola che non c'è" (FOTO e VIDEO). Un progetto del Circolo ricreativo dei vigili del fuoco

Il nuovo parco giochi è voluto dal Circolo ricreativo vigili del fuoco Belluno. Il progetto prevede un investimento da 400.000 euro

Di Antonio Gheno - 18 aprile 2024 - 12:37

BELLUNO. La città di Belluno avrà un nuovo parco giochi inclusivo a tema "Peter Pan - l’isola che non c’è” grazie ad un progetto che prenderà forma al parco città di Bologna, al posto dell’attuale area giochi, ed è stato pensato e voluto dal Circolo ricreativo vigili del fuoco Belluno e condiviso con l’amministrazione comunale che insieme hanno posizionato proprio lì il cartellone che mostra come diventerà l’area giochi e chiede a tutti i cittadini e le realtà presenti sul territorio una mano per raccogliere la cifra utile all’intervento che ammonta a 400.000 euro.

“Tutti i giochi che si vedono nel rendering sono stati studiati da un’equipe medica e danno la possibilità a tutti i bambini, sia normodotati che con qualsiasi tipo di disabilità sia fisica che cognitiva, di usarli insieme consentendo una convivenza nell’area delle attrezzature di circa 130 bambini contemporaneamente. Inoltre il parco vuole essere un servizio aperto non solo alla città ma anche al resto della provincia e oltre, si pensi ad esempio a villeggianti che soggiornano in Nevegal. Questo potrebbe davvero diventare una sorta di Gardaland di Belluno e potrà fare scuola per altre realtà perché diventerà l’unico parco giochi inclusivo a tema in tutta Europa: ci sono solo 4 parchi simili nel nord Italia ma non focalizzati su una storia o dedicati solo alle persone con disabilità e invece questo vuole essere per tutti con un occhio di riguardo anche a chi ha delle difficoltà" ha dichiarato il presidente del circolo Gianfranco Sommavilla.


Sul sito di Proludic, la società che ha progettato il parco, si legge il parco non è solo un’area di svago ma vuole essere un progetto sociale che mira ad unire la comunità, promuovere l’inclusione e stimolare lo sviluppo cognitivo e fisico dei bambini in un contesto ludico con 20 differenti funzioni, sicuro ed immersivo ispirato alla celebre storia di J.M. Barrie.

Vi saranno delle aree tematiche, che ricreano l’atmosfera e i luoghi iconici della favola di Peter Pan, dove i bambini avranno l’opportunità di esplorare e giocare nel galeone dei pirati Jolly Roger, immaginando di navigare per i sette mari o di incontrare il Capitan Uncino, di addentrarsi nella laguna delle sirene, di imbattersi nella roccia del teschio legata alla misteriosa avventura di Neverland, di fingersi indiani alleati di Peter Pan nel campo indiano o di salire sull’albero dell’impiccato rifugiandosi nella casa dei bimbi perduti.


Oltre ad essere un progetto inclusivo vuole essere anche uno sprone per l‘educazione e la fantasia dei bambini permettendo loro di apprendere e crescere in un ambiente stimolante, divertendosi insieme, e in un posto sicuro che vedrà una pavimentazione in gomma colata anti-trauma che è pensata per attutire cadute da 2 metri di altezza oltre che essere drenante per evitare aree di ristagno dell’acqua piovana, come accade oggi, motivo per cui questa iniziativa sarà a tutti gli effetti anche un progetto di rigenerazione urbana perché andrà riqualificare l’area rendendola un’attrazione per residenti e visitatori esterni.

Per arrivare a questi importantissimi obiettivi sarà necessario reperire quanto prima la somma di 400.000 euro che possono essere donati da tutti, cittadini, associazioni, enti, al Circolo ricreativo Vigili del Fuoco Belluno con una donazione al seguente IBAN IT34P0585611901092571081228 con causale “erogazione liberale parco inclusivo Peter Pan”, oppure donando il 5×1000 al seguente C.F. 01219290259.

L’amministrazione, nelle parole del sindaco Oscar De Pellegrin, ha voluto ringraziare il circolo per questo importante progetto presentato a beneficio della comunità tutta e sottolineare una volta di più che questo vuole essere un parco fruibile a tutti e non solo per la città motivo per cui ha lanciato l’appello che tutti si possano fare promotori di questa iniziativa, cittadini, enti, aziende, per diffondere più possibile la volontà di riuscire quanto prima ad accumulare la somma necessaria che, appena raggiunta, vedrà la realizzazione di questo progetto pilota.

Anche l’assessora ai parchi Lorenza De Kunovich ha dichiarato che si sta già attivando con i colleghi per proporre in città una serie di iniziative ed eventi collaterali volti alla sensibilizzazione di questo progetto oltre che di programmare una serie di incontri presso le amministrazioni dei comuni limitrofi per presentare l’idea e chiedere la loro collaborazione per questo progetto che punta a rendere la città capoluogo utile anche alle altre realtà che la circondano.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 maggio - 08:32
Il drammatico incidente sul lavoro è avvenuto nella serata di ieri. Sulla dinamica esatta di quello che è successo sono in corso le verifiche da [...]
Cronaca
28 maggio - 06:01
I comuni lombardi di Valverstino e Magasa negli ultimi mesi sembrano essere riusciti ad intavolare una prima [...]
Cronaca
27 maggio - 20:25
Da oltre vent'anni fa il "camionaro", come lui stesso ama definirsi. "All'estero la nostra professione viene rispettata perché le persone sanno [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato