Contenuto sponsorizzato

Aids, settimana di mobilitazione per il test Hiv. Lila e Arcigay mobilitate: "Rapido e gratuito, lo potete fare direttamente da noi"

Il test si esegue sulla saliva prelevata dall'interno della bocca e dopo trenta minuti si conosce l'esito. "Il test è importante: sono proprio le persone che non sanno di avere l’Hiv che diffondono il virus"

Pubblicato il - 21 novembre 2016 - 15:45

TRENTO. I dati sulla diffusione dell'Hiv in Trentino, l'età del contagio, le fasce più colpite e tutto quello che c'è da sapere lo lasciamo all'appuntamento del primo dicembre, la Giornata mondiale per la lotta all'Aids che sarà celebrata anche qui. Ora occupiamoci dell'European Hiv Testing, l'iniziativa che a livello provinciale è organizzata dalla Lila e che promuove l'importanza del test Hiv come metodo di prevenzione.

 

Prevenzione secondaria, quella che ti permette, nel caso in cui il test sia positivo, di intervenire immediatamente con le giuste terapie per impedire che si arrivi alla malattia, all'Aids conclamata. Ricordiamo però la prevenzione primaria, quella che si deve mettere in campo per impedire il contagio, per non contrarre il virus: e lo strumento principe, il mezzo più sicuro, il “salvavita” che tutti e tutte dovrebbero portarsi appresso è ancora lui, il preservativo.

 

Ma torniamo al test, e presentiamo l'iniziativa che la Lila promuove in questi giorni. Da venerdì scorso, e per tutta la settimana fino a domenica prossima, sarà possibile recarsi nella sede di via Fratelli Bronzetti 29 e sottoporsi al test per conoscere il proprio stato sierologico: sieropositivo o sieronegativo. Dalle 15 alle 19, sabato escluso.
 

Nessun prelievo, niente dolore. Il test si esegue sulla saliva prelevata dall'interno della bocca e dopo trenta minuti si potrà conoscere l'esito. Ma qual è lo scopo di questa campagna? “Sapere presto di avere l’Hiv riduce il rischio di sviluppare complicanze derivate dai danni che il virus può causare al nostro sistema immunitario – spiegano i volontari della Lila – saperlo permette quindi di iniziare la terapia, abbattere i livelli del virus nel sangue e impedire al virus di essere trasmesso ad altre persone”.
 

Non serve solo per se stessi, non è soltanto una 'questione privata': “No – ci dicono – è una prevenzione collettiva. Essere a conoscenza del proprio stato, della propria sieropositività, impedisce la diffusione del virus: se tutti sapessimo il nostro stato sierologico, l’infezione si potrebbe fermare. Attualmente sono proprio le persone che non sanno di avere l’Hiv che aiutano il virus a diffondersi”.

 

Ecco spiegato il motivo di questa mobilitazione che oltre alla Lila coinvolge anche l'Arcigay del Trentino. Anche nella sua sede di via al Torrione 6, giovedì dalle 19.30 alle 22.30, sarà possibile sottoporsi al test. E nel caso si scoprisse di essere sieropositivi, niente paura, non sarete lasciati soli né dai volontari della Lila e nemmeno dai ragazzi di Arcigay che sapranno aiutarvi e accompagnarvi nel percorso successivo, quello della terapia. 

 

Ricordiamo che il test è gratuito, non solo alla Lila ma in tutte le strutture pubbliche del Trentino. Che è anonimo, il nome non comparirà mai da nessuna parte. E ricordiamo ancora una volta che il preservativo è importante, che tutti i rapporti sessuali insertivi sono a rischio. Quindi, usa il preservativo e corri a fare il test.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 04:01

In Trentino il turismo è un settore strategico, pesa per il 20% del Pil provinciale, il periodo di Natale e Capodanno vale un terzo della stagione invernale e il "buco" in caso di chiusura tout-court viene valutato in 1 miliardo. Un danno che si aggiunge alla primavera cancellata e l'estate oltre le aspettative ma in fortissimo calo: si stima di aver bruciato tra indotto diretto e indiretto circa 280 milioni di euro e mezzo miliardo da marzo

24 novembre - 19:26

Sono 478 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 51 in alta intensità. Sono stati trovati 143 positivi a fronte dell'analisi di 2.235 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

24 novembre - 19:49

Un'operazione di questo tipo non era mai stata messa in campo nemmeno nella prima ondata ma la situazione è preoccupante e i positivi sono diversi sia tra i permanenti che nella protezione civile. Lo screening con tamponi molecolari avverrà a partire da mercoledì

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato