Contenuto sponsorizzato

L'Avis di Trento festeggerà i 50 anni aiutando i donatori di Norcia colpiti dal terremoto

Sabato sarà firmato il gemellaggio con l'Avis di Norcia e saranno devoluti 5 mila euro per sistemare la struttura colpita dal terremoto. In piazza Pasi una giornata di feste e informazione. Sarà offerto anche il "Pane del Donatore" 

Pubblicato il - 04 ottobre 2017 - 14:21

TRENTO. Una festa all'insegna della solidarietà a tutto campo quella che l'Avis di Trento si appresta a festeggiare sabato 7 ottobre in piazza Pasi. In occasione del cinquantesimo dalla fondazione, avvenuta il 21 aprile del 1967, l'associazione che riunisce i donatori di sangue di Trento ha deciso di organizzare un gemellaggio molto speciale.

 

Sabato in piazza Pasi sarà firmato il gemellaggio con l'Avis di Norcia gravemente colpita dal terremoto e ancora oggi senza una sede. “Faremo la nostra festa – ha spiegato la presidente Daniela Bassetti – per i 50 anni ma abbiamo deciso di puntare sulla sobrietà. Questo perché doneremo i 5 mila euro previsti per l'organizzazione dell'evento all'Avis di Norcia per aiutarla a sistemare la loro sede”.

 

Norcia è stata colpita lo scorso anno da un devastante terremoto. Molte strutture sono andate distrutte. Tra queste anche la struttura che ospitava l'Avis, dove avvenivano le donazioni, che ancora oggi si trova senza una propria sistemazione logistica. “C'è un immenso impegno da parte dei donatori – spiega Bassetti – perché ad oggi a Norcia viene organizzato un pulmino e devono farci 45 minuti di strada per donare il proprio sangue”.

 

Attualmente l'Avis comunale di Trento conta 4230 donatori, 1367 donne e 2863 maschi. Nel 2016 sono state raccolte ben 5298 donazioni di sangue. A livello provinciale le donazioni lo scorso anno sono state di circa 25 mila unità. Di queste, 20 mila sono state usate sul territorio provinciale mentre 5 mila hanno aiutato altre regioni in deficit di sangue.

 

Ecco allora che sabato , dalle 9 alle 19, in piazza Pasi si potranno avere tutte le informazioni necessarie per la donazione. Alle 11.30 si terrà un brindisi augurale con le autorità per le “Nozze d'oro” tra la città di Trento e l'Avis con la distribuzione del “Pane del Donatore”realizzato dall'Associazione trentina panificatori che per l'occasione ha creato un pane a forma di goccia realizzato con l'aggiunta di salsa di pomodoro. Ci sarà poi l'atto ufficiale di gemellaggio con l'Avis di Norcia .

 

La giornata continuerà poi nell'integrazione con le tante iniziative che si terranno in centro storico con la “Festa d'autunno” e anche quelle della “Festa al Volo” che si terranno il 7 e 8 ottobre.  

 

"Festeggiare i 50 anni di questa associazione - ha spiegato l'assessore Roberto Stanchina - è un orgoglio per tutta la città. Stiamo parlando di una associazione che si è sempre spesa a 360 gradi".  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 18:05

Oggi la Giunta provinciale ha approvato il documento attraverso il quale si avvierà la riduzione delle presenze all'interno della residenza fino alla chiusura. Sul tema dell'accoglienza il neo sindaco di Trento, Franco Ianeselli, ha spiegato che tra Pat e Comune ci sono due linee opposte: "Sbagliato scaricare sulla città tutti gli oneri come è stato fatto negli ultimi anni. La strada giusta è l'accoglienza diffusa"

29 settembre - 18:14

La Provincia rinnova infine l'appello di seguire le regole: "Si devono tutelare il più possibile gli anziani, obiettivo che i giovani devono concorrere a raggiungere attuando le regole igieniche e il corretto distanziamento"

29 settembre - 17:19

Se Riva pare la piazza più in bilico dove la destra potrebbe tentare il colpo forte anche dell'alleanza con i civici di Malfer e il Patt locale, quello provinciale ricorda ai suoi elettori da che parte sta l'Autonomia. Intanto anche le Sardine tornano a farsi sentire (giovedì a Riva alle 17 ci sarà un flash mob) ben consce del fatto che anche nelle piazze dove qualcuno poteva sperare nel cambiamento il rischio di ritrovarsi con la Lega del Trentino (e non quella di Zaia) al governo è troppo alto 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato