Contenuto sponsorizzato

L'edificio più eco-friendly e sostenibile d'Italia è un progetto dell'azienda trentina Armalam

La realtà di Pergine si è aggiudicata il primo premio nell'Energy Globe Award Italia, riconoscimento tra i più prestigiosi al mondo. Questo contest ha visto nel 2017 la partecipazione di 178 paesi e la presenza di oltre 2.000 progetti

Di Luca Andreazza - 29 settembre 2017 - 19:21

PERGINE. Sostenibilità, efficienza energetica, comfort e qualità della vita. Armalam, realtà perginese fondata nel 2003, brilla all'Energy Globe Award Italia e si aggiudica il primo posto di questo premio istituito nel 1999 e tra più prestigiosi al mondo, soprattutto in questo periodo di forti cambiamenti climatici e ambientali: questo riconoscimento vede la partecipazione, solo su invito, di progetti che conservano e proteggono le nostre risorse oppure che impiegano energia rinnovabile.


Nel 2017 l'Energy Globe Award Italia ha visto la partecipazione di 178 paesi e la presenza di oltre 2.000 progetti e iniziative per competere nell’assegnazione del premio finale.

 

Il riconoscimento Energy Globe Award Italia è stato assegnato alla società trentina per la progettazione e la realizzazione dell’Ecohotel 'Bonapace' di Torbole, il primo albergo 'near zero energy', già ampiamente premiato dalla Certificazione Arca-livello Platinum, alla quale si aggiungono quelle Passivhouse e Climahotel Gold (Qui articolo: Arca e l'edilizia in legno, la sfida trentina a terremoti e incendi).

 

Anche la certificazione Arca parte dal Trentino al fine di premiare gli edifici in legno più ecologici, resistenti, durevolisalubri, ma allo stesso tempo ideando delle vere e proprie linee guida per chi è interessato a progettare edifici '100%-Eco'.

 

Dietro la progettazione dell'Ecohotel 'Bonapace' si cela anche tanta informatica e esperienza di ingegneria: come le accurate elaborazioni al computer per l'irraggiamento del sole per ottimizzare così il riscaldamento e raffrescamento. 

 

A questo si aggiunge la progettazione di un involucro termico ad altissime prestazioni e una centrale termica con impianto di ventilazione meccanica controllata a recupero di calore e l’installazione di circa 10 kW di fotovoltaico.

 

Questi dispositivi consentono all'edificio di rendersi quasi energicamente indipendente: niente emissioni di CO2.

 

L'innovativo sistema di ventilazione è il fiore all’occhiello dell'edificio: l'impianto non serve solamente per controllare la temperatura delle stanze, ma anche per garantire un’ottima salubrità interna, con un riciclo dell'aria che diminuisce la contaminazione di batteri e acari.

 

Gli studi dell'Istituto di Sanità americano certificano inoltre il miglioramento della qualità dell'aria indoor, che concilia sonno e riposo, due requisiti fondamentali per un ecohotel-relais.

 

Il percorso di Armalam non finisce però qui, l'azienda trentina è infatti ora candidata per l'assegnazione del premio internazionale il prossimo 16 gennaio a Teheran, capitale dell'Iran, alla presenza di personalità del calibro di Maneka Gandhi e Kofi Annan

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 19:34

I positivi totali di oggi sono 341 mentre i decessi sono 2 che portano il totale, da inizio epidemia a 1271 morti, 821 solo da settembre in questa seconda ondata di Covid-19. Ecco la mappa del contagio da Trento ad Ala da Pergine a Rovereto

27 febbraio - 20:20

Sono tante le voci che sabato 27 febbraio, in piazza Santa Maria, hanno ricordato Deborah Saltori, 42enne di Vigo Meano uccisa dall’ex marito. Non bisogna parlare di violenza solamente a posteriori, hanno ricordato le persone che hanno preso la parola in piazza. È necessario insistere sulla rieducazione degli uomini maltrattanti, ma anche sull’educazione dei ragazzi. “Chiediamo che i percorsi di educazione alle relazioni di genere siano riattivati”, ha domandato l’insegnante Maria Giovanna Franch, ma dalla giunta nessuna risposta

27 febbraio - 17:44

Dei nuovi positivi, 6 hanno tra 0-2 anni, 11 tra 3-5 anni, 24 tra 6-10 anni, 8 tra 11-13 anni, 19 tra 14-19 anni e 49 di 70 e più anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato