Contenuto sponsorizzato

Il Rezzato piazza la cinquina e il Trento esonera Vecchiato

Calcio serie D. Il tecnico gialloblu paga un inizio di stagione deludente, solo otto punti frutto di otto sconfitte, due pareggi e due vittorie in dodici gare. Il Levico Terme perde in casa contro il Lecco, il Dro Alto Garda si arrende a Lumezzane

Di Luca Andreazza - 05 novembre 2017 - 17:55

TRENTO. Nove reti subite, una sola all'attivo e zero punti. Questo il bilancio delle trentine impegnate nella tredicesima giornata di serie D. La 'corazzata' Rezzato travolge il Trento al Briamasco per 5-1. Un risultato che rappresenta l'ultima fermata per il tecnico Roberto Vecchiato, sollevato dal proprio incarico dopo una partenza deludente: dodici gare, otto sconfitte (cinque su sei in casa), due pareggi e solo due vittorie. Otto punti in classifica, i derby persi contro il Levico (Qui articolo) e il Dro Alto Garda in coppa Italia (Qui articolo) e l'allenatore paga il conto. La società comunicherà nelle prossime ore il nuovo tecnico del Trento. 

 

Il Levico Terme si arrende invece in casa contro il Lecco, mentre il Dro Alto Garda perde a Lumezzane.

 

Un gol per tempo, la doppietta di Fabio Cristofoli affonda il Levico Terme per 2-0. Il Lecco si porta così in zona playoff a 23 punti, mentre i termali restano nel centro classifica con 15 punti. 

 

Brutta sconfitta in ottica salvezza per il Dro Alto Garda, il Lumezzane regola l'undici di Michele Ischia per 3-0. I lombardi partono forte e già dopo mezz'ora indirizzano la gara con Defendi e Annoni. Nella ripresa De Respinis cala tris e il Lumezzane staccano i droati in classifica.

 

Resta fermo a 8 punti anche il Trento che perde in casa per 5-1 contro il Rezzato, terza forza del campionato. Gara già virtualmente decisa alla fine del primo tempo sul 3-0 per gli ospiti. Dopo una buona partenza i gialloblu però si sciolgono e cadono sotto i colpi da ko di Franchi, che piazza una doppietta in appena un minuto: prima spezza l'equilibrio al minuto 18, quindi al diciannovesimo serve il raddoppio.

 

Il Trento è tramortito e alla mezz'ora Cazzamalli trova il tris. I padroni di casa provano a reagire, ma la difesa dei bresciani è compatta e non lascia spazio agli attaccanti gialloblu.

 

Nella ripresa la formazione di Roberto Vecchiato parte meglio e Calcagnotto è il più lesto di tutti sulla corta respinta dell'estremo difensore ospite e accorcia le distanze. La speranza di riaprire la gara dura però poco, esattamente tre minuti, quando Bellazzini dal dischetto cala il poker. 

 

Il Trento prova restare in partita, ma la conclusione dalla distanza di Furlan si perde sul fondo, mentre ogni volta che il Rezzato alza i giri del motore fa molto male: Selvatico sorprende Cuoco e chiude il conto.

 

La squadra di casa si riversa nella metà campo avversaria per rendere il passivo meno amaro, ma la difesa dei bresciani controlla le sfuriate dei gialloblu e il risultato non cambia. Il triplice fischio termina la contesa sul 5-1 per il Rezzato.

 

CLASSIFICA: Aurora Pro Patria 28, Rezzato 27, Darfo Boario 26, Pontisola 23, Lecco 23, Virtus Bergamo 22, Ciliverghe 20, Pergolettese 20, Crema 18, Caravaggio 17, LEVICO TERME 15, Scanzoroscoate 14, Bustese 11, Lumezzane 11, Ciserano 11, Grumellese 8, DRO ALTO GARDA 8, TRENTO 8, Romanese 7

 

Levico Terme-Lecco 0-2

Reti: 11' e 78' Cristofoli

 

Lumezzane-Dro Alto Garda 3-0

Reti: 12' Defendi, 27' Annoni, 68' De Respinis

 

Trento-Rezzano 1-5

Reti: 18' e 19' Franchi (R), 32' Cazzamalli (R), 53' Calcagnotto (T), 56' rig. Bellazzini, 67' Selvatico

 

Bustese-Grumellese 2-2

Caravaggio-Pontisola 0-4

Ciliverghe-Darfo Boario 1-2

Ciserano-Crema 0-2

Pergolettese-Romanese 0-0

Scanzorosciate-Aurora Pro Patria 1-2

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato