Contenuto sponsorizzato

Degasperi vince l'Ironman di Lanzarote: storica impresa

Il triatleta trentino ha fatto la differenza tra bici e corsa e si è aggiudicato la vittoria in quella che è una della gare più importanti del mondo

Di Luca Pianesi - 26 maggio 2018 - 18:13

LANZAROTE. Era una delle gare più attese dell'anno e Alessandro Degasperi non ha fallito l'appuntamento. Una vittoria pazzesca, di quelle da libri di storia (e infatti domani il Dolomiti gli tributerà il giusto merito con l'inserto speciale D-Sport: qui i due numeri precedenti) e ora le Hawaii, con la finale del campionato mondiale, sono lì a un passo. Lanzarote è sua.

 

Uno degli Ironman più famosi del mondo, una delle gare di triathlon più seguite in assoluto è stata stravinta dal campione trentino che si divide tra il capoluogo e la Val di Fiemme e la Val di Fassa. Una gara che piace al "Dega", che aveva già vinto nel 2015 e che l'anno scorso lo aveva visto fermarsi a un passo da una storica doppietta (arrivò secondo). Doppietta che è arrivata oggi.

 

Come è risaputo l'Ironman si divide in tre frazioni: 3,860 km di nuoto, 180,260 km in bicicletta e 42,195 km di corsa. E Degasperi si è comportato egregiamente in tutte le frazioni. Nel nuoto ha chiuso in 49 minuti e 20 secondi, tenendo benissimo in quella che è, storicamente, per lui la frazione più difficile, poi è montato in sella alla bici e ha preso il largo chiudendo (in poco più di 5 ore e 3 minuti) davanti a tutti. La maratona l'ha gestita da leader assoluto facendo registrare il tempo di 2 ore 54 minuti e 23 secondi alzando, infine, le braccia al cielo e festeggiando un'altra storica impresa.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato