Contenuto sponsorizzato

La Pergolettese dilaga al Briamasco. Levico rimontato, la Pro Patria batte il Dro

Calcio serie D. Il Trento cade per 4-0, mentre al Levico non basta il solito Bertoldi. Basta Le Noci alla Pro Patria per superare il Dro Alto Garda

Di Luca Andreazza - 11 febbraio 2018 - 16:37

TRENTO. Nessun punto per le trentina in questa ventiseiesima giornata di serie D. Il Dro Alto Garda cede di misura contro il Pro Patria, seconda forza del campionato. Finisce 1-0 per i lombardi, decide Giuseppe Le Noci a fine primo tempo.

 

Non basta il solido Fabio Bertoldi al Levico, la Butese si impone per 2-1 con Orchi e Ianni Basilio, mentre la Pergolettese cala il poker e passa al Briamasco.

 

La truppa di Antonio Filippini non demerita nel primo tempo, ma in avanti non punge e viene punita alla prima vera occasione. Altro calo invece nella seconda frazione.Un quarto d'ora fatale per le speranze del sodalizio di via Sanseverino. 

 

I lombardi, infatti, dilagano fino al 4-0, mentre i gialloblu restano così in quattordicesima posizione, sempre a due lunghezze dal Crema, prima squadra che si salva direttamente senza dover disputare i playout.

 

L'impatto sul match del Trento è buono. I gialloblu premono e tengono il pallino del gioco, senza però costruire nitide occasione da rete. Dopo circa mezz'ora si vede la Pergolettese, che riesce a passare in vantaggio alla prima opportunità: Festa si lancia in uscita e contrasta Ferrerio, la palla arriva però a Poesio che insacca sotto la traversa.

 

La reazione del Trento è timida: Bertaso scodella in mezzo per Sorbo che, di testa, serve Dadson, la sua incornata viene però neutralizzata da Leoni. E' l'ultima occasione del primo tempo.

 

Nella seconda frazione il tecnico dei gialloblu prova a mescolare le carte e cambia modulo. Una soluzione che però non premia. Al 49' è già la Pergolettese a rischiare il raddoppio, ma la conclusione di Ferrario centra il palo.

 

Il Trento mette in campo quattro attaccanti per provare a raddrizzare la gara e intorno all'ora di gioco arriva una doppia occasione per la formazione di casa: prima Sorbo salta più in alto di tutti e indirizza il pallone nell’angolino basso, ma Leoni nega il pareggio. L’azione non finisce, Zecchinato prova la rovesciata, ma è ancora il classe ’98 a superarsi.

 

E' l'ultimo sussulto del Trento. La Pergolettese, infatti, affonda ogni volta che può:  siamo al 60', Manzoni tira dal limite e trova la deviazione di un difensore che spiazza Festa, quindi Ferrario cala il tris in contropiede e per finire Brero di testa fissa il risultato sul 4-0 al 74'. La gara a questo punto non ha più nulla dire e si trascina fino al triplice fischio finale. 

 

CLASSIFICA: Rezzato 55, Pro Patria 54, Pontisola 50, Darfo Boario 48, Pergolettese 46, Virtus Bergamo 42, Lecco 36, Caravaggio 35, LEVICO TERME 34, Bustese 32, Lumezzane 32, Ciliverghe Mazzano 30, Crema 29, TRENTO 27, Scanzorosciate 26, Ciserano 22, Grumellese 19, DRO ALTO GARDA 18, Romanese 10

 

Levico Terme-Bustese 1-2

Reti: 68' Bertoldi (L), 81' Orchi (B), 87' rig. Ianni (B)

 

Pro Patria-Dro Alto Garda 1-0

Reti: 39' Le Noci

 

Trento-Pergolettese 0-4

Reti: 34' Poesio, 59' Manzoni, 67' Ferrario, 75' Brero

 

Lecco-Lumezzane 0-1

Romanese-Virtus Bergamo 1-2

Ciliverghe Mazzano-Scanzorosciate 1-1 

Darfo Boario-Ciserano 3-0

Grumellese-Pontisola 0-3

Rezzato-Caravaggio 1-0

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 16:21

L'ok arriva dopo l'esame in camera di consiglio dei due ricorsi del presidente del consiglio contro Trentino e Alto Adige. La Consulta ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale. Rossi: "E adesso vengano elaborati i piani di gestione come abbiamo chiesto a inizio anno, anche se Zanotelli dice che non servono"

16 luglio - 14:17

Una fototrappola è scattata questa mattina e alle 9.29 ha immortalato l'orso tra i boschi della Marzola. E' già presente il personale forestale, attivato immediatamente dopo l'evento per assicurare monitoraggio, presidio territoriale e informazione

16 luglio - 10:47

Sono già 40 i casi di femminicidio avvenuti nei primi sei mesi dell’anno, un numero che non accenna a calare e perfettamente in linea con gli anni scorsi, dopo l’ennesimo caso interviene anche la senatrice trentina Conzatti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato