Contenuto sponsorizzato

La rincorsa all'oro olimpico di Lindsey Vonn parte dall'Alpe Cimbra

Sci. La statunitense si è allenata in vista della kermesse a cinque cerchi in Corea. La promessa è quella di ritornare a marzo per l'AlpeCimbra Fis Children Cup: "Se il calendario degli impegni me lo consentirà, ci sarò sicuramente"

Pubblicato il - 25 gennaio 2018 - 21:42

FOLGARIA. Si è conclusa con una lunga sessione d'allenamento la due giorni di Lindsey Vonn sulle nevi dell'Alpe Cimbra, dove la campionessa americana ha potuto testare i materiali in vista dell'appuntamento olimpico di Pyeongchang, seguita a fondo pista da un folto numero di tifosi e appassionati.

 

La forte sciatrice statunitense, affiancata dai compagni di nazionale Ted Ligety e Tommy Ford, ha approfittato delle ottime condizioni della pista Salizzona, barrata e preparata ad hoc dai tecnici dello Ski Team Altipiani e di Folgaria Ski.

 

"Abbiamo cercato di far trovare a Lindsey una pista in condizioni ottimali e, se lei stessa si è detta soddisfatta del nostro lavoro, il merito, oltre che della località, va condiviso con i tecnici dello Ski Team Altipiani e di Folgaria Ski – ha commentato il presidente dell'Apt Alpe Cimbra Michael Rech –. Per noi si è trattato di un'opportunità incredibile, la più grande soddisfazione professionale ed umana che ho provato da quando ricopro questo ruolo».

 

Alla soddisfazione di Rech ha fatto eco quella di Lindsey Vonn. "Ho svolto delle sessioni d'allenamento ottimali – ha spiegato la campionessa della nazionale a stelle strisce – Ultimamente avevo riscontrato qualche problema sul fondo ghiacciato e qui a Folgaria ho potuto lavorare bene su questo aspetto. Ho cercato di trovare la giusta combinazione tra scarponi e sci: la pista era perfetta e ho provato buone sensazioni".

 

Per la campionessa americana si è trattato di un felice ritorno in Trentino, dove nel 1999 conquistò la prima vittoria importante della sua carriera. "In quell'anno vinsi lo slalom speciale al Trofeo Topolino (che da 7 anni a questa parte si svolge proprio a Folgaria, dal 2017 con la nuova denominazione di AlpeCimbra Fis Children Cup, ndr) – ha aggiunto la Vonn – Ricordo che mio padre mi disse che tutti i grandi campioni dello sci, prima di affermarsi in Coppa del Mondo, avevano vinto il Topolino. Devo dire che, anche nel mio caso, aveva ragione. Quel giorno ero molto nervosa, a bordo pista c'erano sia mio nonno che mio padre. Fu la prima vittoria importante della mia carriera".

 

Negli anni a seguire ne sono arrivate molte altre, fissate in una bacheca in cui trovano posto quattro Coppe del Mondo assolute, sedici di specialità, due titoli iridati e uno olimpico, quest'ultimo conquistato a Vancouver nel 2010. Ora il sogno è quello di conquistare un'altra medaglia a cinque cerchi ai Giochi Olimpici di Pyeongchang.

 

"Nella mia lunga carriera ho vinto molto – ha spiegato Lindsey -, ma ho ancora due grandi obiettivi che vorrei raggiungere prima di smettere con l'attività agonistica: vincere un'altra medaglia olimpica, possibilmente d'oro ma non importa il colore, e battere il record di vittorie in Coppa del Mondo di Ingemar Stenmark".

 

Lindsey ha salutato così l'Alpe Cimbra, dove potrebbe tornare in occasione dell'edizione 2018 dell'evento che la lanciò nell'Olimpo dello sci. Il presidente dell'Apt Michael Rech, infatti, le ha formalizzato l'invito a partecipare all'AlpeCimbra Fis Children Cup del prossimo mese di marzo, quando nella località trentina saranno protagoniste le migliori giovani promesse dello sci provenienti da oltre 40 nazioni. "Il mio desiderio è quello di esserci – ha replicato la Vonn – Se il calendario degli impegni me lo consentirà, ci sarò sicuramente".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

21 novembre - 19:46

Per colpa del maltempo una frana si è abbattuta sulla strada che collega le frazioni di Zoldo Alto e Forno di Zoldo (dove si trova la scuola). Per questo i bambini sono stati coinvolti in una singolare avventura: aggirare la colata di fango sopra una passerella sul torrente Maé

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato