Contenuto sponsorizzato

L'Aquila continua a volare, Trento espugna il difficile parquet di Cremona

Basket. Ottavo successo in nove gare per la Dolomiti Energia che puntella il quarto posto in serie A e mette nel mirino Avellino

Di Luca Andreazza - 15 aprile 2018 - 20:22

CREMONA. L'Aquila Basket espugna il parquet della Vanoli Cremona per 89-96 nella ventiseiesima giornata del massimo campionato. La Dolomiti Energia non si ferma e conquista così l'ottava vittoria nelle ultime nove gare. Un ruolino che permette alla truppa di Maurizio Buscaglia di puntellare la quinta piazza solitaria in serie A e restare in scia della quarta posizione occupata da Avellino.

 

I bianconeri confermano l'ottimo stato di forma e certificano ancora una volta il grande girone di ritorno, un cammino quasi perfetto che consente alla Dolomiti Energia di guardare con deciso ottimismo alla rincorsa per assicurarsi un pass per i prossimi playoff scudetto

 

Dopo un primo quarto equilibrato (22-22), Trento chiude la porta in difesa e sviluppa meglio l'attacco. Il gioco corale, marchio di fabbrica dei bianconeri, permette ai trentini di spezzare la gara.

 

Il secondo (17-27) e il terzo (20-27) parziale vede i trentini dettare il ritmo e scappare via per espugnare il fortino della Vanoli (conquistato solo da Milano, Reggio Emilia e Venezia nelle precedenti dodici puntate) e mettere così in cascina altri due punti. 

 

Il tecnico di casa, Meo Sacchetti, non riesce a trovare contromisure, nonostante la buona vena di Johnson-Odom (17 punti), Sims (20 punti) e Fontecchio (18 punti). L'ultimo quarto è solo un sussulto (30-20), la Dolomiti Energia tiene le redini della partita, gestisce il vantaggio e Cremona naufraga sotto i colpi di Gutierrez (redivivo con 15 punti), Silins (15 punti), Shields (13 punti), Gomes (12 punti), Sutton (14 punti) e Flaccadori (11 punti) che, orchestrati da Forray (9 punti), si dividono la scena.

 

Partenza a razzo della Dolomiti Energia, che piazza subito un parziale di 0-6 targato Slilins e Hogue. La tripla di Ruzzier è già una boccata d'ossigeno per i padroni di casa (3-6), che impattano con Fontecchio dalla distanza, prima della tripla di Silins per il 7-9. La gara si mantiene in equilibrio, l'Aquila Basket prova a scappare, ma la Vanoli riesce sempre a restare in scia fino alla tripla di Portannese che chiude il primo quarto sul 22-22.

 

Sono solo le prove generali: nel secondo periodo i bianconeri spaccano, infatti, la partita. La difesa della Dolomiti Energia alza i giri del motore, mentre l'attacco riesce a concretizzare quasi tutto. La Vanoli non regge l'onda d'urto e scivola, distante anche a tredici punti: Gomes, Silins e Flaccadori sono particolarmente ispirati e l'Aquila scappa sul 28-41. L'unico a non arrendersi sembra Ruzzier che piazza la tripla del -10, i trentini sembrano a rallentare e Cremona si avvicina, ma il 2/2 di Sutton dalla lunetta manda le formazioni al riposo lungo sul 39-49. 

 

Alla ripresa Forray, Gomes e Gutierrez allungano ancora e la Dolomiti Energia si porta sul 43-58. La Vanoli prova a restare agganciata alla partita: sono in particolare Johnson-Odom, Ruzzier e Fontecchio i più brillante tra le fila di casa, ma la difesa non trova le misure degli attacchi bianconeri. La cavalcata dei bianconeri si ferma sul 59-76 alla terza sirena.

 

La Vanoli, ormai spalle alle muro, si aggrappa a Johnson-Odom e Sims anche nell'ultimo quarto. Gli orange cercano di ridurre le distanze e si portano anche a tredici punti di distanza, mentre la Dolomiti Energia risponde in particolare con Shields e Forray. Il margine dei bianconeri è ancora rassicurante sul 73-86. Cremona accorcia fino a sei punti e prova a spaventare i bianconeri, che però rispondono con Gutierrez e Forray. Il canestro di Sutton chiude i giochi sull'89-96.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.50 del 10 Luglio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 luglio - 11:48

Padre Massimo ha comunicato nelle scorse ore la decisione di lasciare il convento attraverso una lettera che è stata spedita ai tanti volontari che lavorano quotidianamente alla mensa dei Cappuccini in via delle Laste. Fra Nicola gestirà al momento il convento mentre arriverà un nuovo frate per la mensa dei poveri 

11 luglio - 11:44
L'allerta è scattata intorno alle 8.30 nella parte finale del sentiero attrezzato Camillo De Paoli a quota 2.200 metri nel gruppo delle Pale di San Martino. Gli escursionisti erano partiti dal rifugio Velo della Madonna e lungo il percorso sono stati investiti da una scarica di sassi. In azione le unità del soccorso alpino
11 luglio - 06:01

Chiarastella Feder, esperta di gestione dei conflitti fra grandi predatori e piccole comunità rurali originaria di Treviso, lavora ormai da 15 anni per il governo della regione canadese dell'Alberta. Impegnata nell'educazione alla convivenza fra esseri umani ed orsi, ha deciso di dedicare la propria attenzione al Trentino e ai recenti fatti dell'aggressione sul Monte Peller. "Uccidere un'orsa è deleterio. La soluzione è educare alla coesistenza e alla conoscenza di questi animali"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato