Contenuto sponsorizzato

Marcialonga, vince il russo Chernousov ma gli applausi sono anche per il romano Bosi ultimo dopo 9 ore di gara

Davanti i campioni hanno chiuso sotto le 2 ore e 50 con il russo a mettere in riga tre campionissimi svedesi. Ma ad aspettare l'ultimo atleta sull'arrivo di Cavalese c'erano comunque più di 5 mila persone: "Mi continuavo a dire 'non ce la faccio' ma alla fine sono arrivato"

L'ultimo arrivato Bosi, premiato al termine delle oltre 9 ore di gara
Pubblicato il - 28 gennaio 2018 - 21:30

CAVALESE. La Marcialonga di Fiemme e Fassa ha visto vincere il russo Ilya Chernousov (2:48:08,7) che ha messo in fila i 7.500 bisonti presenti al via ma ha visto vincere anche il romano Vittorio Bosi, pettorale numero 5.863, arrivato ultimo in 9 ore e 50 minuti. Ha vinto anche lui perché è riuscito a terminare la spettacolare gara ormai al buio e a prendersi comunque una pioggia di applausi all'arrivo di Cavalese. Se la ski marathon di 70 chilometri, infatti, partita a Moena ha visto il campione russo imporsi davanti ai norvegesi Tore Bjoerseth Berdal (2:48.08,9) e Morten Eide Pedersen (2:48.10,2) con Tord Asle Gjerdalen che è arrivato "solo" quarto è non è riuscito a fare poker di vittorie, in coda si disputava un altro tipo di competizione.   

 

Ė la storia di Vittorio Bosi, pettorale 5863, romano, ultimo concorrente della 45.a edizione odierna, giunto a Cavalese al cospetto di un pubblico festante costituito da almeno (difficile valutare nel buio della sera) 5-6 mila unità: “Ė da quando ho oltrepassato i 10 km che mi dico ‘non ce la faccio’, ma la volevo finire per mio zio che ne ha fatte 13 ed ora non sta bene, un uomo sportivo fantastico”. Ma un romano “de Roma” dove pratica sci di fondo? “Spesso qui in zona perché ho casa a Cavalese, sono abbastanza ‘nordico’ perché i miei genitori sono di Bolzano e Trento. Ė la mia quarta Marcialonga, ma l’ultima l’avevo svolta nel 2011. Arrivare davanti a questa gente è meraviglioso, ma volevo citare i volontari che ti aiutano passo dopo passo lungo il percorso, delle persone uniche come la Marcialonga, ogni volta che la faccio è più bella. Sono arrivato ultimo ma mi sembra di aver vinto”.

 

Oggi non si disputava solo la ski-marathon tradizionale da Moena a Cavalese, ma anche la Marcialonga Young, in collaborazione con la U.S. Cornacci di Tesero, per le categorie Allievi e Giovani, mentre i Ragazzi sono scesi in campo ieri. Erano particolarmente agguerriti i e pimpanti i fondisti della categoria Allievi in mattinata, partendo da Lago di Tesero alla volta di Cavalese, su un percorso di 9 chilometri: sotto il traguardo che da lì a poco avrebbe accolto anche il russo Chernousov è arrivato di gran lunga primo Simone Mastrobattista. Tra le Allieve, invece, la vittoria è andata a Silvia Campione, capace di distanziare di quasi 30'' la seconda classificata. Sullo stesso percorso si sono confrontate anche le Giovani, con Sophie Lechner protagonista. I Giovani, invece, se la sono giocata su 14 chilometri, dove l'ha spuntata Riccardo Lorenzo Masiero.

 

Le felici iniziative non sono finite qui, la classifica combinata SkiriLonga era infatti la novità assoluta di quest’anno, unendo i tempi dei figli nello Skiri Trophy XCountry con quelli dei genitori alla Marcialonga di Fiemme e Fassa. L’iniziativa del Gruppo Sportivo Castello e del comitato Marcialonga è stata un successone, ed ha visto primeggiare la coppia composta da Luca Ferrari (classe 2006) e Giuliano Ferrari, davanti a Giacomo e Vincenzo Varesco. La famiglia Gismondi con Maria (figlia) e Giuseppe (padre) ha conquistato il gradino più basso del podio. Gli intenti del progetto sono molteplici, in primis dare un nuovo impulso a questa spettacolare disciplina, educativa anche per i ragazzi, incentivando i propri figli a praticarla.

 

In chiusura un commento del presidente della Marcialonga Angelo Corradini, a coronare una giornata indimenticabile: “Pista meravigliosa, molto scorrevole, con anche i nostri ‘gattisti’ e ‘cannonieri’ a percorrerla: Alessandro Zorzi, Guido Trettel e Piero Baldessari. La decisione di non fresare gran parte della pista sabato sera, lasciandola com’era il venerdì, è stata indovinatissima e coraggiosa. La neve si è assestata e per i concorrenti oltre il 1000 era molto più consistente di come sarebbe stata ad averla mossa. Da domani si guarda al futuro facendo i conti dell’edizione appena trascorsa, le iniziative sono andate tutte bene. Abbiamo trovato un equilibrio notevole, i 7.500 concorrenti ci consentono di garantire il massimo ad ognuno, ma volando con la fantasia siamo certi che alla Marcialonga si iscriverebbero anche 10.000 concorrenti”. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 luglio - 19:26

Il presidente della Pat dopo aver dichiarato che si procederà con l'abbattimento a vista se l'orso dovesse anche solo avvicinarsi alle case dopo il duro intervento del ministro Costa chiarisce il suo messaggio. In suo sostegno arrivano gli Autonomisti popolari di Kaswalder: ''Ben venga la cattura o l'abbattimento di M49''

15 luglio - 14:29
I tecnici di Ispra sono già diretti verso il Trentino. L'ipotesi di abbattere il plantigrado non deve essere presa in considerazione per Roma: "Assurdo e paradossale". Ironico l'ex governatore: "Scelta che appare ancor più lungimirante in quanto potrebbe essere direttamente interessata la zona di abitazione, Civezzano, dell’ex assessore all’agricoltura e veterinario Michele Dallapiccola"
15 luglio - 19:28

L'incidente è avvenuto intorno alle 18.15, il veicolo scendeva dalla Val Rendena in direzione Tione lungo la strada statale 239, quando è avvenuto l'incidente

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato