Contenuto sponsorizzato

O'Connor vince a Merano. Domani la corsa si sposta in Austria sulle strade che hanno messo in mostra Pantani

La maglia color ciclamino di leader cambia ancora padrone e finisce a Thibaut Pinot. La quarta tappa Chiusa-Lienz passa per Bannberg, qui il Pirata e Michele Bartoli giunsero alla ribalta durante il Giro d'Italia del 1994

Di Luca Andreazza - 18 aprile 2018 - 16:13

MERANO. Il Tour of the Alps scollina in Alto Adige per la sua terza frazione. Dopo 138,3 chilometri e 2.600 metri dislivello, il successo è appannaggio di Ben O'Connor (Dimension Data). Il 22enne australiano si è dimostrato il più attento e lucido nel fiutare l'occasione e sorprendere tutti per tagliare in solitaria il traguardo di Merano. 

 

La maglia color ciclamino di leader cambia ancora padrone e finisce a Thibaut Pinot, il quale approfitta della caduta del colombiano Sosa per portarsi in testa alla classifica generale.

 

Dopo il via da Ora, la gara si infiamma soprattutto nella seconda parte, quando il Passo Mendola (15,2 chilometri al 6,4% di media) e il Passo Palade (12 chilometri al 4% di media) vivacizzano la tappa. I primi a attaccare sono Pozzovivo e Pinot, ma O'Connor resta agganciato ai migliori.

 

Gli attaccanti raggiungono i battistrada e fuggitivi di giornata (Senni, Visconti, Montaguti e Rabitsch), mentre alle loro spalle Froome e Lopez iniziano a dettare il ritmo del gruppo. Nella discesa del Passo Palade tutto rientra, ma l'australiano è brillante e piazza il colpo giusto per festeggiare la vittoria della frazione.

 

Domani la quarta tappa che prende le mosse da Chiusa per sbarcare a Lienz in Austria. Dopo un breve tratto di trasferimento nel centro storico della cittadina in Valle Isarco, si procede in direzione nord, seguendo la Ss12.

 

Dopo circa 11 chilometri pianeggianti e l’attraversamento di Bressanone, inizierà un primo tratto in lieve salita. Oltrepassata Sciaves e imboccata la Ss49 della Val Pusteria, il percorso torna pianeggiante. 

 

Questo fino a raggiungere Vandoies. Qui si lascerà il fondovalle per iniziare la prima salita di giornata che porterà dopo 6 chilometri al 7,7% al Gpm di Terento prima di gettarsi verso Falzes.

 

Un’altra breve discesa condurrà a Brunico, da dove si riprenderà a salire, in lieve ma costante ascesa lungo il corso del fiume Rienza. Dopo il lago di Valdaora e Dobbiaco, il plotone sfiora San Candido per poi giungere al confine italo-austriaco.

 

Una volta entrata in Austria, la carovana punterà Lienz. Non mancano le salite, la prima porta a Anras (4 chilometri con pendenza media intorno al 7% e alcuni tratti superiori al 10%), quindi ecco Bannberg, strade che videro per la prima volta giungere alla ribalta Marco Pantani e Michele Bartoli nella tredicesima tappa del Giro d’Italia 1994 (6,9 chilometri al 6,7% di pendenza media a fare da trampolino di lancio per il traguardo di Lienz).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 12:13

Al gestore del bar la sanzione di 400 euro perché ha violato le disposizioni che impongono di non poter ricevere alcun cliente dopo le ore 18 all’interno del locale.  I controlli messi in campo da una task force interforze, voluta dal Questore di Trento, composta da agenti della Polizia di Stato, della Polizia Locale di Trento e della Guardia di Finanza che ha passato al setaccio i locali pubblici della città

22 gennaio - 20:15

Entro il 2025 gli orsi potrebbero raggiungere quota 129 ma degli esemplari più problematici fin qui monitorati, 9 sono già morti (4 abbattuti, 3 morti accidentalmente durante le fasi di cattura, 2 vittima di bracconaggio), mentre 4 si trovano in cattività, 3 sono scomparsi (si teme il bracconaggio). Di fatto solo 3 esemplari sono liberi e se ne conoscono le condizioni di salute

24 gennaio - 12:12

Una squadra composta da 10 alpinisti nepalesi è stata la prima a conquistare la vetta del K2 in inverno, non era mai successo prima: Nessuna avidità ma solo solidarietà – afferma Nirmal Purja che ha guidato la spedizione – il riscaldamento globale e il cambiamento climatico sono una delle sfide più importanti che il mondo sta affrontando in questo momento. Se ci uniamo possiamo rendere tutto possibile”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato