Contenuto sponsorizzato

Valencia, Zenit St. Petersburg, Ankara, Partizan Balgrado e Asvel Villeurbanne, ecco le avversarie di Eurocup

Basket. La Dolomiti Energia inserita nel gruppo C. Coach Maurizio Buscaglia: "Raggruppamento tosto e affascinante"

Pubblicato il - 06 luglio 2018 - 20:28

TRENTO. Un girone impegnativo. Sono Valencia Basket, Zenit St. Petersburg, Turk Telekom Ankara, Partizan Balgrado e Asvel Villeurbanne le avversarie della Dolomiti Energia nel girone C di Eurocup

 

"Il girone C è davvero tosto e interessante - spiega il gm Salvatore Trainotti - come gli altri raggruppamenti. In ogni caso il nostro obiettivo sarà quello di essere solidi e consistenti e vedere fino a dove riusciremo ad arrivare. All'inizio di una competizione è giusto e normale essere ambiziosi".

 

La prima fase è prevista tra ottobre e dicembre: 10 match (cinque gare di andata e altrettante di ritorno), le prime quattro di ogni girone si qualificheranno alla fase successiva. Nei prossimi giorni EuroCup comunicherà il calendario completo della regular season.

 

"Siamo inseriti in un girone davvero bellissimo - commenta coach Maurizio Buscaglia - che riflette in pieno l'alto livello di questa affascinante competizione: siamo entusiasti di essere in un gruppo con squadre che hanno giocato in Eurolega. Certo, ci aspetta un compito difficile, ma è proprio questo il bello di questo tipo di coppe europee: siamo pronti a raccogliere questa ennesima grande sfida".

 

Ecco le avversarie della Dolomiti Energia nel gruppo C.

 

Valencia Basket (Spagna)

Il Valencia è una delle big d'Europa ormai da qualche anno: nel 2017 la crescita costante della squadra spagnola è culminata con la vittoria del titolo di campione nazionale, vincendo nelle Finali di Liga ACB contro il Real Madrid, e con la sconfitta in finale di EuroCup (competizione che il Valencia ha già vinto per ben 3 volte) con Malaga, che non ha comunque impedito agli arancioni di disputare l'Eurolega 2017-18 (chiusa all'11° posto).

 

Zenit St. Petersburg (Russia)

Reduci dall'eliminazione nei quarti di finale dell'ultima 7Days EuroCup per mano di Reggio Emilia, i russi tornano ai nastri di partenza della seconda coppa continentale con grandi ambizioni: confermato coach Karasev, i russi dopo aver sfiorato l'accesso all'Eurolega cogliendo il 3° posto in VTB ci riproveranno anche con l'aggiunta del centro ex Reggio Jalen Reynolds, annunciato proprio nelle ultime ore.

 

Turk Telekom Ankara (Turchia)

La neopromossa squadra di Ankara vuole tornare ai fasti di un tempo, quando (una decina di anni fa) fu capace di vincere in patria coppa nazionale e President's Cup: per festeggiare il ritorno in Europa dopo 6 anni di assenza i turchi hanno già piazzato un paio di notevoli colpi di mercato, mettendo sotto contratto anche la stella ex Panathinaikos Kenny Gabriel.

 

Partizan Balgrado (Serbia)

Una delle squadre più "nobili" e storiche della coppa: i campioni d'Europa nel 1992 non avranno la forza d'urto degli anni migliori, ma rimangono una delle più brillanti "cantere" di giovani talenti nel Vecchio Continente. Raggiunte le Top 16 lo scorso anno, in EuroCup i serbi proveranno a fare ancora meglio.

 

Asvel Villeurbanne (Francia)

Già affrontati nella prima fase della 7Days EuroCup 2017-18, i francesi del presidente Tony Parker vantano un ricco palmarès a livello nazionale, avendo vinto 18 titoli e 8 coppe di Francia: lo scorso anno la corsa dell'ASVEL in Europa si è fermata nelle Top 16, nel campionato domestico invece ai quarti di Finale contro i futuri campioni del Le Mans. Dalla prossima stagione l'ASVEL sarà stabilmente in Eurolega grazie ad una licenza biennale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato