Contenuto sponsorizzato

Bocce, un'atleta trentina nell'albo dei record: è di Angelica Setti il tiro più preciso al mondo

Il risultato in una competizione del campionato italiano under 18 contro l'Auxilium Salluzzo. La sportiva del Boccia viva di Rovereto, in prestito alla Saranese, è allenata da papà Nicola e nonno Licio

Pubblicato il - 19 marzo 2019 - 10:40

TRENTO. Un lancio che le è valso il record del mondo. Il risultato di una vita. Parliamo di bocce e la protagonista del primato è Angelica Setti, una ragazza di Rovereto.

L'atleta, del Boccia viva di Rovereto, ma in prestito alla Saranese, ha fatto il record mondiale under 18 nella disciplina del "tiro tecnico di precisione" durante una gara di serie A, disputata a Salluzzo (Modena).

 

Un record arrivato con un punteggio di 27 punti in una competizione di campionato contro l'Auxilium Salluzzo. "Parliamo di un evento importante - spiega il segretario della Federazione bocce Trento Giorgio Cazzanelli - Angelica è un'atleta di Rovereto, ma in prestito a una squadra maggiore della serie A. È da poco che gioca, ma già l'anno scorso era arrivata seconda nei campionati italiani della sua categoria".

Una medaglia d'argento nella specialità a coppie nel campionato under 14, Setti è anche la seconda atleta in Italia per la specialità "combinato". "La allenano il suo papà Nicola e il suo nonno Licio - prosegue Cazzanelli - E poi non si dica che le bocce non sono uno sport per giovani".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 luglio - 12:58

Dopo la discussione social e la capogruppo della Lega accusata di diffondere notizie incomplete e di risposte con affermazioni molto pesanti, il movimento femminile del Patt prende posizione. La Lega ribatte e il Pd solidarizza con le stelle alpine: "Basta con questo linguaggio offensivo e becero del carroccio. Non attaccano sul contesto, ma in base a quello che fa più presa sull'elettorato"

20 luglio - 06:01

La Pat in numerose occasioni ha ripetuto che l'orso è stato protagonista dell'80% delle predazioni totali da parte degli orsi e del 50% dei danni. Dati corretti ma che oggi (che siamo entrati in possesso dei Rapporti specifici che riguardano il plantigrado) possiamo tradurre in numeri: nel 2018, per esempio, ha ucciso 11 dei 13 bovini predati in totale da tutti i plantigradi a fronte di oltre 46.000 capi in provincia. Curiosità: il 26 settembre è stato investito da un furgone ma ha riportato pochissimi danni

20 luglio - 09:12

E' successo a porto San Nicolò. L'automobilista invece di entrare in un parcheggio ha sbagliato strada e si è trovato in ciclabile. Accortosi dell'errore ha fatto retromarcia 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato