Contenuto sponsorizzato

Bocce, un'atleta trentina nell'albo dei record: è di Angelica Setti il tiro più preciso al mondo

Il risultato in una competizione del campionato italiano under 18 contro l'Auxilium Salluzzo. La sportiva del Boccia viva di Rovereto, in prestito alla Saranese, è allenata da papà Nicola e nonno Licio

Pubblicato il - 19 marzo 2019 - 10:40

TRENTO. Un lancio che le è valso il record del mondo. Il risultato di una vita. Parliamo di bocce e la protagonista del primato è Angelica Setti, una ragazza di Rovereto.

L'atleta, del Boccia viva di Rovereto, ma in prestito alla Saranese, ha fatto il record mondiale under 18 nella disciplina del "tiro tecnico di precisione" durante una gara di serie A, disputata a Salluzzo (Modena).

 

Un record arrivato con un punteggio di 27 punti in una competizione di campionato contro l'Auxilium Salluzzo. "Parliamo di un evento importante - spiega il segretario della Federazione bocce Trento Giorgio Cazzanelli - Angelica è un'atleta di Rovereto, ma in prestito a una squadra maggiore della serie A. È da poco che gioca, ma già l'anno scorso era arrivata seconda nei campionati italiani della sua categoria".

Una medaglia d'argento nella specialità a coppie nel campionato under 14, Setti è anche la seconda atleta in Italia per la specialità "combinato". "La allenano il suo papà Nicola e il suo nonno Licio - prosegue Cazzanelli - E poi non si dica che le bocce non sono uno sport per giovani".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 10:12

I Finanzieri hanno posto i sigilli a oltre 230 mila euro sui vari conti bancari dell’associazione e del suo rappresentante legale, un sessantaseienne trentino, nonché la villa e annesso garage, di proprietà di quest’ultimo, per una quota del valore di circa 310 mila euro

25 aprile - 06:01

C’è un punto a mio giudizio su cui va costruito e tenuto saldo il discorso antifascista: la scelta. E non deve stupire l'uso strumentale di Matteo Salvini ed il conseguente disconoscimento del valore della celebrazione dell’anniversario della Liberazione

 

25 aprile - 09:04

L'uomo aveva lasciato la figlia di 10 anni in auto mentre lui si era allontanato per fare volantinaggio. Dopo essere tornato si è accorto che il mezzo e la figlia erano spariti ed ha subito chiesto aiuto alle forze dell'ordine facendo scattare un’imponente caccia all’uomo. Ma poi si è accorto di essersi sbagliato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato