Contenuto sponsorizzato

Cozzini e Orlandi dominano la seconda edizione della Monte Gazza Wild Running

Nella sfida short sui 14 chilometri con un dislivello di 800 metri hanno invece primeggiato Maximilian Franceschini dell’Us Quercia, autore di una prestazione di assoluto livello conclusa con il tempo di 1h14’02” e Marianna Agostini dell’Atletica Valle di Cembra che ha fissato il cronometro su 1h36’05”

Podio percorso lungo maschile (Foto di Pegasomedia)
Pubblicato il - 11 agosto 2019 - 18:10

FRAVEGGIO. Volti nuovi sul traguardo del secondo Monte Gazza Wild Running. Rispetto a dodici mesi fa a trionfare sotto lo striscione di arrivo di Fraveggio sono stati Enrico Cozzini del Gs Fraveggio con il tempo di 2h40’31” e Giulia Orlandi del Comano Mountain Runners (3h18’02”), entrambi capaci di staccare sin dal primo chilometro gli avversari e a condurre in solitaria tutti i 25 chilometri del tracciato di gara che presentava 2.000 metri di dislivello.

 

Nella sfida short sui 14 chilometri con un dislivello di 800 metri hanno invece primeggiato Maximilian Franceschini dell’Us Quercia, autore di una prestazione di assoluto livello conclusa con il tempo di 1h14’02” e Marianna Agostini dell’Atletica Valle di Cembra che ha fissato il cronometro su 1h36’05”.

(Podio percorso lungo femminile - foto Pegasomedia)
Centocinquanta i partenti per una competizione difficile, con il gran caldo a incrementare la fatica e con la verticalità più significativa da affrontare già al primo chilometro e dove Enrico Cozzini, sul podio anche lo scorso anno, ha deciso di forzare subito facendo il vuoto già al passaggio nei pressi dell’abitato di Lon.

 

Inizialmente era seguito dal compagno di squadra Christian Giovanazzi e dal resto del gruppo, poi con l’ascesa verso il Monte Gazza dietro di lui le posizioni sono cambiate, con un imperativo: Cozzini sempre in solitaria davanti a tutti. Al passaggio sul gran premio della montagna, ai 1.944 metri di passo San Giacomo il forte runner di Padergnone è transitato con un tempo simile a quello registrato nel 2018, precedendo due atleti di Ranzo, Francesco Caldini e Andrea Sommadossi.

 

Come spesso accade nelle competizioni di corsa in quota la discesa riesce a ribaltare le posizioni, e così è stato per quanto riguarda il podio, visto che Andrea Sommadossi è riuscito a recuperare sul compaesano Francesco Caldini e poi staccarlo in discesa, tagliando il traguardo di Fraveggio con il tempo di 2h58’47”, quindi Caldini a poco più di 4 minuti dal rivale. Con margini sensibili hanno poi concluso la propria fatica Marco Pedron (quarto), Massimiliano Tomazzoli, Francesco Orlandi, Fabrizio Frioli, Gianni Berlanda, Stefano Dalvai ed Ernesto Benfari.

 

In campo femminile prova autoritaria di Giulia Orlandi di San Lorenzo in Banale, da sola al comando dal primo all’ultimo metro. A passo San Giacomo è transitata per prima, precedendo di oltre 5 minuti Elena Sassudelli e Lara Gazzin, con la fiemmese Fulvia Seber prima fra le over 50. Mentre la Orlandi ha gestito senza patemi d’animo il vantaggio chiudendo i 25 km con il tempo di 3h18’02”, si è prodigata in una straordinaria rimonta Fulvia Seber che in discesa ha rosicchiato parecchio tempo alla battistrada, accusando un ritardo di 2 minuti e mezzo. Terzo posto per Elena Sassudelli, quindi l’atleta di casa Maddalena Sartori, Giuliana Gionghi, Lara Gazzin e Laura Bello.

 

Nella gara short, sui 14 chilometri e 800 metri di dislivello, che ha rappresentato la novità di quest’anno con partenza in località Margone, il giovane della valle dei Laghi Maximilian Franceschini ha dimostrato di avere un passo superiore agli avversari. Ha preso il comando fin dalle prime falcate e se ne è andato in solitaria, chiudendo la sua prova con il tempo di 1h14’02. Piazza d’onore per il polacco Piotr Choros, giunto con 4’44” di ritardo, quindi bronzo per Federico Bottamedi dell’Atletica Valle di Cembra. A ridosso del podio Andrea Rania, seguito da Andrea Cipriani, papà Luca Franceschini ed Andrea Ercoli.

(Podio percorso short femminile - foto di Pegasomedia)

Senza storia anche la sfida short al femminile, domata da Marianna Agostini di Albiano, sempre davanti a tutte le avversarie. Ha chiuso i 14 km del percorso con il tempo di 1h36’05”, precedendo la compagna di team dell’Atletica Valle di Cembra Lucia Pedranz, quindi terza Marzia Rovato. Seguono Anita Zanatta, Virginia Trinco, Sabrina Bortolotti e Carla De Luca.

 

Un successo organizzativo per il Gs Fraveggio, che ha visto un incremento sensibile di iscritti, anche se il gran caldo ha visto alcuni ritiri sul primo tratto impegnativo, compreso quello del recordman di 24 ore di salita Manuel Degasperi.

 

Il premio speciale Magnitudo per il passaggio al gran premio della montagna ha visto trionfare Enrico Cozzini su Francesco Caldini e Andrea Sommadossi, quindi al femminile Giulia Orlandi su Elena Sassudelli e Lara Gazzin. Fra gli over 50 Gianni Berlanda su Carmelo Biasolli e Walter Facchini, in campo femminile Fulvia Seber su Giuliana Gionghi e Maria Poletti.

(Podio percorso short maschile - foto di Pegasomedia)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 06:01

Per l’elettrificazione della Valsugana va ancora peggio, se fino a qualche mese fa i lavori erano stati calendarizzati in questo nuovo documento si parla genericamente di “studio del potenziamento dei servizi sulla linea” ma nel frattempo in vista delle Olimpiadi in Veneto sono già iniziati i lavori di elettrificazione delle varie linee ferroviarie

20 ottobre - 19:21

Fototrappolato dal forestale Tommaso Borghetti pochi giorni fa sui Lessini il maschio alfa giunto dalla Slovenia e unitosi alla femmina alfa (li si riconosce perché alzano la zampa entrambi per segnare il territorio GUARDA I VIDEO) nel 2012 spiega come la dispersione sia il segreto del successo di questi animali. ''Uno dei suoi figli nati sulle nostre montagne è stato avvistato in Slovenia. Ha fatto il percorso inverso a lui, mentre una femmina, sempre slovena, è arrivata a Paneveggio''

20 ottobre - 18:50

I sinistri a catena si sono verificati all'altezza dello svincolo che dalla strada che da Dermulo va verso Sanzeno gira per Coredo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato