Contenuto sponsorizzato

Ruggito di Emanuele Becchis nella sprint di Trento. Alessio Berlanda chiude al quarto posto

A Trento trionfa sempre lui e lo ha fatto anche nella quinta edizione del massimo circuito nella città del Concilio. Un podio tricolore è poi giunto anche dalla bellunese Alba Mortagna, seconda fra le junior, mentre il trentino Alessio Berlanda ha sfiorato la medaglia, dovendosi accontentare della quarta piazza. Ora il gran finale in val di Fiemme

Foto Raffaele Merler
Pubblicato il - 14 settembre 2019 - 11:15

TRENTO. Prima gara sprint di coppa del Mondo di skiroll con il sole e con temperature estive, e soprattutto con asfalto asciutto, e tornano a sorridere gli specialisti italiani. Sul tracciato lungo 165 metri di via Santa Croce il re della sfide esplosive Emanuele Becchis ruggisce per l’ottava volta fra competizioni internazionali e nazionali.

 

A Trento trionfa sempre lui e lo ha fatto anche nella quinta edizione del massimo circuito nella città del Concilio. Un podio tricolore è poi giunto anche dalla bellunese Alba Mortagna, seconda fra le junior, mentre il trentino Alessio Berlanda ha sfiorato la medaglia, dovendosi accontentare della quarta piazza.

Dopo le prime tre gare brevi di coppa del Mondo disputate sotto la pioggia e con gli azzurri fuori dal podio, nella tappa italiana del Mini Tour Rollerski Trentino 2019 il cuneese di Boves ha fatto valere la legge del più forte. In campo femminile il successo ha arriso alla russa Olga Letucheva, che in finale ha avuto la meglio per un’inezia nei confronti della svedese Linn Soemskar, mentre nelle due gare junior hanno primeggiato il russo Iliya Proskurin sullo svedese Johan Ekberg, quindi la norvegese Julie Henriette Arnesen sull’azzurra di Belluno Alba Mortagna.

E' Emanuele Becchis il protagonista assoluto di giornata. Ha dominato sin dalle qualifiche, stabilendo il tempo di 15”40, identico alla prestazione fatta registrare dall’atleta di casa Alessio Berlanda, e superando nelle fasi ad eliminazione diretta il lettone Arturs Brants agli ottavi, il norvegese Sigurd Braathen Reigstad ai quarti, l’altro norvegese Jostein Olafsen in semifinale e il temibile russo Dmitriy Voronin nella finalissima, atleta che nelle qualifiche aveva stabilito il terzo miglior tempo per soli 4 centesimi di ritardo dalla coppia azzurra.

Ha invece ceduto alla distanza il più esperto Alessio Berlanda, strepitoso nelle qualifiche con la stessa prestazione del compagno di squadra, bene agli ottavi battendo il norvegese Patrick Kristoffersen, ai quarti superando il russo Vitaliy Smirnov, cedendo però in semifinale al russo Dmitriy Voronin e pure nella finalina per il terzo posto al norvegese Olafsen. La carta d’identità non è sicuramente a suo favore e quando le sfide sono ravvicinate qualcosa deve per forza concedere agli avversari più giovani. Per quanto riguarda gli altri azzurri il trentino di Carisolo Michele Valerio è uscito agli ottavi, concludendo undicesimo grazie al tempo fatto registrare in qualifica, così come Francesco Becchis, alla fine quattrodicesimo.

Il leader di Coppa del Mondo Matteo Tanel ha ottenuto il diciottesimo posto, accumulando altri punti in chiave classifica generale, che conduce sempre con un vantaggio di 23 punti sul norvegese Ragnar Bragvin Andresen e di 27 punti su Victor Gustaffson. Ora tutto si deciderà nelle due tappe conclusive in Val di Fiemme di domani (mass start a tecnica libera) e domenica (pursuit a tecnica classica sull’Alpe del Cermis).

Al femminile affermazione al fotofinish della russa Olga Letucheva nei confronti della svedese Linn Soemskar. Terzo posto per la leader di Coppa Alena Prochazkova. Lisa Bolzan è quinta dopo essere uscita ai quarti di finale con la svedese Jackline Lockner. Nona la sorella Anna.

Nella junior femminile domina la norvegese Julie Henriette Arnesen (più veloce anche nelle qualifiche) ai danni dell’azzurra Alba Mortagna, che con i punti ottenuti a Trento scatta in terza posizione nella generale. La finalina per il terzo posto va poi alla tedesca Merie Richter nei confronti dell’azzurra Giulia Cozzi. Quinto posto per Laura Mortagna, che conferma la leadership nella generale.

In campo maschile ha vinto il russo Iliya Proskurin, capace di battere in finale lo svedese Johan Ekberg. Il primo degli azzurri è Gianmarco Gatti, quinto, mentre Alberto Tognetti conclude ottavo. Il Mini Tour Rollerski Trentino si sposta ora per il gran finale in Val di Fiemme, sabato e domenica. 

 

La classifica provvisoria di Coppa del Mondo
Assoluta maschile: 1. Matteo Tanel (Ita) punti 537; 2. Ragnar Bragvin Andresen (Nor) 514; 3. Victor Gustaffson (Swe) 510; 4. Eugeniy Dementiev (Rus) 373; 5. Ivan Anisimov (Rus) 322.
Assoluta femminile: 1. Alena Prochazkova (Svk) punti 766; 2. Linn Soemskar (Swe) 656; 3. Svetlana Nikolaeva (Rus) 435; 4. Jackline Lockner (Swe) 424; 5. Lisa Bolzan (Ita) 390.
Junior maschile: 1. Johan Ekberg (Swe) 698; 2. Niks Saulitis (Lat) 299; 3. Alexander Grigoriev (Rus) 260.
Junior femminile: 1. Laura Mortagna (Ita) 396; 2. Arina Bylinko (Rus) 320; 3. Alba Mortagna (Ita) 291.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 ottobre - 06:01

Dopo lo scontro dei giorni scorsi, non si fermano le polemiche. Il consigliere provinciale Alex Marini ha pubblicato su facebook la notizia che verrà querelato per le dichiarazioni alla stampa sul collega ed altri. Filippo Degasperi risponde, non risparmiando critiche per l'atteggiamento e i diversi punti sollevati dall'intervista incriminata. E chiede ironico: "Ma chi è, Savonarola?"

17 ottobre - 19:13

La vicenda legata alla serata organizzata dall'Udu (e saltata perché ci sono stati dei problemi con la documentazione) è finita sulla prima pagina del Giornale soprattutto per la protesta del Collettivo Refresh contro il giornalista. Una protesta dai toni sbagliati che ha prestato il fianco a una descrizione di Trento da anni di piombo. Bisesti non ha smorzato la polemica mentre il Rettore e l'Udu hanno spiegato come sono andate le cose

17 ottobre - 20:01

L'incidente è avvenuto al confine tra Mantova e Verona. Sul posto la polizia stradale e le forze dell'ordine. Il soccorsi sanitari non hanno potuto far altro che constatare la morte del giovane 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato