Contenuto sponsorizzato

Curti e Beri campioni italiani sul Monte Bondone. Tra i giovani medaglie d'oro per Giusti e Cozzi

Tanti protagonisti assoluti dell’appuntamento tricolore organizzato dall’Asd Charly Gaul Internazionale in collaborazione con Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi che ha chiuso la due giorni con validità nazionale Fisi facendo registrare la partecipazione più elevata di concorrenti rispetto a tutte le prove di coppa Italia finora disputate

Foto Raffaele Merler e Flavio Becchis
Pubblicato il - 01 settembre 2019 - 16:56

TRENTO. Il bergamasco di Branzi Luca Curti e la lecchese di Introbbio Paola Beri ribadiscono di avere un feeling straordinario con il dislivello del Monte Bondone e, a undici mesi di distanza, si confermano i più veloci sul traguardo di Vason conquistando il titolo italiano in salita a tecnica classica nella formula mass start di skiroll.

 

Sono loro i protagonisti assoluti dell’appuntamento tricolore organizzato dall’Asd Charly Gaul Internazionale in collaborazione con Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi che ha chiuso la due giorni con validità nazionale Fisi facendo registrare la partecipazione più elevata di concorrenti rispetto a tutte le prove di coppa Italia finora disputate. Gli altri titoli italiani up hill 2019 sono poi andati all’altoatesino Mattia Giusti e alla piacentina Giulia Cozzi nella categoria giovani.

 

Nella sfida assoluta al maschile sulla distanza complessiva di 8,5 chilometri la prima fase di gara, da Candriai a Vaneze, per i concorrenti è stata di studio con il gruppone compatto a gestire le energie, ma al terzo chilometro, proprio dove è prevista la partenza della coppa del Mondo che andrà in scena fra due settimane, i favoriti hanno iniziato a forzare con Luca Curti, Matteo Tanel e Michel Galassi a fare l’andatura, con il successivo allungo del bergamasco e dell'altoatesino rimasti assieme fino a 1.000 metri dal traguardo, quando l'alfiere dello Sci Club Under Up ha aumentato le frequenze, cogliendo di sorpresa anche il bolzanino del Robinson Ski Team che ha perso una decina di metri non riuscendo più a reagire.

 

Così sul traguardo di Vason Luca Curti è transitato per primo con il tempo di 33’33”, staccando di 10 secondi Matteo Tanel e di 44 secondi il trevigiano Michel Galassi. Oltre il minuto gli altri concorrenti, a partire dal giovane altoatesino di Prato allo Stelvio Mattia Giusti che è poi risultato il miglior giovane, quindi Alberto Dalla Via del Team futura, il rendenese Giovanni Caola del Cs Carabinieri e Francesco Becchis dello Ski Avis Borgo Libertà. Decimo e secondo giovane Michele Valerio.

 

Nella competizione femminile sulla distanza di 4,7 chilometri tra Vaneze e Vason inizialmente hanno fatto l’andatura le sorelle gemelle Lisa e Anna Bolzan, seguite dalla più esperta Paola Beri, che ha forzato nella seconda parte di gara con la sola Lisa a resistere. Poi sul terzultimo tornante la lecchese ha ulteriormente strappato per evitare un arrivo allo sprint, prendendo un leggero margine che ha mantenuto sino al traguardo, dove è giunta con il tempo di 22’45”, precedendo di 14 secondi Lisa e di 47 secondi Anna Bolzan.

 

Quarta, a 51 secondi, la prima giovane Giulia Cozzi. La piacentina si è dunque messa al collo la medaglia d’oro under 20, precedendo Maria Eugenia Boccardi del Marzola e Marta Gentile del Cus Trento. Tra i pari età titolo italiano a Mattia Giusti del Prad Raiffeisen, davanti a Michele Valerio dell’Us Carisolo e a Gianmarco Gatti dello Sci club Valle Anzasca.

 

Non solo campionati italiani sul Monte Bondone, visto che le categorie inferiori e master hanno gareggiato per la dodicesima delle quindici tappe di coppa Italia. Nella categoria allievi sulla distanza di 4,7 chilometri si è imposto Giovanni Lorenzetti del Carisolo su Aksel Artusi del Primaluna e Marco Gaudenzio del Bachmann di Tarvisio, quindi al femminile Laura Mortagna del Valdobbiadene su Sabrina Nicolodi del Fiavè e Sabrina Borettaz dell’Amis de Verrayes.

 

Nella categoria ragazzi (3,7 chilometri) a trionfare sono stati Sebastiano Maestri del Carisolo su Manuel Contoz e Michel Deval, entrambi dell’Amis De Verrayes, quindi Flavia Epis dell’Ubi Banca Goggi su Camilla Crippa del Primaluna e Isabel Cossutta dell’Asd Mladina.

 

Nella categoria cuccioli Stefano Epis ha preceduto Lenart Antonic e Thomas Maestri, quindi al femminile Maria Invernizzi ha avuto la meglio su Emma Benamati ed Erica Bolzan, infine tra i baby affermazione di Vicent Pession su Lucio Michielin e di Aurora Invernizzi su Sofia Forzatti ed Arianna Forzatti.

 

Per quanto riguarda i veterani nella master C successo di Silvano Berlanda su Giuseppe Miceli e Giuiano Secco, quindi nella master M2 Marco Mosconi ha preceduto Roberto Capanni, nella master M3 Vittorio Torchitti ha avuto la meglio su Giuseppe Antonio Gervasoni e su Paolo Sommavilla. Nella master femminile Laura Calissoni ha vinto su Vania Zanatta e Annalisa Bertocco.

 

Lo skiroll a Trento e sul Monte Bondone non va però in letargo, visto che giovedì 12 settembre tornerà per la quarta volta consecutiva la coppa del Mondo con la tappa up hill in salita, seguita il pomeriggio successivo dalla sprint sempre in via Santa Croce, primi due atti nel Mini Tour Rollerski Trentino 2019, che si concluderà il sabato e domenica in Val di Fiemme.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
19 giugno - 13:44
Le immagini arrivano dalla zona del Passo Pordoi, sulle Dolomiti, dove è in fase di costruzione un bacino artificiale per l’innevamento, il [...]
Politica
19 giugno - 13:34
L'introduzione di questo meccanismo porterebbe ogni legge a essere accompagnata da una riflessione approfondita dal punto di vista [...]
Politica
19 giugno - 09:09
I dubbi di Cia sulla commissione interna dell’Apss che dovrebbe far luce sulla scomparsa di Sara Pedri: “Tutto il personale che negli anni ha [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato