Contenuto sponsorizzato

Il giorno della verità: oggi al 'Druso' l'Fc Südtirol può solo vincere e deve battere l'Avellino con almeno due gol di scarto per accedere alle semifinali playoff

Dopo la sconfitta nella gara d'andata, la squadra di Stefano Vecchi è chiamata ad una vera e propria impresa, potendo contare anche sul fattore campo in virtù del miglior piazzamento al termine della regular season: con qualsiasi successo con due gol di margine, Fink e compagni sarebbero promosso al turno successivo dove troverebbero la vincente del confronto tra Padova e Renate

Daniele Casiraghi, impegnato nella gara d'andata al "Partenio Lombardi" contro l'Avellino (foto Ufficio Stampa - Fotosport Bordoni)
Pubblicato il - 02 giugno 2021 - 11:01

TRENTO. Vincere per continuare a sognare e accedere alle semifinali dei playoff di serie C. Giornata da "dentro o fuori" per l'Fc Südtirol che oggi pomeriggio (kick off alle ore 17.30) ospiterà l'Avellino nel return match dei quarti di finale del percorso che porta alla serie B.

 

La squadra di Stefano Vecchi dovrà compiere una vera e propria impresa dopo lo 0 a 2 maturato domenica allo stadio "Partenio Lombardi": ai biancorossi servirà un successo con almeno due reti di scarto per colmare il gap con i biancoverdi (che oggi saranno seguiti da quasi 150 tifosi provenienti sia dalla Campania che dai Club organizzati del Nord Italia), che potranno anche concedersi il lusso di perdere con una rete di disavanzo.

 

Servirà una prestazione di altissimo profilo per continuare ad inseguire quell'obiettivo che è ormai da alcune stagioni nel mirino del sodalizio bolzanino, che alla promozione in serie B ci è andato vicinissimo sia durante la stagione regolare (ricordiamo tutti la serata di Trieste: in caso di successo l'Fcs sarebbe passato in testa alla classifica e poi avrebbe dovuto difendere il primato negli ultimi due turni contro Cesena e Vis Pesaro), che in passato. E, allora, è impossibile non ripensare a quell'incredibile - in senso negativo - pomeriggio del 7 giugno 2014 allo stadio "Silvio Piola" di Vercelli, quando i biancorossi avrebbero meritato il passaggio di categoria e, invece, dovettero arrendersi ai piemontesi ma, soprattutto, agli episodi e alle discutibili (tanto per usare un eufemismo) decisioni dell'arbitro Pezzuto.

 

L'allenatore altoatesino dovrà fare i conti con un organico ridimensionato, viste le assenze per squalifica di Tait, El Kaouakibi e Marchi: il "tuttocampista" è stato stoppato per un turno per cumulo d'ammonizioni, l'attaccante è stato squalificato per due turni dopo l'espulsione patita sul campo per aver rifilato una manata ad un avversario, mentre il terzino di giornate di "fermo" dovrà osservarne addirittura quattro per una protesta decisamente troppo veemente a fine gara nei confronti del direttore di gara.

 

Le reti irpine realizzate da Tito e Santaniello hanno cambiato volto ad una doppia sfida che, in partenza, vedeva comunque l'Fcs favorito, che ha chiuso al terzo posto il raggruppamento C, risultando la miglior terza assoluta della categoria, che le permette di godere del fattore in campo. Servirà una prestazione d'assalto sin dai primi minuti per avere ragione di un avversario esperto e ottimamente messo sul terreno di gioco dall'esperto Braglia, cultore del "3-5-2".

 

Quali saranno le scelte di Vecchi per l'11 iniziale? Difficile dirlo, ma in mezzo al campo sarà ballottaggio tra Karic e Beccaro per sostituire Tait, mentre in avanti l'allenatore altoatesino potrebbe affidarsi al modulo con due trequartisti (Voltan e Casiraghi) alle spalle dell'unica punta con Fischnaller in ballottaggio con Odogwu.

 

La sfida del "Druso" sarà trasmessa in diretta in modalità Pay per view su Eleven Sport (elevensports.it) e su Sky Sport sul canale 252.

 

Oggi andranno in scena anche le gare di ritorno degli altri tre quarti di finale, tutte in programma alle ore 17.30: al "Moccagatta" l'Alessandria cercherà di ribaltare lo 0 a 1 dell'andata contro l'osticissima Feralpisalò, all' "Euganeo" il Padova, che può contare su di un Chiricò in modalità "on fire", ripartirà dal 3 a 1 con cui ha espugnato il campo del Renate all'andata (la squadra di Aimo Diana dovrà vincere con tre reti di scarto: se non impossibile, quasi), mentre a Catanzaro i padroni di casa potranno contare su due risultati su tre con l'Albinoleffe dopo l'1 a 1 maturato nella prima delle due gare.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
24 giugno - 06:01
In aula è andato in scena un duello fra Dallapiccola e il presidente Fugatti che è apparso in difficoltà nel giustificare le scelte della Giunta [...]
Cronaca
24 giugno - 10:51
E' stato necessario l'intervento dell'autogru dei vigili del fuoco per raddrizzare il mezzo pesante, parzialmente finito in un fossato
Cronaca
24 giugno - 10:25
La donna, una turista lettone, aveva iniziato la salita dal lago di Braies verso le 18 e l'ultimo contatto risaliva alle 20, quando aveva [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato