Contenuto sponsorizzato

La boxeur Michela Guglielmon è campionessa italiana e si conferma tra le promesse della boxe femminile nazionale

Dopo il doppio oro nella categoria Schoolgirl, Michela Guglielmon della Rovereto Boxe è campionessa italiana tra le Junior

Pubblicato il - 15 maggio 2024 - 16:59

Non c’è due senza tre. Dopo l’oro nel 2022 e quello nel 2023 nella categoria Schoolgirl, Michela Guglielmon ha conquistato a Roseto degli Abruzzi la cintura tricolore nella categoria Junior. Una vittoria che pone la ragazza della Rovereto Boxe tra le promesse della boxe femminile italiana.

 

Al primo anno della categoria Junior, Guglielmon si è dovuta confrontare con avversarie più esperte con alle spalle un gran numero di combattimenti in una categoria difficile e decisiva per il futuro degli atleti. L’allieva del maestro Beppe Pavan ha affrontato le finali degli italiani con un peso non ottimale: ha combattuto nella categoria 46 kg, la più leggera, pur essendo 43 kg. Chili in meno che si fanno sentire nella potenza dei colpi.

 

Ma la neo campionessa italiana non si è fatta intimorire. Nei quarti di finale ha condotto una prima parte del match contro la siciliana Gloria Potenza studiando l’avversaria per poi passare decisamente all’attacco sul finale.

 

Una tattica che ha costretto l’atleta siciliana sulla difensiva e a incassare una serie di colpi che gli sono costati l’incontro. Altra avversaria siciliana battuta nelle semifinali. Nel match contro Federica Ramaci, Michela Guglielmon è andata subito all’assalto imponendo un ritmo forsennato che l’avversaria, per quanto più esperta, non è riuscita a contenere. Netta la vittoria della ragazza della Rovereto Boxe: 4 – 1 al primo round, 5 – 0 al secondo e al terzo.

 

Eecco la finale. Sulla carta Guglielmon partiva svantaggiata: si è trovata di fronte un’avversaria, Jama Amina Mohamoud, rappresentante della Calabria, dal palmares in grado di far impallidire chiunque. Medaglia di bronzo agli europei Junior, arrivata in finale agli italiani dopo aver nettamente vinto e con scioltezza i match precedenti.

 

Un’impresa che sembrava disperata, tenuto conto che Guglielmon era inferiore di peso e che l’atleta calabrese, per contro, era molto più alta. Ma in questa situazione l’esperienza di Beppe Pavan è venuta in aiuto dell’atleta della città della Quercia. Il maestro ha deciso di cambiare tattica, di usare contro un’avversaria così tosta la guerriglia evitando lo scontro aperto.

 

E così la giovane roveretana ha aspettato gli attacchi, ha schivato le bordate che la portacolori calabrese ha cercato rabbiosamente di mettere a segno, rispondendo con brevi e potenti contrattacchi. Una scelta intelligente che ha funzionato. Infatti, i giudici non hanno avuto dubbi ad assegnare tutti i tre match a Michela Guglielmon per 5 – 0.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
23 maggio - 11:50
Gli attivisti hanno mostrato il messaggio "Il clima cambia, la politica no" e hanno indossato la t-shirt con "Parole, parole, parole" per rimarcare [...]
Cronaca
23 maggio - 11:01
Il racconto dei militari: "È tra le braccia di chi può aiutarci che ci abbandoniamo con fiducia. Ed è così che si sono sentiti al sicuro [...]
Politica
23 maggio - 10:55
Salvini sul palco del Festival dell'Economia per il panel ''Come sarà l’Italia dei trasporti, obiettivo 2032'' ha dovuto cominciare rispondendo [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato