Contenuto sponsorizzato

Delta Informatica senza chance contro la capolista

Volley. A Pesaro una sonora sconfitta per una Delta Informatica in partita solamente in avvio di gara. Poi si è assistito ad un monologo della capolista marchigiana

Un attacco di Rebora (foto Luciano Tamanini - Trentino Rosa)
Pubblicato il - 13 novembre 2016 - 22:45

PESARO. Trentine mai in partita e sonoro tonfo della Delta Informatica in quel di Pesaro: sconfitta per 3-0 al cospetto della capolista MyCicero. Dopo una partenza felice e un primo set condotto in vantaggio fino al 15-18, nella metà campo gialloblù si è infatti spenta drasticamente la luce. Con un parziale di 10-2 il myCicero ha rovesciato le sorti di una frazione che il sestetto di Iosi pareva avere in pugno, aggiudicandosi il parziale con il punteggio di 25-20 e rifilando un gancio al volto che ha tramortito Trento.  Da questo momento in avanti, infatti, la corazzata di Matteo Bertini è stata l’assoluta padrona del match, giocando una pallavolo fluida, commettendo pochi errori e approfittando senza farsi pregare della giornata no al servizio, in difesa e in attacco della Delta Informatica. 

Il primo set vede Trento spingere sull'acceleratore portandosi sul 4-8 e 6-11 trascinata da Rebora e Aricò. Nonostante qualche affanno in posto-4 con Kijakova e Nomikou ben marcate dal muro marchigiano, la Delta Informatica riesce a spingersi fino al 15-18. La reazione di Pesaro è però veemente e con un parziale di 10-2 Kiosi e compagne girano la frazione e si portano sull’1-0.

 

Un duro colpo per Fondriest e compagne che dopo il cambio di campo sembrano fin da subito risentirne, faticando a ritrovare quella fluidità di gioco mostrata in avvio. Mastrodicasa e Olivotto fanno la voce grossa al centro della rete, Trento prova a forzare il servizio ma dalla linea dei nove metri le gialloblù collezionano troppi errori (14-9). Iosi prova a correre ai ripari, inserendo prima Michieletto per Nomikou e successivamente Coppi per Kijakova: troppo tardi, però, per sperare nella rimonta con Kiosi che trascina Pesaro sul 2-0, nonostante un tentativo di rimonta finale di Trento, giunto fino al 21-18.

 

Nella terza frazione Michieletto prova a dar man forte ad Aricò su palla alta ma dopo un avvio punto a punto (5-5) il myCicero scappa via (12-8), eccellendo in difesa e attaccando con percentuali più alte rispetto alle trentine. Set in discesa per la capolista che intasca il set e i tre punti in palio (25-16).

MYCICERO PESARO – DELTA INFORMATICA TRENTINO 3-0

(25-20, 25-19, 25-16)

MYCICERO PESARO: Degradi 11, Olivotto 10, Kiosi 13, Santini 8, Mastrodicasa 10, Di Iulio 3, Ghilardi (L); Gamba 0, Bussoli 0, Pamio ne, Rimoldi ne, Tonello ne. All. Matteo Bertini

 

DELTA INFORMATICA TRENTINO: Moncada 1, Nomikou 2, Kijakova 4, Aricò 13, Fondriest 4, Rebora 5, Zardo (L); Michieletto 4, Coppi 7, Bogatec ne, Bortoli ne, Antonucci ne. All. Ivan Iosi

 

ARBITRI: Luca Grassia e Maurizio Merli

 

DURATA SET: 25’, 27’, 23’ (totale: 1h15’)

 

NOTE: myCicero Pesaro (attacco 40, muro 9, battuta 6, errori azione 8, errori battuta 7), Delta Informatica Trentino (attacco 33, muro 6, battuta 1, errori azione 6, errori battuta 12)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 11:51

La nuova ordinanza è valida fino al 31 gennaio 2021. Nelle aree pubbliche e private aperte al pubblico c'è il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche dalle 22 alle 5. Stabilito anche divieto di detenzione (ad eccezione di recipienti chiusi ed integri) di bevande di qualsiasi tipo

20 ottobre - 18:25

La Provincia di Bolzano ha comunicato i dati riferiti all'ultima settimana per quanto riguarda i numeri dei contagi registrati nelle strutture scolastiche del territorio di competenza. Sono 79, divisi fra 33 nelle scuole italiane e 46 in quelle di lingua tedesca

21 ottobre - 12:32

Mentre le regioni e le province autonome stanno decidendo nuove misure per frenare il contagio, il governo pensa a limitazioni che uniformino tutto il Paese. Si va verso la chiusura degli spostamenti fra i territori regionali e il coprifuoco per impedire gli assembramenti notturni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato