Contenuto sponsorizzato

Francesco Moser cala il tris, già tante le iscrizioni a La Moserissima

L'evento organizzato dall'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e dall'Asd Charly Gaul Internazionale torna sabato 8 luglio e propone agli appassionati di ciclismo vintage iscrizioni a 20 euro fino a fine anno

 

Il gruppo alla partenza della seconda edizione de La Moserissima - La Ciclostorica di Trento (foto Newspower)
Pubblicato il - 25 novembre 2016 - 20:07

TRENTO. Sabato 8 luglio, il fascino del vintage tornerà in auge a Trento grazie a “La Moserissima”, la terza edizione di una ciclostorica in grado di far sognare i cicloamatori e le vecchie glorie del passato sulle strade del Trentino. 

 

La stagione natalizia è in dirittura d’arrivo e, per l’occasione, l’evento dedicato a Francesco Moser e alla sua famiglia, permetterà a tutti gli appassionati del vintage d’iscriversi alla cifra di 20 euro entro il 31 dicembre e fino ad un massimo di 300 pettorali (Qui info e registrazioni). 

 

"La Moserissima" è la ciliegina sulla torta del ricco programma di eventi organizzato da venerdì 7 a domenica 9 luglio dall’Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e dall’ASD Charly Gaul Internazionale

 

I pedalatori partiranno ancora una volta dalla Città del Concilio, fondata dalle popolazioni celtiche prima di essere conquistata dai romani e denominata “Tridentum", in seguito Trento divenne un principato vescovile fino all'arrivo delle truppe napoleoniche sul finire del ’700. La successiva denominazione austro-ungarica diede un forte impulso alla città tridentina, rendendola un importante centro amministrativo e commerciale. Trento è dominata da imponenti montagne ed offre monumenti, palazzi e castelli, ma anche un’atmosfera rilassante, arricchita dalla varietà di musei e raffigurazioni pittoriche.

 

In questo spettacolare scenario a metà fra il centro cittadino di piazza Duomo, luogo di partenza dei ciclisti vintage de “La Moserissima”, e la natura circostante, i concorrenti balzeranno in sella alle loro bici d’acciaio con maglie di lana e qualche cappellino con visiera alla “Coppi e Bartali”, scattando alla volta di strade bianche e boschi rigogliosi, effettuando un vero e proprio amarcord delle due ruote.

 

La ‘truppa’ sarà comandata ancora una volta da Francesco Moser, autentico ispiratore dell’evento e creatore dei due spettacolari percorsi che coinvolgeranno gli appassionati.

 

Nessun tipo di agonismo o classifica, questa prestigiosa tappa del Giro d’Italia d’Epoca concederà anche ristori con prodotti locali del Trentino e vini prelibati, dislocati fra la cantina Cavit di Trento e quella di Maso Villa Warth, l’azienda agricola di Francesco Moser nella frazione di Gardolo di Mezzo. 

 

Tanti gli ex campioni del pedale che lo scorso anno si sono presentati sulle strade di Trento per onorare la manifestazione, con Francesco Moser, Gianni Motta, Marino Basso, Franco Bitossi, Palmiro Masciarelli e Luciano Armani a dare spettacolo concedendo anche qualche “chicca” ai giovani pedalatori. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 20:38

Sono 460 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 297 positivi a fronte dell'analisi di 4.323 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

26 novembre - 19:51

Mentre i contagiati comunicati da Fugatti e Segnana sono in costante calo, superati quasi ogni giorno dai guariti, il dato completo che comprende anche gli antigenici è meno rassicurante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato