Contenuto sponsorizzato

Inacio Pià giustizia il Levico, perdono anche Dro e Virtus Bolzano

Calcio. Il Dro conduce la gara per larghi tratti, ma poi nel recupero cede i tre punti. Virtus Bolzano travolta. Il Levico Terme perde in casa del Darfo Boario

Inacio Pià, un passato in Serie A, oggi veste la maglia del Darfo Boario
Pubblicato il - 02 ottobre 2016 - 18:55

TRENTO. Domenica amara per le squadre regionali, impegnate nel girone B di Serie D. 

 

Il Dro rimane a bocca asciutta dopo aver condotto per larghi tratti la gara contro l'Olginatese. Amassoka sblocca su calcio di rigore, ma i droati prima subisco il pareggio di Rossi a inizio ripresa, quindi ritornano il vantaggio con Paoli al 55'. Gli ospiti sembrano poter condurre in porto la vittoria, ma Mara e Pacino tolgono il sorriso a Soave.

 

Il Levico Terme perde in casa e resta ancora sul fondo della classifica in cerca della prima vittoria. La doppietta di Inacio Pià (ex Torino, Napoli e Atalanta) indirizza la sfida in favore del Darfo Boario e giustizia i termali. Vana la rete di Calì.

 

La Virtus Bolzano regge un tempo contro il Pontisola. Boffelli apre le danze per  padroni di casa. Nel secondo tempo Joelson, Ferreira Pinto e Romanini arrotondano il risultato, 4-0 il finale.

 

LEVICO TERME - DARFO BOARIO 1-2

11' e 47' Pià  (D), 64' Calì (L)

 

OLGINATESE - DRO 3-2

43' rig. Amassoka (D), 48' Rossi (O), 55' Paoli (D), 88' Mara (O), 90' Recino (O)

Paoli - 55'

 

PONTISOLA - VIRTUS BOLZANO 4-0

37' Boffelli, 61' Joelson, 66' Ferreira Pinto e 77' Romanini (P)

 


 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 13:27

I laboratori dell'Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 2.010 tamponi molecolari e registrati 162 nuovi casi. Inoltre 91 test antigenici positivi. Sono 41 i cittadini che ricorrono alle cure della terapia intensiva di cui 36 classificati come Covid e 3 ricoverati all'estero

04 marzo - 11:59

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha confermato la zona “rosso scuro” per Trentino e Alto Adige ma fa il suo ingresso anche l’Emilia-Romagna. In questi territori l’incidenza, calcolata su due settimane, supera i 500 casi ogni 100.000 abitanti

04 marzo - 13:15

Dalle ore 24 di giovedì 4 marzo fino al 14 marzo, tutta la Lombardia sarà in zona "arancione rinforzato". La giunta ha infatti deciso di eliminare ogni differenza tra le aree, così da preservare quelle province meno interessate dai contagi. Il presidente Attilio Fontana: "Tutte le scuole di ogni ordine e grado, eccetto i primi servizi all'infanzia, dovranno sospendere l'attività in presenza"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato