Contenuto sponsorizzato

La Diatec non lascia scampo a Milano

Volley. La Trentino Volley mantiene l'imbattibilità stagionale e conclude il match contro Milano con un secco 3-0

Pubblicato il - 06 novembre 2016 - 19:37

TRENTO. Nessuna sorpresa: la Trentino Volley sconfigge nettamente il Revivre Milano per 3-0 (29-27; 25-19; 25-19) e complice lo scivolone di Verona (sconfitta a Modena 3-0) agguanta il terzo posto a quota 20 punti, ma con una partita ancora da recuperare contro Piacenza (rinviata a giovedì 17 novembre per l'impegno della Diatec in Brasile per il Mondiale per Club, ndr).

 

La Diatec soffre solo il primo set, vinto ai vantaggio, ma poi non lascia più respiro a Milano portando a casa agevolmente il bottino pieno e mantenendo l'imbattibilità stagionale dopo otto turni di regular season.

 

Nello starting six Angelo Lorenzetti propone Giannelli in diagonale a Nelli, Lanza e Urnaut in posto 4, Solé e Daniele Mazzone al centro, Colaci libero.

Milano risponde con Sbertoli di nuovo titolare in regia, Dennis opposto, Hoag e Marretta schiacciatori, Tondo e Galassi al centro, Cortina libero.

 

L’avvio di gara è tutto in salita per la Diatec Trentino, che fatica in ricezione e non trova sbocchi in attacco; Milano non si lascia pregare a scappa via sul +3 (4-7). Il distacco rimane invariato a lungo (14-17), perché Dennis passa con regolarità non permettendo ai padroni di casa di riavvicinarsi. Milano ha un altro spunto, quando Hoag trova un ace aiutato dal nastro e Marretta ferma Nelli (15-20). Lorenzetti corre allora ai ripari e inserisce Stokr: la mossa funziona e i trentini rosicchiano qualche punto (20-22), prima che un doppio miracolo difensivo e un break point di Urnaut portano il risultato in pareggio (24-24). Ai vantaggi la Diatec Trentino mette la freccia e chiude (29-27).

Nel secondo set un turno di servizio di Giannelli apre la strada al tentativo di fuga (8-4). I trentini difendono la reazione di Milano, mentre Stokr e Solé spingono i padroni di casa sul 12-6. Sbertoli al servizio scuote Milano (12-10), costringendo Lorenzetti al time out. Trento riparte concentrata e i muri di Urnaut e Stokr rimettono gli ospiti al loro posto (15-10). I lombardi non riescono più a trovare varchi e Trento si porta sul 2-0 (25-19). 

 

La Trentino Volley non perde il filo nel terzo parziale e dopo l'iniziale equilibrio, allunga sul 9-6. Milano cerca di restare in partita, ma Trento non si scompone (15-10) e scappa sul definitivo 25-19 firmato capitan Lanza.

 

DIATEC TRENTINO - REVIVRE MILANO 3-0
(29-27, 25-19, 25-19)

DIATEC TRENTINO: Solé 5, Nelli 2, Urnaut 15, Mazzone D. 9, Giannelli 4, Lanza 14, Colaci (L); Stokr 8, Antonov, Van de Voorde 1, Blasi. N.e. Burgsthaler, Mazzone T., Chiappa. All. Angelo Lorenzetti.
 

REVIVRE: Hoag 11, Tondo 4, Dennis 7, Marretta 6, Galassi 4, Sbertoli 5, Cortina (L). N.e. Galaverna, Skrimov, Nielsen, Rudi, De Togni, Boninfante, Starovic. All. Luca Monti. 
 

ARBITRI: Vagni di Perugia e Santi di Città di Castello (Perugia).
 

DURATA SET: 33’, 24’, 21’; tot. 1h e 18’.
 

NOTE: 3.016 spettatori, per un incasso di 19.189 euro. Diatec Trentino: 9 muri, 3 ace, 20 errori in battuta, 7 errori azione, 59% in attacco, 45% (22%) in ricezione. Revivre Milano: 3 muri, 5 ace, 16 errori in battuta, 4 errori azione, 40% in attacco, 61% (35%) in ricezione. Mvp Urnaut.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 06:01

Dopo la decisa presa di posizione di Cgil, Cisl e Uil ma anche quella dell'Upt, duri i consiglieri provinciali dopo che l'assessora Stefania Segnana è intervenuta per scaricare (ancora una volta) le responsabilità sui medici e ha attaccato il presidente Marco Ioppi

25 maggio - 20:41

L'intervento della Pat si articola in due fasi. Critiche anche Uil e Nursing up: "Ci chiediamo dove siano finiti i finanziamenti economici aggiuntivi che la Provincia ha ricevuto in marzo e maggio dal governo di Roma per sanità e contrattazione, per non parlare poi dei 20 milioni già stanziati nelle finanziarie provinciali per il nuovo contratto del pubblico impiego 2019/2021 e poi soppressi"

25 maggio - 19:16

Ci sono 5.400 casi e 462 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 675 (315 letti da Apss e 360 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone a 0,15%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato