Contenuto sponsorizzato

"Lechthaler sta bene e Joao Gomes non si tocca", parola di Trainotti

Dopo l'incidente di ieri il Centro si è ripreso. Smentite le polemiche sul taglio del portoghese. Il general manager: "Lavoriamo sodo per tornare a vincere"

Di Luca Andreazza - 23 novembre 2016 - 20:25

TRENTO. Si sa, lo sport lascia poco spazio alla riconoscenza. Si volta subito velocemente pagina per gettarsi sul nuovo capitolo. Capita così che due stagioni oltre ogni rosea aspettativa in Serie A si dimenticano in fretta. L'acquolina è tanta e basta un momento nero, una crisetta di quattro sconfitte consecutive giocando sempre alla pari, per lasciare alle spalle anche la vittoria a Venezia e il sapore dei due punti sfumati contro Reggio Emilia, per scordare tutto e far storcere la bocca. E poiché piove sempre sul bagnato, l'Aquila Basket si trova anche alle prese con intoppi purtroppo reali (l'incidente di ieri capitato al centro made in Trentino Luca Lechthaler, ndr) e presunti (il 'taglio' di Joao Gomes, ndr). 

 

"Luca Lechthaler sta bene, ha riportato un forte trauma toracico, ma è stato dimesso questa mattina dal Pronto Soccorso dell'Ospedale Santa Chiara di Trento. Adesso dovrà osservare qualche giorno di riposo per ristabilirsi completamente e per riprendere ad allenarsi intensamente", afferma deciso Salvatore Trainotti, general manager della Dolomiti Energia.

 

Un'Aquila Basket reduce da un periodo poco brillante in campionato, costellato dalle quattro sconfitte consecutive, dopo un buon inizio di stagione: "L'ambiente ha imparato velocemente a mettere pressione alla squadra, ma a testa bassa cerchiamo di rimboccarci le maniche per superare la china".

 

E come se non bastasse, ora il sodalizio di Piazzetta Lunelli si trova a gestire con un pizzico d'irritazione anche alcune voci comparse oggi sulla stampa locale di una possibile 'prova d'appello', 'messa in discussione' e probabile 'taglio' del portoghese Joao Gomes. Indiscrezioni che hanno indotto la società bianconera a smentire categoricamente questa eventualità attraverso un comunicato stampa: "Sono illazioni che possono destabilizzare l'ambiente - spiega Trainotti - e i rapporti diretti con i giocatori. Il nostro interesse è tutelare il gruppo e in questo momento stiamo lavorando sodo tutti insieme per uscire da questa carenza di risultati, abbiamo quindi altri pensieri per la testa che 'tagliare' atleti".

 

Una squadra che in estate si è profondamente rinnovata, cambiando diverse pedine e alcuni interpreti sul parquet e "per questo - dice - siamo concentrati esclusivamente sul campo. Il rendimento della squadra è stato altalenante, non si tratta delle difficoltà di un singolo giocatore. E' giusto rispettare il percorso di ambientamento di ogni atleta e siamo convinti di poter ritrovare la strada maestra già domenica. E' necessario trovare il giusto equilibrio e le alchimie ideali. Negli occhi dei ragazzi leggo unità di intenti e voglia di tornare alla vittoria".

 

Punto fermo resta, senza dubbio alcuno, coach Maurizio Buscaglia, fresco della nomina di allenatore alla Nazionale italiana Under 20: "Una scelta - conclude il general manager bianconero - che ci rende orgogliosi. Questo riconoscimento certifica una crescita rapida e costante della nostra società. Un premio per l'Aquila Basket e tutto l'ambiente che nel passato ha saputo scegliere un ottimo allenatore, seminando nel tempo e pianificando tutti insieme un viaggio ancora lungo".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
29 novembre - 19:22

L'allerta è scattata alle 16.30 di oggi lungo la strada statale 237 all'altezza del centro abitato di Ponte Arche. In azione la macchina dei soccorsi tra ambulanze, elicottero, vigili del fuoco di Lomaso e polizia delle Giudicarie

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato