Contenuto sponsorizzato

Un'esperienza multiculturale, ecco come visitare Singapore in 24 ore

L'isola offre tante opportunità per una vera e propria esperienza multiculturale. I consigli di Viaggigiovani.it per sfruttare al meglio 24 ore a Singapore

Pubblicato il - 11 maggio 2018 - 17:00

TRENTO. L’isola di Singapore è abitata da 5,4 milioni di persone che provengono da culture diverse – e questo rende la visita della città una vera e propria esperienza multiculturale. Dalle enclave cinesi, indiane e malesi alla metropolitana Marina Bay, Singapore ha tonnellate di scoperte culturali da offrire, anche se hai solo poco tempo. Ecco qui i consigli di Viaggigiovani.it per sfruttare al meglio 24 ore a Singapore.  

 

Mattina

Inizia presto la giornata al Kampong Glam nell’enclave malese per evitare di gironzolare sotto il caldo sole del pomeriggio. Ordina il brunch al Singapore Zam Zam, un ristorante in North Bridge Road che serve il migliore mee goreng (noodles indiani fritti) e il murtabak (pancake farciti con carne tritata di montone), e accompagnali con una tazza di teh o kopi tarik aromatizzato (tè o caffè). Prosegui poi verso la Sultan Mosque e il Malay Heritage Center per cogliere tutta l’atmosfera storica e imparare qualcosa sui primi insediamenti malesi. Una volta l’Heritage Center era l’Istana Kampong Glam (il palazzo del sultano).   

 

Pomeriggio

Dall’enclave malese, spostati verso Chinatown, conosciuta come Niu che shui. Fin dai giorni di Raffles (il fondatore di Singapore), i cinesi hanno vissuto e lavorato intorno a Pagoda Street, Temple Street, Trengganu Street e Saigo Street. Qui potrai ammirare l’architettura del pre-guerra così come i negozi di souvenir sui bordi delle strade. Per pranzo, visitate il più grande centro di venditori ambulanti di Singapore, che conta più di 220 baracchini di cibo. Parlando di imbarazzo della scelta! Dopo pranzo, dedicati allo shopping o visita uno dei siti religiosi per vivere un’esperienza multiculturale e multi-religiosa che rende Singapore un posto unico.

 

Sera

Una giornata culturale a Singapore non è completa senza una visita a Little India. Qui ti sentirai come se venissi trasportato lungo le strade dell’India del Sud, mentre verrai accolto dai cartomanti con i loro pappagalli, dai venditori di fiori che intrecciano ghirlande ai lati delle strade e dal profumo pungente delle spezie lungo Serangoon Road. Esplora la Little India Arcade per alcuni snack e dessert deliziosi. Fatti fare un tatuaggio temporaneo con l’henné come souvenir. Per cena, concediti il lusso di mangiare del curry di pesce o del briyani servito sulle foglie di banana.

 

Notte

Una volta che hai esplorato le tre principali enclave di Singapore, completa la tua gita con le incantevoli immagini notturne della zona di Marina Bay. Tienile ben salde nei tuoi ricordi al Merlion Park, dove la mascotte del turismo di Singapore, the Merlion (una creatura con il corpo da pesce e la testa da leone), svetta sul resto. Lasciati incantare dalle straordinarie esibizioni con acqua, luci, suoni e giochi pirotecnici prima che il sipario si abbassi, arrivando persino a pensare “per oggi basta così”.

 

Le proposte del tour operator Viaggigiovani.it per un viaggio per Singapore, sono tantissime.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.20 del 08 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 dicembre - 16:56

Tra i dati sempre più drammatici del Paese, Bolzano e Trento restano i luoghi dove le donne hanno più figli (rispettivamente 1,74 e 1,49). I maschi trentini sono quelli del nord che hanno figli più tardi (35,8 anni). I nomi più diffusi in Italia tra i neonati sono Francesco e Sofia, in Trentino e Alto Adige cambiano

09 dicembre - 18:33

Soddisfazione all'Apt per il grande afflusso di turisti e visitatori tra le 92 casette del Mercatino e le 400 bancarelle della Fiera di Santa Lucia

09 dicembre - 05:01

Giovedì sera Jacob è rimasto vittima di un atto di razzismo mentre si trovava in piazza Cesare Battisti per bere un brulè con gli amici. Saputo quello che era successo l'assessore comunale Roberto Stanchina e la direttrice dell'Apt Elda Verones, si sono immediatamente messi in contatto con il ragazzo chiedendogli scusa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato