Contenuto sponsorizzato

Sardegna tra relax e benessere: alla scoperta dei migliori centri termali dell’isola

Adesso che l’estate si avvicina, in tanti iniziano già a sognare uno stabilimento, un lettino e il mare, così da potersi rinfrescare e dimenticare il caldo e lo smog della città

Pubblicato il - 10 maggio 2019 - 17:36

TRENTO. Adesso che l’estate si avvicina, in tanti iniziano già a sognare uno stabilimento, un lettino e il mare, così da potersi rinfrescare e dimenticare il caldo e lo smog della città. 

 

Eppure, anche se ai più potrebbe sembrare bizzarro, anche la stagione più calda dell’anno vede nelle terme una soluzione magnifica. Perché l’acqua termale innanzitutto aiuta a scaricare lo stress come nient’altro al mondo, e poi favorisce un’azione detossinante molto sana per il nostro organismo. 

 

Come se non bastasse già questo, migliorando la salute della pelle per via dell’effetto detox, l’acqua termale consente di combattere meglio l’afa. Per questo oggi scopriremo insieme alcuni centri termali in Sardegna, una regione perfetta per rilassarsi e godere dei benefici della natura.

 

Una premessa prima delle terme

 

Quando si parla di Sardegna viene in mente, prima di tutto, la bellezza delle coste e del suo mare. Per questo motivo, la soluzione migliore per alloggiare in questa regione è quella di scegliere un hotel sul mare in Sardegna: sarà una base di partenza perfetta per partire poi alla scoperta delle località termali, e per godere di tutti i vantaggi delle loro acque, ricche di proprietà.

 

Le maggiori località termali sarde

 

Casteldoria: le terme di Casteldoria sono uno dei centri più famosi della Sardegna. Situate in provincia di Sassari (Santa Maria Cochinas), sono praticamente a ridosso della spiaggia di San Pietro. L’acqua di Casteldoria possiede una serie di proprietà impressionanti ed è nota per le sue funzioni antisettiche e miorilassanti, ottime per disintossicare il corpo e potenziare le difese immunitarie.

 

Sardara: le terme di Sardara si trovano a Santa Maria Acquas, in provincia di Oristano, e sono anche le più famose della Sardegna. Il motivo è dato dal fatto che si parla della sorgente termale più antica di questa regione, e che la sua acqua è di un tipo particolarmente raro in Europa. Nella fattispecie, provvede ad equilibrare il pH favorendo la lotta all’acidità e alla gastrite. In secondo luogo, possiede delle spiccate proprietà anti-invecchiamento e contro gli inestetismi della pelle (come l’acne).

 

Tempio Pausania: le terme di Tempio Pausania si trovano in provincia di Olbia, e sono note per via del loro effetto positivo sull’apparato urinario e sul diabete. Si tratta di una fonte termale che provvede anche al potenziamento della circolazione del sangue.

 

Terme di Benetutti: situate fra Benetutti e Bultei, queste acque termali sulfuree sono ideali per una serie molto ampia di trattamenti, come ad esempio l’idroterapia e la ionoforesi. Anche in questo caso si parla di una fonte termale molto antica, e sfruttata da svariati secoli (anche dagli antichi romani).

 

Questa estate, dunque, il consiglio è di visitare la Sardegna non solo per i suoi splendidi litorali, ma anche per le sue acque termali dai tanti benefici salutari.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 luglio - 13:32

E' di dieci punti il programma presentato da Forza Italia questa mattina con il nuovo commissario per il Trentino Ettore Zampiccoli. Baracetti ha spiegato che è importante “riportare al centro i doveri” e questo per avere “diritti e libertà”. “La cultura del diritto ad ogni costo – ha affermato – non porta benessere ma alla cultura dell'Io. Di soli diritti si rischia di morire”

08 luglio - 12:56

Si doveva votare il 21 giugno e per arrivarci (e arrivare alla conferma di Vučić) il problema della pandemia ancora presente nel Paese è stato sminuito. Oggi i conti non tornano (come spiega l'Osservatorio Balcani Caucaso) e questa notte all'annuncio dell'inasprimento delle regole per contenere il virus gli antigovernativi hanno manifestato. Sono stati bruciati tre mezzi della polizia, 23 persone sono state arrestate e si segnalano molti feriti

08 luglio - 11:31

A trovare il corpo senza vita della donna è stato un turista che stava parcheggiando l'auto. Si segue la strada dell'omicidio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato