Contenuto sponsorizzato

Sardegna tra relax e benessere: alla scoperta dei migliori centri termali dell’isola

Adesso che l’estate si avvicina, in tanti iniziano già a sognare uno stabilimento, un lettino e il mare, così da potersi rinfrescare e dimenticare il caldo e lo smog della città

Pubblicato il - 10 maggio 2019 - 17:36

TRENTO. Adesso che l’estate si avvicina, in tanti iniziano già a sognare uno stabilimento, un lettino e il mare, così da potersi rinfrescare e dimenticare il caldo e lo smog della città. 

 

Eppure, anche se ai più potrebbe sembrare bizzarro, anche la stagione più calda dell’anno vede nelle terme una soluzione magnifica. Perché l’acqua termale innanzitutto aiuta a scaricare lo stress come nient’altro al mondo, e poi favorisce un’azione detossinante molto sana per il nostro organismo. 

 

Come se non bastasse già questo, migliorando la salute della pelle per via dell’effetto detox, l’acqua termale consente di combattere meglio l’afa. Per questo oggi scopriremo insieme alcuni centri termali in Sardegna, una regione perfetta per rilassarsi e godere dei benefici della natura.

 

Una premessa prima delle terme

 

Quando si parla di Sardegna viene in mente, prima di tutto, la bellezza delle coste e del suo mare. Per questo motivo, la soluzione migliore per alloggiare in questa regione è quella di scegliere un hotel sul mare in Sardegna: sarà una base di partenza perfetta per partire poi alla scoperta delle località termali, e per godere di tutti i vantaggi delle loro acque, ricche di proprietà.

 

Le maggiori località termali sarde

 

Casteldoria: le terme di Casteldoria sono uno dei centri più famosi della Sardegna. Situate in provincia di Sassari (Santa Maria Cochinas), sono praticamente a ridosso della spiaggia di San Pietro. L’acqua di Casteldoria possiede una serie di proprietà impressionanti ed è nota per le sue funzioni antisettiche e miorilassanti, ottime per disintossicare il corpo e potenziare le difese immunitarie.

 

Sardara: le terme di Sardara si trovano a Santa Maria Acquas, in provincia di Oristano, e sono anche le più famose della Sardegna. Il motivo è dato dal fatto che si parla della sorgente termale più antica di questa regione, e che la sua acqua è di un tipo particolarmente raro in Europa. Nella fattispecie, provvede ad equilibrare il pH favorendo la lotta all’acidità e alla gastrite. In secondo luogo, possiede delle spiccate proprietà anti-invecchiamento e contro gli inestetismi della pelle (come l’acne).

 

Tempio Pausania: le terme di Tempio Pausania si trovano in provincia di Olbia, e sono note per via del loro effetto positivo sull’apparato urinario e sul diabete. Si tratta di una fonte termale che provvede anche al potenziamento della circolazione del sangue.

 

Terme di Benetutti: situate fra Benetutti e Bultei, queste acque termali sulfuree sono ideali per una serie molto ampia di trattamenti, come ad esempio l’idroterapia e la ionoforesi. Anche in questo caso si parla di una fonte termale molto antica, e sfruttata da svariati secoli (anche dagli antichi romani).

 

Questa estate, dunque, il consiglio è di visitare la Sardegna non solo per i suoi splendidi litorali, ma anche per le sue acque termali dai tanti benefici salutari.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.15 del 22 Gennaio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:45

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio si è dimesso dal ruolo di segretario del M5S a seguito del processo di riforma interno che ha portato all'istituzione dei facilitatori, figure di raccordo tra centrale e locale. Tra questi, in Trentino, il consigliere provinciale Alex Marini. "Grazie a Di Maio, il Paese è diverso anche per il suo lavoro". E il leghista Savoi si lascia andare all'ennesima caduta di stile

22 gennaio - 19:23

Mentre ancora oggi il presidente della Pat dimostra di non aver capito che problemi complessi richiedono soluzioni altrettanto articolate (e, demagogicamente, lega la nascita della Scuola di Medicina al ''dare risposte concrete ad un territorio di montagna come il nostro'') appare evidente che la linea della giunta è stata stralciata completamente e in Veneto si parla di una Padova che ''si fa da parte'' (e apre a Treviso una facoltà da 60 posti)

22 gennaio - 18:42

Al momento del voto le opposizioni sono uscite dall’aula facendo mancare il numero legale: “Ripartiamo daccapo”, Matteotti (M5s): “Dietro a un po’ di verde si nasconde un grande blocco di cemento”. La replica di Zanoni: “Variante coraggiosa, noi vogliamo difendere i valori morali della città che non possono essere schiacciati da nessun potentato di turno”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato