Contenuto sponsorizzato

Verde cittadino, al via l'abbattimento di 33 alberi. Gilmozzi: ''Interventi per la sicurezza della popolazione''

I lavori di manutenzione della vegetazione previsti tra la primavera e l'estate: coinvolgeranno oltre 800 piante. Gli alberi tagliati saranno sostituiti. L'assessore: ''Danneggiamenti anche per gli eventi atmosferici estremi''

Di Pier Paolo Bonini, Cristiano Eccel (Liceo Prati) - 26 febbraio 2019 - 13:39

TRENTO. Sono circa ottocento le piante che, in città, tra la primavera e l'estate, saranno sottoposte al programma di manutenzione predisposto dall'Ufficio parchi e giardini del Comune di Trento.

 

Il patrimonio arboreo cittadino conta a oggi oltre 15.000 piante, tra censite e stimate, delle quali 5.000 di verde stradale e altre 3.000 collocate in parchi e aree verdi.

 

Le piante sulle quali intervenire sono state individuate secondo il criterio della turnazione e con un lavoro di censimento e valutazione "Vta" ("Visual Tree Assessment"), introdotto nel 2017. Gli esperti hanno compiuto un'analisi dello stato fitosanitario delle piante che ha permesso un giudizio sulla qualità complessiva e la suddivisione in cinque gruppi (A, B, C, C/D, D) di cui i primi due comprendono gli alberi relativamente sani mentre i restanti quelli che necessitano di intervento o abbattimento.

 

Il programma includerà 769 potature e 20 consolidamenti; 33 saranno invece gli abbattimenti che riguarderanno le seguenti piante:

 

- due paulonie in piazza Lodron

- una robinia nell'area cani dei Solteri

- gli abeti davanti all'ingresso del cimitero di Martignano

- due ciliegi nel giardino di Clarina

- cinque robinie nell'area gioco del giardino di Maso Ginocchio

- due platani e un cedro nel parco delle Albere

- alcune piante in piazza Centa

- una robinia in piazza Venezia

- quattro ciliegi nel giardino Salè

- una sequoia, una taxodia, una quercia e un tiglio nel giardino Garbari

- due ippocastani sulla rampa stradale di Sopramonte

- due sofore in via Tommaso Gar.

 

Sottolinea l'assessore ai Lavori pubblici Italo Gilmozzi: "La stabilità di questi alberi risulta gravemente compromessa, devono quindi essere abbattuti per ragioni di sicurezza e per la salvaguardia dei cittadini considerato anche il ripetersi di eventi atmosferici estremi".

 

L'Ufficio parchi e giardini assicura infine che le piante abbattute saranno prontamente sostituite, dove possibile.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 luglio - 19:22

In aula il presidente della Provincia ha ribadito più volte che non c'è compatibilità tra grandi carnivori e agricoltura e allevamento di montagna rischiando di svilire dei progetti apprezzati e premiati in tutta Europa che possono essere migliorati ma hanno già raggiunto grandi risultati (170.000 euro di danni in un anno per le 100-120 unità tra orsi e lupi sono circa 1.500 euro a grande carnivoro, cifre migliorabili ma comunque molto basse)

22 luglio - 19:18

L'incidente è avvenuto intorno alle 17.45 l'escursionista stava percorrendo il sentiero lungo la via ferrata Burrone Giovanelli per raggiungere il canyon e poi il monte di Mezzocorona

22 luglio - 13:11

Parliamo di errore perché non potrebbe essere altrimenti. Il presidente della Pat ha pronunciato queste parole questa mattina in consiglio provinciale illustrando l'assestamento di bilancio 2019-2021 ed è la frase è anche nel documento. ''Un miracolo che può riuscire solo all'assessore alla conosc(i)enza Bisesti'', commenta l'ex assessora Sara Ferrari. In realtà, si immagina, volessero scrivere Alta formazione professionale (e non università) 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato