Contenuto sponsorizzato

Come sarà Trento nel 2040? Gli studenti del Buonarroti la immaginano così: tanti alberi, biciclette e mezzi pubblici non inquinanti

Gli studenti e le studentesse dell'istituto trentino si sono trovati, questa mattina, per discutere due questioni, fondamentali, per un futuro sostenibile e attento all'ambiente: acqua e stili di vita. L'incontro si inserisce all'interno del tema "Trentino sostenibile del 2040" portato avanti dalla Provincia insieme a Muse, Università e, in particolare il dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale 

Pubblicato il - 06 febbraio 2020 - 17:48

TRENTO. Come sarà il Trentino del 2040? Ad immaginarlo ci hanno provato le ragazze e i ragazzi dell'Istituto Buonarroti di Trento. L'impegno degli studenti dell'istituto trentino si inserisce all'interno del tema "Trentino sostenibile del 2040" portato avanti dalla Provincia insieme a Muse, Università e, in particolare il dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale con la Cattedra Unesco per i Sistemi Anticipanti affidata al professor Roberto Poli.

 

Gli studenti e le studentesse dell'istituto si sono concentrati su due questioni, fondamentali, per un futuro sostenibile e attento all'ambiente: acqua e stili di vita. Il percorso provinciale si avvale della partecipazione di componenti della società civile: dagli studenti delle superiori a quelli dell'università, dai cittadini a tutti gli altri portatori di interesse. 

 

Questa mattina, 6 febbraio, i protagonisti di questo percorso sono stati gli studenti dell'Istituto Buonarroti che si sono concentrati su due degli obiettivi posti dalla provincia. L'istituto forma studentesse e studenti negli ambiti della meccanica, della meccatronica ed energia, chimica dei materiali e biotecnologie, elettrotecnica e elettronica, informatica e telecomunicazioni, costruzione ambiente e territorio. Tutti ambiti, insomma, in cui l'approccio sostenibile è di cruciale importanza

 

 "E' per questo - come sottolinea la dirigente scolastica Laura Zoller - che le iniziative, i progetti e le collaborazioni con imprese e enti sui temi della sostenibilità non solo sono i benvenuti ma sono, spesso, sollecitati dagli studenti". Durante l'incontro svoltosi stamane i ragazzi si sono dunque impegnati, con entusiasmo, per proporre soluzioni e vagliare prospettive rispetto a due obiettivi: acqua e stili di vita. 

 

Il confronto è stato portato avanti basandosi sul metodo "Tre orizzonti", una sorta di "esercitazione di futuro" pensando "tipi" diversi di futuro: possibile, plausibile, probabile, preferibile. Si tratta di una metodologia che viene usata, da alcuni anni, in diversi ambiti (aziende, scuole, servizi pubblici e privati) con ottimi risultati. 

 

Ad interloquire con i ragazzi sono stati, in particolare,  Rocco Scolozzi, formatore ed ecologo, Paola Delrio dell'Umse (Strategia sviluppo sostenibile 2030 guidata da Claudio Ferrari) e il dirigente medico Pirous Fateh Moghadam del dipartimento salute. Tra loro anche Giulio Cremona, rapporteaur per l'Università di Trento.  

 

Quindi, come sarà il Trentino del 2040? Le ragazze e i ragazzi del Buonarroti l'hanno immaginato così: un ospedale Santa Chiara all'avanguardia, senza auto e circondato da tantissimi alberi, una città votata alla sostenibilità, biciclette e monopattini, e poi ancora auto e mezzi pubblici non inquinanti e sistemi di irrigazione tecnologici per non sprecare acqua. I ragazzi hanno poi immaginato l'istituzione di un comitato che si incontri, a cadenza mensile, per studiare quali azioni mettere in campo contro l'inquinamento.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 12:25

Tamponi antigenici e molecolari, a scuola c’è ancora confusione ma si fa largo l’ipotesi che i positivi ai test rapidi sfuggano dai conteggi per mettere le classi in quarantena. La lettera di una mamma: “Le maestre hanno il divieto tassativo di avvisare i genitori di eventuali contagi. Credo sia molto grave”

24 novembre - 11:49

Sono stati analizzati 1.414 tamponi per 160 test risultati positivi e un rapporto contagi/tamponi che si attesta al 11,3%. Altri 16 morti, il bilancio sale a 195 vittime in questa seconda ondata, il totale è di 490 decessi da inizio epidemia. Sono 21.620 le persone che hanno contratto il coronavirus da marzo

24 novembre - 10:44

L'ente che si occupa del patrimonio immobiliare pubblico del Trentino è guidato dal direttore emerito di un istituto che meno di un mese fa ha invitato gli italiani alla ''disobbedienza fiscale'' contro i dpcm del governo Conte e che fatica a mettere in regola lo stesso ente pubblicando il suo curriculum vitae (avrebbe dovuto farlo dal 5 ottobre e ci sono due interrogazioni al riguardo in consiglio provinciale). Da quello del consigliere Cesare Scotoni, intanto, emerge una dichiarazioni dei redditi molto scarna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato